S. FERDINANDO DI PUGLIA: ARRESTATI CONIUGI PER DETENZIONE ILLEGALE DI UNA PISTOLA

DSCN0397LOVECCHIO Ferdinando, classe 1970 e CALORIO Rosa Tiziana, classe 1974, entrambi incensurati, sono stati arrestati dai Carabinieri per detenzione illegale di arma clandestina e ricettazione in concorso. I Carabinieri al termine di attività info-investigativa hanno eseguito una perquisizione domiciliare presso l’abitazione dei coniugi nel comune di San Ferdinando di Puglia. Al momento del controllo entrambi erano visibilmente agitati e durante la perquisizione la donna ha cercato di disfarsi di un oggetto lanciandolo dal balcone nel giardino. Il gesto non è sfuggito ai Carabinieri che hanno recuperato ciò di cui la donna si era disfatta: una pistola calibro 9×21, marca Beretta, con matricola abrasa completa di caricatore e di 15 cartucce dello stesso calibro. In quel domicilio i Carabinieri hanno rinvenuto anche un coltello a serramanico della lunghezza complessiva di 33 cm la cui sola lama era lunga 16 cm. I due non hanno addotto alcuna giustificazione in merito al possesso dell’arma e pertanto sono stati tratti in arresto per detenzione illegale di arma e ricettazione poiché la matricola della pistola era abrasa. Arma e munizioni sono state sottoposte a sequestro, gli arrestati tradotti presso la Casa Circondariale di Foggia.

LA FRATTA WILLIAMCARBONELLI NADIRAUCELLO ANTONIOSAN MARCO IN LAMIS/SAN GIOVANNI ROTONDO: TROVATI CON 10 GRAMMI DI COCAINA. TRE ARRESTI DEI CARABINIERI.

I Carabinieri hanno arrestato LA FRATTA William classe 1975, CARBONELLI Nadir classe  1967 e  AUCELLO Antonio classe 1985, tutti già noti alle FF.PP., responsabili di detenzione ai fini di spaccio di cocaina.

I tre sono stati fermati e controllati a bordo di un’autovettura Fiat 16 di proprietà dell’AUCELLO e condotta dal LA FRATTA in San Marco in Lamis località “Iancuglia”. L’atteggiamento nervoso degli occupanti il veicolo ha indotto i Carabinieri ad approfondire il controllo eseguendo una perquisizione personale e veicolare che ha consentito di rinvenire, nascosti sotto il sedile anteriore dell’autovettura, due involucri contenenti  cocaina di buona qualità per un peso complessivo di circa 10 grammi (valore della sostanza circa 2.000,00 euro)  che, opportunamente “tagliata” avrebbe consentito di confezionare circa 80 dosi. Lo stupefacente e l’autovettura utilizzata per il trasporto e l’occultamento della cocaina sono stati sottoposti a sequestro, i tre arrestati associati presso la Casa Circondariale di Foggia.

Francesco SPANOMANFREDONIA: SPACCIA ALL’OMBRA DEL CASTELLO. ARRESTATO DAI CARABINIERI.

SPANO Francesco, 52enne del luogo già noto alle Forze di Polizia, è stato arrestato dai Carabinieri perché colto in flagranza del reato di spaccio di stupefacenti.

I Carabinieri, nella centralissima via Stella, all’ombra del castello sipontino, hanno notato un insolito movimento di ragazzi che si avvicinava al cinquantenne appoggiato ad un muretto della villa comunale per poi allontanarsi repentinamente. L’azione è stata ripetuta più volte da soggetti diversi.

SONY DSCI Carabinieri  hanno accerchiato l’uomo per non consentirgli di liberarsi di alcunché; a seguito di perquisizione è stato trovato in possesso di 20 grammi di hashish divisi in porzioni di varie dimensioni,  un coltello a serramanico utilizzato per suddividere la sostanza e la somma di 95 euro in banconote di vario taglio verosimilmente provento dell’illecita attività di spaccio.

A seguito di perquisizione domiciliare i Carabinieri hanno trovato ulteriori due panetti di hashish del peso complessivo di 150 grammi; tre piantine di marijuana e numerosi semi della stessa specie nonché materiale per taglio e confezionamento dello stupefacente.

Per quanto accertato SPANO è stato tratto in arresto ed associato presso la Casa Circondariale di Foggia.

EGIZARYAN ArmanGANZHENKO MaksjmMATTINATA: RUBANO GASOLIO DA UN CAMION E SCOPERTI PICCHIANO IL TITOLARE. ARRESTATI DAI CARABINIERI CITTADINI DELL’EST.

I Carabinieri della Stazione di Mattinata hanno tratto in arresto EGIZARYAN Arman, 23enne Armeno incensurato, e  GANZHENKO Maksym, 22enne Russo già noto alle Forze di Polizia entrambi domiciliati a Cerignola responsabili di rapina impropria ai danni del proprietario di un autocarro.

I due trascorsa una giornata al mare si sono ritrovati con il proprio autoveicolo privo di carburante ed hanno pensato di approvvigionarsi del gasolio necessario sottraendolo dal serbatoio di un autocarro parcheggiato al margine della carreggiata. Sono però stati sorpresi dal proprietario del veicolo che ha tentato di bloccarli e con il quale hanno ingaggiato una colluttazione nel tentativo di riuscire a scappare.

Sul posto sono intervenuti immediatamente i Carabinieri allertati da una telefonata giunta al 112 ed hanno tratto in arresto i due per rapina impropria e lesioni personali associandoli presso la Casa Circondariale di Foggia; la tanica ed il tubo utilizzati per il prelievo fraudolento del carburante sono stati sottoposti a sequestro, mentre il carburante prelevato dal serbatoio del camion è stato restituito al legittimo proprietario.

RETTIFICA: “SI è trattato di un tentato furto, con indagati parte offesa, in quanto aggrediti”. Scarcerati i due extracomunitari – un 23enne armeno incensurato e un 22enne russo già noto alle Forze dell’Ordine. Il 24 luglio il Gip dottoressa Valente dopo la convalida dell’arresto ha infatti disposto l’obbligo di firma scarcerando i 2 uomini – difesi dall’avvocato Potito Marucci – e qualificando il reato da rapina impropria aggravata a tentativo di furto, date le contraddizioni emerse dai denuncianti. Dalla raccolta dati, i due si sono dichiarati innocenti dicendo di aver subito l’aggressione. (StatoQuotidiano)

SAN SEVERO: RICEVE 500 EURO PER NON COMMINARE UNA SANZIONE. ARRESTATO IMPIEGATO AGENZIA DELLE ENTRATE

I Carabinieri hanno tratto in arresto, in esecuzione di un ordine espiazione pena emesso dalla Corte d’Appello di Bari, PANTALEO Mario, classe 1950, che dovrà scontare un  anno ed un mese di detenzione domiciliare perché responsabile di concussione, fatto per il quale era stato arrestato insieme ad un collega nel maggio 2008 in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Lucera.

A seguito di una verifica ad un commerciante di Apricena era emerso che questi aveva impiegato la moglie irregolarmente e pertanto era incorso in una sanzione di 15.000,00 euro per evitare la quale, PANTALEO Mario ed il suo collega, avevano ricevuto la somma di 500,00 euro e due cesti natalizi.

STORNARA: DUE ARRESTI PER FURTO AGGRAVATO

In Stornara i Carabinieri, in due distinte operazioni, hanno tratto in arresto in flagranza di reato MAGLIONE Antonio, classe 1965, commerciante, incensurato e D’ERCOLE Giovanna, classe 1969, commerciante, incensurata, entrambi residenti a Stornara, per furto aggravato. I Carabinieri hanno accertato che entrambi sottraevano in modo fraudolento energia elettrica per alimentare le loro attività commerciali pertanto sono stati arrestati e tradotti presso le rispettive abitazioni agli arresti domiciliari.

TRINITAPOLI: UN ARRESTO PER EVASIONE

I Carabinieri hanno tratto in arresto in flagranza di reato SANTARELLA Antonio, classe 1977, responsabile del reato di evasione. L’uomo, sottoposto al regime della detenzione domiciliare, è stato sorpreso fuori la propria abitazione in Trinitapoli. SANTARELLA ai non ha fornito alcuna giustificazione valida per essersi allontanato dal domicilio ragion per cui è stato arrestato.

DIBITETTO PAOLO CL83MARGHERITA DI SAVOIA: VIOLA GLI OBBLIGHI DELLA SORVEGLIANZA SPECIALE. ARRESTATO DAI CARABINIERI

I Carabinieri hanno arrestato, in flagranza di reato per inosservanza agli obblighi inerenti alla sorveglianza speciale p.s. con obbligo soggiorno, DIBITETTO Paolo, classe 1983.

Effettuato il controllo presso il domicilio del sorvegliato speciale in orario serale, quando avrebbe dovuto essere presso la sua abitazione, i Carabinieri non lo hanno trovato e lo hanno rintracciato il giorno successivo traendolo in arresto.