audace_finale_2012E’ trascorso esattamente un mese dal termine della stagione agonistica 2012/2013 dell’Audace Cerignola, ma nulla ancora trapela sulla programmazione per il prossimo campionato, in cui la formazione ofantina sarà nuovamente ai nastri di partenza dell’Eccellenza. Ciononostante, nelle ultime ore una indiscrezione sembra prendere piede in maniera più insistente, anche se mancano conferme ufficiali: potrebbe concludersi l’era Dinisi-De Cosmo al timone della società. Pare infatti che gli attuali massimi dirigenti della società gialloblu abbiano intavolato una trattativa per la cessione con l’imprenditore Michele Grieco, titolare di una nota catena di punti vendita di detersivi e prodotti per l’igiene, e che alcuni anni orsono aveva contribuito alla causa diventando il main sponsor del Cerignola. Persone vicine all’imprenditore sarebbero in procinto di vagliare la situazione economico-finanziaria per poi decidere l’eventuale acquisizione. Una notizia che scalda gli animi dei tifosi, ma che nello stesso tempo lascia gli stessi con i piedi ben piantati per terra, senza la voglia di fantasticare scenari futuri; si aspettano notizie e sensazioni più concrete, quel che è certo è che i sostenitori dell’Audace hanno ribadito e rimarcato per l’ennesima volta la distanza da chi governa il calcio locale, a loro dire senza progetti e speranze per crescere e maturare. La delusione del mancato passaggio in serie D poi si acuisce, perché il Manfredonia (che ha eliminato le “cicogne” nella semifinale regionale playoff) è con più di un piede nel torneo dilettantistico nazionale.

Qualora le operazioni di cessione vadano a buon fine, va dato atto che la gestione Dinisi-De Cosmo (al comando della società da sei campionati) ha comunque riportato risultati importanti: malgrado la promozione fallita per tre stagioni consecutive, in bacheca è arrivato il primo trofeo in cento anni di storia, quella coppa Italia regionale che ha portato alla finale di Rieti ed al suo epilogo infelice all’ultimo secondo. Un settore giovanile florido (coordinato dal ds Losito), con gli Allievi impegnati nelle fasi nazionali ed ancora in corsa per il passaggio alla fase successiva e la Juniores che ha vinto il proprio girone di competenza, senza dimenticare la convocazione di Sante Russo (classe ’96) nella rappresentativa Dilettanti under 18. Le dimissioni in blocco dello scorso autunno (definita dagli stessi ultras una farsa) non hanno fatto avanzare candidature per la successione ai vertici della società. Ora si ha l’impressione che qualcosa possa cambiare: i supporters ci sperano, aspettando se e come il passaggio di mano si concretizzi compiutamente.

CONDIVIDI
  • Cerignolani

    Cari tifosi, se la squadra del Cerignola sarà acquistata da Grieco, state pur certi che la porterà in serie B.
    Forza allora, consegnate tutto a Grieco.

  • tsunami

    Solo un imprenditore di successo come il Signor Grieco si può permettere di gestire una società sportiva senza fini politici e senza chiedere piaceri a nessuno…sapendo che comunque l’operazione è per i primi anni in perdita! Quelli attuali,dovrebbero lasciare spazio!