palazzo-chigiDurante il giuramento del nuovo Governo davanti a Palazzo Chigi c’è stato un attentato e due carabinieri sono stati feriti, uno è più grave con una ferita al collo e l’altro meno grave alla gamba. Lo sparatore sarebbe stato fermato. Anche l’uomo che ha aperto il fuoco contro i carabinieri è stato ferito nella successiva sparatoria.

Ha sparato un uomo in giacca e cravatta
E’ stato un uomo in giacca e cravatta che all’improvviso ha aperto il fuoco davanti a Palazzo Chigi contro due carabinieri, che avrebbero risposto al fuoco. L’uomo potrebbe essere uno squilibrato e, a sua volta ferito, è stato fermato dalle forze dell’ordine.

Carabiniere Ferito
Carabiniere Ferito – Repubblica.it

I carabinieri feriti
Uno dei due carabinieri ferito davanti p. Chigi è stato raggiunto da un colpo d’arma da fuoco al collo, e le sue condizioni appaiono serie. L’altro militare è stato ferito a una gamba e le sue condizioni non sarebbero preoccupanti.

7 bossoli a terra
Sono sette i bossoli che la polizia scientifica ha identificato a terra a Piazza Colonna, dove è avvenuta la sparatoria. La polizia scientifica ha circoscritto con l’apposito nastro la scena del crimine identificando con il gesso il luogo esatto in cui sono caduti i bossoli.

Il giuramento
Subito dopo il premier, Enrico Letta, ha prestato giuramento al Quirinale, Angelino Alfano, vice premier e ministro dell’Interno. Dopo di lui hanno cominciato a giurare i ministri senza portafoglio e infine quelli con portafoglio. (tratto da RaiNews24)

11 COMMENTI

  1. Cosa dire, è grave, un episodio gravissimo, ma che deve far riflettere i signori politici, qui sotto sotto c’è la disperazione di un uomo incensurato che ha perso la testa, peccato.

    Peccato l’attentatore e peccato soprattutto i Carabinieri, persone speciali che non fanno altro che il loro dovere, al servizio di chi non ha proprio la coscienza a posto.

    Le intenzioni dell’attentatore erano quelle di colpire il politico, almeno dalle dichiarazioni rese al telegiornale.

    Con questo Non giustifico assolutamente questo gesto.

    La disperazione è figlia del dolore, e allora cari politici mettetevi a lavoro seriamente, e fate in modo che non accadano più questi episodi, se nel corso della vita non date la possibilità di lavorare a una persona, che vita è?? E’ morte altro che vita.
    Tanta ma tanta solidarietà alle famiglie colpite da questo brutto evento.

  2. Massima solidarietà ai due agenti feriti ed alle loro famiglie.
    Tuttavia, non riesco a fare a meno di riferire la mia paura che questo possa essere solo il primo di una serie di gesti estremi messi in atto dalle tante persone normali rese disperate dalla crisi economica, politica e sociale che stiamo vivendo.

  3. Innanzitutto esprimo la mia piena
    solidarietà ai due Carabinieri coinvolti nel triste episodio. Ad essi auguro pronta e completa guarigione.

    La mia opinione è che il gesto del
    Sig, Luigi Raiti sia frutto di una sua traballante situazione familiare, aggravata
    da quella economica causata dalla
    mancanza di lavoro e da gioco d’azzardo.
    Osservo: quest’ultimo, lo Stato anziché bandirlo, invece incentiva addirittura pubblicizzandolo
    attraverso i media (cosa vergognosa!).

    Dissento dalla dichiarazione estemporanea dello stesso
    Raiti, attraverso la quale egli tenta di giustificare l’aggressione armata ai due carabinieri perchè voleva colpire i politici.

    Dichiarazione fuori senso. Se davvero il Raiti avesse voluto colpire un
    qualsiasi politico avrebbe dovuto semplicemente volerlo. Poiché nei pressi di
    Monte Citorio si aggirano decine e decine di politici non scortati non era affatto
    complicato compiere un gesto simile verso il presunto obiettivo.

    Egli ha voluto colpire lo Stato
    in quanto tale. E per rendere più eclatante e clamoroso il suo gesto ha
    inteso colpire chi veste una divisa piuttosto chi veste abiti borghesi o
    civili. In ciò, il Raiti ci è riuscito alla grande.

    Questo, però non significa che io sottovaluti l’episodio.
    E
    proprio per questo, mi auguro che il Governo nato ieri, guardi con particolare
    priorità ed attenzione alla creazione di nuovi posti di lavoro.

    29-4-2013

  4. Quello che temevo è accaduto e,purtroppo credo che non sarà un episodio isolato.

    Scrivevo pochi giorni fa ,riferendomi in particolar modo a quel fomentatore di odio di Grillo,che era pericolosissimo incitare la piazza in questo dato periodo.

    Marcia su Roma,Golpe ,inciucio ,la notte della Repubblica,arrendetevi siete circondati,riprendiamoci il palazzo e,altre boiate tipo ”presa della Bastiglia.”
    Ora stilano un comunicato in cui si condanna ogni gesto di violenza…..(i defunti suoi )per dirla in Italiano.
    Non capisco questo pagliaccio cosa vuole,è stato pregato, scongiurato,implorato di far parte di un governo con il PD,(ci hanno rimesso le penne sia Bersani che la Bindi per far si che ciò si verificasse),ora si sente escluso e grida al complotto perchè gli 8 milioni dei suoi elettori non sono rappresentati al governo.Avesse aderito alla proposta di Bersani sarebbe rimasto fuori l’elettorato del Pdl e,nessuno avrebbe gridato al golpe,(questa è la politica).
    Irresponsabile è dir poco,deduco che gli piace solo giocare a fare il ”rivoluzionario”inasprendo gli animi .Quando ha avuto l’occasione di assumersi delle responsabilità non ha avuto il fegato o,meglio (secondo me )non aveva l’organizzazione e le competenze nel suo movimento.
    Certo non posso esimere gli altri partiti per la situazione di tensione sociale,anzi ….però Il M5S ha continuamente buttato benzina sul fuoco è ciò è imperdonabile.
    Saluti

    • Ciao Michele,
      mai come in questo caso condivido tutto quanto hai scritto.
      ps. “..i defunti suoi.. ” è da enciclopedia… troppo forte..;)))

  5. io trovo che far manganellare studenti, lavoratori che han perso il posto, o qualsiasi altro tipo di dimostrante, come è successo fino a un anno fa, sia stato un modo di fomentare violenza molto più delle parole di Grillo, che quando fa comodo lo si passa per comico, quando non fa più comodo lo si fa passare come futuro Hitler.
    Avete dimenticato i pestaggi della Diaz? o i poliziotti che manganellavano studenti minorenni che erano gia sanguinanti per terra?
    o vi viene solo in mente di Grillo ultimamente?

  6. Mi sembra un pò troppo facile additare responsabilità di questo genere ad una sola parte politica. il clima di questi mesi è stato esasperato da tutti, i toni sono stati tenuti alti da tutte le parti, abbiamo visto diti medi alzati verso la folla davanti a Montecitorio più volte (Larussa, Gasparri…). Nè mi accontenterei di concludere la “pratica attentato” con la storia del povero esaltato, del gesto isolato, perchè comunque mi pare un gesto ben preparato. Dispiace che ad andarci di mezzo sono rappresentanti delle forze dell’ordine, ai quali dovrebbe andare sempre il nostro ringraziamento per i sacrifici ai quali si sottopongono nell’esercizio della loro missione.
    Lasciate perdere le strumentalizzazioni…il momento è nerissimo.

  7. Condivido con Rita che non è corretto additare i risultati di questo momento storico ad una sola parte politica. In realtà le concause sono tante ed intrecciate tra loro. Ma non è questo il significato che volevo dare alle mie poche parole. Il fatto che “una” parte politica ha fatto del proprio programma e soprattutto del proprio “stile” comunicativo un atteggiamento “intervenstista ed aggressivo” è un ‘fatto’. Ciò ha generato danni sotto l’aspetto della dialettica politica (e non è una scusante il fatto che camicie verdi abbiano in passato usato toni simili..), ma ancor di più, si è dimostrato solo ologramma di una volontà di cambiare le cose, nebbia che si è sciolta al sole non so se dell’egoismo politico o della mancanza di capacità.. o di entrambe.
    Ed ora si vorrebbe dare una mano di bianco per coprire di coerenza questa mancanza…
    Al di là di queste considerazioni che, cmq, non modificano (la negatività di) questo momento storico, spero ed auguro a questo governo di fare bene. Ce n’è bisogno..

  8. Ciao a tutti,Rita certo il responsabile non è solo Grillo ,però gran parte del’attuale clima deriva si da politiche disastrose degli ultimi anni,ma anche dal modo con cui Beppe ha condotto prima la campagna elettorale e,poi il seguito……

    Le invettive che ha lanciato e che lancia posso anche condividerle ,quello che non accetto è la violenza verbale che usa e che ha usato.

    Esempio :sarebbe bastato che il M5S avesse dirottato i suoi voti su Prodi e,si sarebbe aperto un altro scenario,(il mortadella era anche presente nella liste delle quirinarie).Invece no!!! A lui piace rimanere fuori e urlare al mondo.

    Ps avete notato l’altissima professionalità della benemerita?Negli USA l’attentatore sarebbe stato crivellato di colpi dopo due secondi…..

    ciao a tutti.
    Ciro stai meglio?

  9. ciao a tutti 🙂

    sapete che Grillo mi sta simpatico ma non troppo. però appioppare la colpa solo a lui mi sembra eccessivo. Il vero problema è che tutti dovrebbero darsi una calmata e nei toni e nelle cose che si dicono. La gente è ad un passo dalla follìa, questo episodio ce lo dimostra. Se la maggior parte di noi è comunque razionale ed anche se perde il lavoro o una relazione sentimentale cerca di reagire positivamente, ci sono persone più labili che non riescono a scindere la propria vita privata dalla possibilità che la colpa di tutte le proprie sciagure sia della politica. Prendersela poi con chi cerca solo di fare il proprio lavoro, secondo me fra l’altro sottopagato per la pericolosità della situazione, è davvero aberrante… La rivoluzione e poi il terrore, secondo me è possibile 😉

Comments are closed.