SONY DSCI Carabinieri del Comando Provinciale di Foggia, supportati da personale della Compagnia di Intervento Operativo di Bari, hanno eseguito un capillare controllo del territorio. L’attività ha interessato principalmente il territorio della Compagnia Carabinieri di Cerignola ed ha avuto quali finalità la prevenzione ed il contrasto a forme di criminalità predatoria e diffusa, illeciti amministrativi inerenti violazioni del codice della strada e repressione dei reati in violazione della normativa sulle sostanze stupefacenti nonché il controllo delle aree rurali.

16 gli arresti in flagranza eseguiti.

CERIGNOLA: ARRESTATO PER DETENZIONE DI SOSTANZE STUPEFACENTI ED ARMI. SEQUESTRATI 500 GR MARIJUANA, 50 GR HASHISH, UNA PISTOLA CAL 6,35 E 84 CARTUCCE.

DIMMITO Fabio 14.03.1979
DIMMITO Fabio

DIMMITO Fabio, classe 1979, già noto alle forze di polizia, è stato arrestato per detenzione illecita di sostanze stupefacenti, detenzione illecita di armi e ricettazione. I Carabinieri lo avevano notato uscire da un’abitazione in pieno centro. I militari, dopo aver accertato che l’immobile era in uso al DIMMITO hanno eseguito una perquisizione trovando addosso all’uomo la somma di € 280,00, nonché un involucro di cellophane con all’interno 36 grammi di marijuana e 8 grammi di hashish. Subito dopo i Carabinieri hanno proceduto a perquisire l’abitazione dalla quale era appena uscito trovando all’interno una pistola Beretta cal. 6,35 con matricola abrasa con all’interno il caricatore e n. 7 cartucce dello stesso calibro. In un cassetto erano custodite altre 77 cartucce di vario calibro. Su di un tavolo i Carabinieri hanno riscontrato la presenza di un tagliere in legno con 3 coltelli a lama lunga rispettivamente 22, 11 e 7 cm intrise tutte di sostanze stupefacente del tipo marijuana ed un bilancino di precisione. All’interno dell’abitazione, nascosti in diversi plichi di cellophane sono stati rinvenuti complessivamente altri 438 grammi di marijuana e nascosti in un portaocchiali altri 41 di hashish. DIMMITO non ha saputo o voluto fornire alcuna spiegazione di quanto rinvenuto nella sua disponibilità eSONY DSC pertanto è stato condotto in caserma e dichiarato in stato di arresto. Tutta la sostanza stupefacente rinvenuta, la pistola, le munizioni, la somma di 280 euro, ritenuta provento di spaccio e la moto Suzuki 1300 a lui in uso sono state sottoposte a sequestro mentre DIMMITO dopo le formalità di rito è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Foggia dove al momento si trova a disposizione dell’A.G.

CERIGNOLA: ARRESTATO DAI CARABINIERI PER ATTI PERSECUTORI

DE VITTI Vincenzo, classe 1993, nullafacente, incensurato è stato arrestato per atti persecutori. I Carabinieri hanno accertato che con condotte reiterate nel tempo (tra i mesi di gennaio e giugno 2013) al fine di indurre la ex-fidanzata a riprendere la relazione sentimentale, con comportamenti aggressivi ed intimidatori, aveva compiuto atti di molestia oltre che di violenza fisica e verbale al punto da costringere la donna in un perdurante stato di paura e preoccupazione per la propria incolumità. L’uomo dopo le incombenze di rito è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Foggia.

CERIGNOLA: 11 ARRESTI PER FURTO DI ENERGIA ELETTRICA

Durante un predisposto servizio di contrasto al fenomeno dei furti di energia elettrica mediante allacci illeciti i Carabinieri a seguito di controllo traevano in arresto B. G., classe 1981, nullafacente, di origine rumena ma domiciliato a Cerignola, M. S., classe 1962, nullafacente, S. M., classe 1959, macellaio, C. R., classe 1961, casalinga, L. C., classe 1964, casalinga, F. M., classe 1960, commerciante, P. G., classe 1975, commerciante, L. N., classe 1965, casalinga, B. L., classe 1962, elettricista, L. M., classe 1971, elettricista, e L. A., classe 1939, pensionato, per furto aggravato di energia elettrica. In due distinte attività di verifica, i Carabinieri della locale Stazione hanno accertato che i predetti presso le rispettive abitazioni o attività commerciali avevano realizzato abusivamente degli allacci artigianali alla rete elettrica che pertanto non veniva regolarmente misurata dai contatori installati. Il danno stimato dai tecnici dell’Enel intervenuti sul posto si aggira complessivamente in più di 300.000,00 euro.

CERIGNOLA: N. 2 ARRESTI PER TENTATO FURTO

MARRONE Matteo 31.08.1991
MARRONE Matteo

MARRONE Matteo, classe 1991, nullafacente e PUGLIESE Vittorio, classe 1989, nullafacente, entrambi di Cerignola, sono stati arrestati per tentato furto. I due sono stati sorpresi mentre tentavano di asportare dei cavi in rame dall’impianto elettrico all’interno di un capannone dell’interporto ubicato in via Manfredonia, nella zona industriale di Cerignola. I due avevano portato con sé all’interno del capannone tutti gli attrezzi idonei per l’attività, interrotta dall’arrivo dei Carabinieri. Dopo le incombenze di rito i due giovani sono stati tradotti presso le rispettive abitazioni in regime di arresti domiciliari, mentre la refurtiva è stata restituita.

ASCOLI SATRIANO: ARRESTATO PER EVASIONE

GOLOMAN Gianini Georgian, classe 1990, di origine rumena è stato tratto in arresto per il reato di evasione. I carabinieri hanno sorpreso il rumeno che si trovava in stato di detenzione domiciliare fuori dalla propria abitazione senza addurre alcuna valida giustificazione per aver violato la misura cui era sottoposto. L’uomo era stato arrestato il giorno prima per maltrattamenti in famiglia e tentata violenza sessuale nei confronti della propria compagna con la quale aveva avuto una violenta lite.

  • La verità

    Ma che sta succedendo la fine del mondo, casalinghe,commercianti, persone insospettabili. Che brutta cosa.
    Cari politici, riflettete bene, questi rubavano corrente, e voi??????
    Voi siete intoccabili? Non credo, arriverà anche per voi, continuate pure a distruggere il nostro Paese, le conseguenze saranno molto ma molto gravi.
    Avete ridotto le persone anziane addirittura a rubare per mangiare, vi rendete conto, stiamo parlando dei nostri nonni, dei nostri genitori.
    Italiani, riflettiamo bene tutti, solo noi, e solo da noi dipenderà il vero cambiamento.
    CHE DISASTRO, HO UNA PENA AL CUORE!!!!!

  • deluso

    Prima di scrivere notizie bisogna accertarsi che ciò che si sta scrivendo sia vero altrimenti quello che si fa NON è giornalismo, ma solo pettegolezzo

    • Si tratta di un comunicato del Comando Provinciale dei Carabinieri riportato integralmente. Perciò l’informazione arriva da una fonte più che certificata (visto che fa riferimento al giornalismo). Se poi i Carabinieri riportano cose non vere (ci sembra molto strano) il problema non è il nostro.
      Buona giornata…
      Redazione

      • deluso

        perchè non può capitare che anche i carabinieri sbaglino????? non sono di certo ONNIPOTENTI. cmq qualunque sia la fonte da cui vengono le notizia vi consiglio di accertarvi. Buona Serata a Voi

        • parew

          ben detto

  • Occhio

    Per quanto riguarda i signori che hanno purtroppo taroccato i contatori, è giusto che paghino, la cosa CURIOSA è che si parte sempre dai più poveri per poi dare modo e tempo ai RICCHI di rimettere a posto i contatori, sì lo fanno pure, anzi soprattutto loro, se si facesse un lavoro certosino per esempio anche nelle grosse aziende agricole, si creerebbero centinaia di posti di lavoro nell’ENEL.
    E ci siamo capiti!!!!!!
    Per i furbi che stanno riallacciando, è facile pure individuarli dopo, basterebbe vedere le bollette precedenti, giusto??
    Allora vi auguro buon lavoro.

  • parew

    per quanto riguarda l’articolo sullo stolkig la signora in questione non e mai stata fidanzata col persecutore,per tanto informatevi bene prima di scrivere l’articolo

    • Gentile utente, premesso che quello su riportato è un comunicato stampa integrale redatto dal Comando Provinciale dei Carabinieri (perciò fonte più che attendibile), le facciamo notare che non è riportato nessun nome della ex fidanzata (presunta o reale che sia). Per queste ragioni è impossibile risalire alla vittima se questa non è la ex fidanzata come dice lei. Qualora invece fosse realmente la ex fidanzata sarebbe individuabile soltanto da coloro che ben conoscono la storia.
      Non capiamo dove sia il problema…
      Redazione

  • parew

    la rettifica di un legale e piu attendibile della rettifica della vittima