carabinieri_grandeI Carabinieri del Comando Provinciale di Foggia, supportati da personale della Compagnia di Intervento Operativo di Bari ed unità cinofile, hanno eseguito un capillare controllo del territorio. L’attività ha interessato principalmente il territorio della Compagnia Carabinieri di Cerignola ed ha avuto quali finalità la prevenzione ed il contrasto a forme di criminalità predatoria e diffusa, illeciti amministrativi inerenti violazioni del codice della strada e repressione dei reati in violazione della normativa sulle sostanze stupefacenti nonché il controllo delle aree rurali.

15 gli arresti in flagranza eseguiti.

CERIGNOLA: ARRESTATO DAI CARABINIERI CON 50 GRAMMI DI COCAINA E 100 GRAMMI DI HASHISH

Curci Gerardo
Curci Gerardo

CURCI Gerardo, classe 1973, è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Nel transitare nei pressi dell’abitazione del CURCI i Carabinieri lo notavano in compagnia di altre persone. Il 43enne accortosi della loro presenza si allontanava dal gruppo e iniziava a correre per le scale verso la propria abitazione. Inseguito e bloccato venivano rinvenuti nelle sue disponibilità un plico con all’interno un panetto intero di hashish del peso di 100 grammi e due involucri contenenti 50 grammi cocaina. Perquisito il domicilio i Carabinieri trovavano altresì un bilancino di precisione, del bicarbonato utilizzato per tagliare la cocaina ed altro materiale occorrente per confezionare le singole dosi. CURCI veniva dichiarato in arresto e tradotto presso la Casa Circondariale di Foggia, la sostanza stupefacente ed il materiale utilizzato per il confezionamento sottoposti a sequestro così come i 70,00 euro trovati indosso all’uomo e ritenuti provento di spaccio.

CAGNANO VARANO: DROGA IN CAMBIO DI PRESTAZIONI SESSUALI. 55ENNE ARRESTATO DAI CARABINIERI

In Cagnano Varano i Carabinieri hanno tratto in arresto STEFANIA Michele classe 1958 già noto alle Forze di Polizia. I militari hanno notato un insolito andirivieni di persone dall’abitazione dell’uomo sita nel centro storico. Hanno così posto in essere un servizio di osservazione. Nel corso di tale attività hanno accertato la frequentazione da parte di una donna proveniente da un paese limitrofo e iscritta al SERT. La stessa, al termine di ogni terapia di recupero, si portava presso l’abitazione dello STEFANIA, vi rimaneva per un po’ e poi si dirigeva al capolinea degli autobus. Non ritenendo si trattasse di “visita di cortesia” i Carabinieri sono intervenuti dopo aver accertato l’ingresso della predetta tossicodipendente della quale hanno atteso l’uscita per bloccarla con il padrone di casa. Perquisiti i due, celati sulla donna, sono state rinvenute alcune siringhe, una appena usata, e  un cucchiaio da cucina per la preparazione della dose. Estesa la perquisizione al domicilio i Carabinieri hanno rinvenuto un grammo di eroina nascosto nel risvolto di un contenitore per i rifiuti, un coltello a serramanico intriso di sostanza stupefacente e 100 euro in banconote di vario taglio. L’approfondimento investigativo ha consentito di accertare che l’uomo era solito cedere alla donna dosi di eroina che venivano assunte all’interno della sua abitazione in cambio di prestazioni sessuali. Pertanto STEFANIA è stato tratto in arresto e tradotto presso la Casa Circondariale di Lucera.

ASCOLI SATRIANO: MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA E TENTATA VIOLENZA SESSUALE. ARRESTATO RUMENO.

E’ ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia e tentata violenza sessuale GOLOMAN Gianini Georgian, classe 1990, incensurato di origine rumena. I Carabinieri lo hanno arrestato a seguito di una segnalazione giunta sul 112 con cui è stata segnalata una violenta lite in un’abitazione del centro storico di Ascoli Satriano. Interventi sul posto i Carabinieri hanno accertato che GOLOMAN, per futili motivi, aveva aggredito la sua convivente colpendola con pugni al volto. Non pago del gesto aveva altresì cercato di avere con lei un rapporto sessuale contro la volontà della vittima e solo le urla della malcapitata sono riuscite a far desistere l’aggressore. I Carabinieri hanno trovato la donna terrorizzata e l’abitazione a soqquadro. Accertato quanto accaduto è stato richiesto l’intervento dei sanitari per soccorrere la donna cui sono state riscontrate lesioni guaribili in 7 giorni. I Carabinieri, messisi alla ricerca del cittadino rumeno, lo hanno rintracciato poco dopo mentre cercava di nascondersi per le vie del centro storico. Bloccato il GOLOMAN è stato tratto in arresto.

TRINITAPOLI: N. 2 ARRESTI PER FURTO IN CONCORSO

IANCU CONSTANTIN, classe 1982 e POPA Florentin Marian, classe 1994, entrambi incensurati di origine rumena ma domiciliati a Trinitapoli sono stati arrestati dai Carabinieri in flagranza di reato per furto aggravato in concorso. I due sono stati sorpresi mentre stavano asportando due quintali e mezzo di pesche dal fondo agricolo di un cittadino del comune casalino. La refurtiva del valore di 350 euro era stata già caricata su una Ford Escort in uso ai due che, colti sul fatto, sono stati dichiarati in stato di arresto e la refurtiva restituita al legittimo proprietario.

CERIGNOLA: RISSA PER DIVERBIO SULLA CIRCOLAZIONE STRADALE. QUATTRO ARRESTI

Rinaldi Nicola
Rinaldi Nicola
Zawadzka Sylwia
Zawadzka Sylwia

Si sono resi responsabili del reato di rissa aggravata e per questo sono stati arrestati dai Carabinieri RINALDI Nicola, classe 1990, CANNONE Francesco, classe 1988, entrambi cerignolani, ZAWADZKA Sylwia, classe 1976 e MASLANKA Zbigniew Jerzy, classe 1967, di origine polacca ma domiciliati a Foggia. A seguito di richiesta di intervento giunta al  “112”  i Carabinieri in viale Usa, nel centro abitato di Cerignola, sorprendevano i quattro che si percuotevano. Nonostante la presenza dei militari i corrissanti continuavano a riempirsi di botte smettendo solo quando fisicamente bloccati e separati dai Carabinieri. Accompagnati in caserma è emerso che a scatenare la rissa erano state divergenze legate alla circolazione stradale. I sanitari del 118 riscontravano RINALDI Nicola affetto da una contusione al cranio ed alla clavicola mentre repertavano escoriazioni multiple ed un trauma contusivo all’emitorace sinistro per la ZAWADZKA Sylwia con una prognosi di giorni 8 per entrambi. I quattro sono stati arrestati ed associati presso le rispettive abitazioni in regime di arresti domiciliari.

ASCOLI SATRIANO: SFERRA PUGNI E CHIEDE SOLDI ALL’EX CONVIVENTE. ARRESTATO RUMENO PER TENTATA RAPINA

In  Ascoli Satriano i Carabinieri hanno tratto in arresto, in flagranza di reato per tentata rapina, NECULAI Stefan, classe 1969, incensurato di origine rumena domiciliato ad Orta Nova. L’uomo introdottosi all’interno dell’abitazione della sua ex convivente, l’ha aggredita serrandole pugni al volto e intimandole di consegnare tutto il denaro che aveva con sé. La pronta reazione della vittima, che ha riportato lievi lesioni, ha fatto desistere il NECULAI dal proposito delittuoso mettendolo in fuga. La donna ha riferito tutto in una telefonata fatta al 112 ed i Carabinieri si sono posti immediatamente alla ricerca dell’uomo rintracciato nei pressi del “luogo del reato”. Sulla base di quanto accertato il rumeno è stato arresto per tentata rapina e tradotto presso la Casa Circondariale di Foggia

S. G. ROTONDO: GIRA PER LE VIE DEL PAESE CON UNA PISTOLA NEL MARSUPIO. ARRESTATO 45ENNE

Girava a bordo della sua autovettura con pistola semiautomatica cal. 7.65, custodita all’interno di un marsupio  DE FELICE Matteo, 45enne incensurato, autotrasportatore, è stato arrestato. I Carabinieri lo hanno fermato e sottoposto a controllo rinvenendo l’arma in un marsupio. Eseguiti alcuni accertamenti è emerso che l’uomo aveva regolarmente denunciato il possesso dell’arma ma non era titolare di porto d’armi. Perquisita l’autovettura i Carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato anche 9 cartucce, un serbatoio di scorta e 2 coltelli a serramanico.

CERIGNOLA: NASCONDONO 500 EURO FALSI SOTTO IL TAPPETINO DEL FURGONE. DUE ARRESTI

I Carabinieri hanno tratto in arresto MARANO Andrea Antonio, classe 1992, incensurato e RENNA Maurizio, classe 1990, già noto alle Forze di Polizia, perché presunti responsabili di detenzione di banconote false. Durante il controllo dell’autocarro su cui viaggiavano i due assumevano un atteggiamento che destava sospetto nei Carabinieri i quali procedevano ad ispezionare l’abitacolo del veicolo rinvenendo una banconota da 20 ed una da 5 euro false. Eseguita una perquisizione veicolare, nascoste sotto il tappetino, venivano trovate  altre 7 banconote da 50 euro e 11 banconote da 10 euro contraffatte aventi lo stesso numero seriale. Le banconote sono state sottoposte a sequestro i due arrestati e tradotti presso la Casa Circondariale di Foggia.

CERIGNOLA: DUE ARRESTI PER FURTO DI ENERGIA ELETTRICA

STEFANELLI Domenico 05.06
STEFANELLI Domenico

DADDARIO Giuseppe, classe 1963, incensurato e STEFANELLI Domenico, classe 1964, già noto alle Forze di Polizia, entrambi cerignolani, sono stati arrestati per furto di energia elettrica. In due distinte operazioni i Carabinieri hanno accertato che presso le rispettive abitazioni non era stato attivato alcun contratto di fornitura di energia elettrica mentre entrambe le case erano servite da energia elettrica allacciata direttamente alla rete pubblica mediante cavi artigianali. Il danno stimato dai tecnici dell’Enel giunti sul posto si aggira nel primo caso in circa 1.200,00 euro mentre nel secondo caso a 7.000,00 euro. I due sono stati arrestati per furto aggravato di energia elettrica.

A seguito della pubblicazione dell’inesatta notizia di cui sopra, ci è giunta in redazione una nota di rettifica scritta dal familiare del Sig. Daddario Giuseppe, con la quale si evidenzia che, a seguito della perquisizione a cui fa riferimento l’articolo, in realtà nessun arresto è stato operato a carico del congiunto.

TRINITAPOLI: UN  ARRESTO PER EVASIONE

I Carabinieri hanno tratto in arresto in flagranza di reato SANTARELLA Mario, classe 1979, perché responsabile del reato di evasione. SANTARELLA, che si trovava agli arresti domiciliari per un furto di materiale ferroso commesso il mese scorso a Trinitapoli, è stato sorpreso dai Carabinieri mentre si trovava fuori dal proprio domicilio senza addurre alcuna valida giustificazione per aver violato la misura cui era sottoposto.

  • Titti

    C’ama sésTmt chi fist!!!!

  • antonio pellegrino

    i carabinieri sono solo dei pagliacci che non sanno nemmeno fare il loro lavoro.
    e prendono atto da abuso di potere