Caserma-Carabinieri-CerignolaI Carabinieri del Comando Provinciale di Foggia, unitamente a personale della Compagnia di Intervento Operativo di Bari, unità cinofile ed un velivolo del Nucleo elicotteri di Bari, hanno eseguito un capillare controllo del territorio. L’attività ha interessato principalmente il territorio della Compagnia di Cerignola dove, con finalità di prevenzione e contrasto a forme di criminalità predatoria e diffusa, ad illeciti amministrativi inerenti violazioni del codice della strada, di repressione dei reati in violazione della normativa sulle sostanze stupefacenti e di controllo delle aree rurali sono stati eseguiti 14 arresti di cui 10 in flagranza; denunciati in stato di libertà i responsabili di abbandono di rifiuti speciali e ricettazione, e recuperati 500 kg di cavi di rame.

TRINITAPOLI: MADRE E FIGLI ARRESTATI DAI CARABINIERI PER DETENZIONE DI COCAINA E HASHISH.

I Carabinieri hanno tratto in arresto PASTORE Andrea, classe 1983, PASTORE Franco, classe 1972, entrambi già noti alle Forze di Polizia, CRISCITELLO Gerardo, classe 1983 e LO MUSCIO Savina, classe 1950, incensurati, tutti residenti a Zapponeta, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. In Trinitapoli i Carabinieri, notata la presenza del PASTORE Andrea e di CRISCITIELLO a bordo di un’autovettura, non riconoscendoli per residenti in quel comune, hanno deciso di porre in essere un servizio di osservazione e controllo. Seguiti i due li hanno notati cedere una dose di sostanza stupefacente ad un assuntore e pertanto li hanno bloccati e perquisiti. Nelle loro disponibilità i Carabinieri hanno rinvenuto 7 dosi di cocaina del peso complessivo di 2 grammi. La perquisizione è stata estesa presso il loro domicilio nel Comune di Zapponeta con l’ausilio dei Carabinieri di quel comando Stazione. Al termine delle attività eseguite presso i domicili di PASTORE Andrea, di sua madre LO MUSCIO Savina e del fratello PASTORE Franco, sono stati rinvenuti ulteriori 10 grammi di cocaina, 138 grammi circa di hashish, della marijuana, un bilancino di precisione e materiale vario per il confezionamento dello stupefacente nonché la somma di 110,00 euro in contanti. La droga ed il materiale per il confezionamento sono stati sottoposti a sequestro così come la somma di denaro ritenuta provento di spaccio; i quattro terminati gli accertamenti, dichiarati in arresto.

TRINITAPOLI: ESTORCE DENARO AL PADRE. ARRESTATO SU ORDINANZA DI CUSTODIA CAUTELARE.

LUCE Bartolomeo, classe 1983, è stato arrestato dai Carabinieri in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dall’ufficio del Giudice per Indagini Preliminari del Tribunale di Foggia, perché ritenuto responsabile di estorsione continuata e maltrattamenti in famiglia. L’arrestato in più circostanze, con reiterate violenze, ingiurie e minacce, aveva maltrattato il padre con il fine di costringerlo a consegnargli denaro contante di vario importo, speso poi per l’acquisto di bevande alcoliche. Le indagini svolte dai Carabinieri hanno consentito di trovare puntuali riscontri ai comportamenti dell’uomo e che, condivisi dalla competente A.G. hanno portato all’emissione del provvedimento restrittivo in ottemperanza del quale LUCE è stato associato presso la Casa Circondariale di Foggia.

TRINITAPOLI: PRENDE A PUGNI LA MOGLIE. ARRESTATO DAI CARABINERI PER MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA

I Carabinieri hanno tratto in arresto DADDATO Giuseppe, classe 1944, già noto alle Forze di Polizia, resosi responsabile di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. Con una telefonata al 112 è stato segnalato un litigio presso un’abitazione nel centro abitato di Trinitapoli. I Carabinieri intervenuti sul posto hanno accertato che il sessantenne, per futili motivi, aveva appena aggredito la moglie sferrandole alcuni pugni e procurandole lesioni che dai sanitari sono state giudicate guaribili in 3 giorni. Stante l’evidenza dei fatti l’uomo è stato arrestato ed associato presso la Casa Circondariale di Foggia.

CANDELA: ALBANESE ARRESTATO PER FURTO IN ABITAZIONE

DARDHA Robert, classe 1985, di origine albanese, è stato arrestato dai Carabinieri in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per Indagini Preliminari del Tribunale di Foggia in quanto ritenuto responsabile di furto in abitazione commesso lo scorso 1° marzo in Candela. L’uomo, in quella circostanza, previa effrazione di una finestra, si era introdotto in un appartamento dove si era impossessato di 2.000,00 euro in contanti e vari monili in oro. Le indagini svolte dai Carabinieri hanno consentito di identificare il reo e deferirlo all’Autorità Giudiziaria che, concordando con le risultanze investigative, ha emesso il provvedimento custodiale. A seguito delle ricerche esperite dai Carabinieri l’albanese è stato rintracciato a Cardito (NA) e una volta arrestato è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Poggioreale (NA).

TRINITAPOLI: RUBA MATERIALE FERROSO DA UNA CASA CANTONIERA. RUMENO ARRESTATO DAI CARABINERI

SIRBU Florin, classe 1973, di origine rumena ma domiciliato a Trinitapoli è stato arrestato dai Carabinieri in flagranza di furto aggravato. Transitando nei pressi di una casa cantoniera sulla s.p. 6, i Carabinieri si sono insospettiti per la presenza di una porta aperta. Hanno così deciso di eseguire un controllo ed hanno sorpreso il quarantenne rumeno mentre stava asportando vario materiale ferroso. Per quanto accertato il SIRBU è stato tratto in arresto mentre la refurtiva, interamente recuperata, è stata  restituita all’avente diritto.

CERIGNOLA: TRE ARRESTI PER RISSA AGGRAVATA

LAROTONDO Giovanni 02.01.1952
Larotondo Giovanni
GOSPODINOVA Sonya Dimitrova 04.02.1971
Gospodinova Sonya Dimitrova

In Cerignola i Carabinieri hanno tratto in arresto LAROTONDO Giovanni, classe 1952, TARANTINO Luigi, classe 1949, entrambi già noti alle FF.PP. e GOSPODINOVA Sonya Dimitrova, classe 1971, incensurata di origine bulgara per rissa aggravata. I Carabinieri sono intervenuti in via Oleandri dove una segnalazione giunta sul “112” indicava essere in corso una violenta lite. Sul posto erano presenti i tre intenti ad azzuffarsi e a percuotersi con un bastone a seguito di litigio scaturito da futili motivi. Il TARANTINO, per le percosse ricevute, riportava varie lesioni giudicate guaribili in 30 giorni. Tutti e tre sono stati arrestati perché ritenuti responsabili di rissa aggravata.

CERIGNOLA: EVADE DAI DOMICILIARI ARRESTATO DAI CARABINIERI

VANNULLI Fabio, classe 1986, agli arresti domiciliari per una rapina commessa lo scorso 22 maggio è stato arrestato per evasione. Nell’ambito dei controlli ai soggetti sottoposti a misure cautelari l’uomo è stato notato dai Carabinieri all’esterno della sua abitazione. Riconosciuto è stato fermato ed è stato accertato che non vi era alcun valido motivo per il quale avesse eluso la misura cui era sottoposto, motivo per cui è stato tratto in arresto.

TRINITAPOLI: ESEGUITO PROVVEDIMENTO DELL’A.G. ARRESTATO 36ENNE PER FURTO AGGRAVATO

In esecuzione di un provvedimento di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia, i Carabinieri hanno tratto in arresto GIANNELLA Antonio, classe 1987, dovendo espiare questi la pena residua di 28 giorni di reclusione per furto aggravato commesso nel 2010 in Trinitapoli. L’arrestato è stato associato alla Casa circondariale di Foggia.

CERIGNOLA: ARRESTATO PER SPACCIO DI STUPEFACENTI COMMESSO A MILANO

COTUGNO Savino 27.10.1972I Carabinieri, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano, hanno arrestato COTUGNO Savino, classe 1972, dovendo espiare la pena residua di 6 anni di reclusione perché riconosciuto responsabile di spaccio sostanze stupefacenti commesso nel novembre del 2003 in Milano.

STORNARA: SORPRESI CON MOTORI E RICAMBI PER VEICOLI RUBATI. TRE DENUNCE IN STATO DI LIBERTA’

Nell’ambito dei controlli finalizzati al contrasto dei reati di ricettazione e riciclaggio di autovetture di provenienza delittuosa, i Carabinieri hanno denunciato in stato di libertà L.F., classe 1952, amministratore di un’attività di autodemolizione ubicata nel comune di Stornara, C.M., classe 1989, e D.R., classe 1956, per ricettazione in concorso. A seguito di verifiche in aree rurali e precisamente in località Contessa del comune di Stornara, i Carabinieri hanno rivenuto nelle disponibilità dei denunciati 47 motori e 8 cambi per autovetture, di varie marche, con codice identificativo abraso, la cui provenienza è in corso di accertamento. Le parti meccaniche del valore approssimativo di 70.000,00 euro, sono state sottoposte a sequestro.

TRINITAPOLI: INDIVIDUATA DALL’ELICOTTERO DEI CARABINIERI AREA DI ABBANDONO DI RIFIUTI

I Carabinieri del Comando Provinciale di Foggia, all’esito di un’attività d’indagine condotta su segnalazione di personale del 6° elinucleo Carabinieri di Bari, hanno denunciato in stato libertà V.N., classe 1943, titolare di un’azienda agricola ubicata nel comune di Trinitapoli poiché ritenuto responsabile del reato di abbandono di rifiuti speciali pericolosi costituiti da batterie esauste, e non pericolosi costituiti da bottiglie in plastica già contenenti fitofarmaci e da imballaggi in plastica e cartone. Secondo quanto accertato dai Carabinieri l’uomo, su un terreno di pertinenza della sua azienda ed ubicato in località Salpi, aveva abusivamente depositato i citati rifiuti.

ASCOLI SATRIANO: RINVENUTI 500 KG DI RAME RUBATI DALLA RETE ELETTRICA

I Carabinieri, in località Fontana del comune di Ascoli Satriano, nel corso di servizio perlustrativo delle aree rurali volto a contrastare il fenomeno dei furti e della ricettazione di rame, hanno rinvenuto, nascosti nella fitta vegetazione, 500 kg circa di cavi in rame. Le indagini espletate dai Carabinieri hanno consentito di accertare che quei cavi erano stati asportati il 02 giugno scorso dalla linea Enel in quel comune. La refurtiva rinvenuta è stata recuperata e restituita. Proseguono le indagini dei Carabinieri per identificare gli autori del reato.