lanotiziaweb_solitimezziEra il 24 luglio 2010, oltre 1000 giorni fa, quando comparve sul web il primo articolo. Un’esperienza partita in punta di piedi, in silenzio, senza proclami. Allora eravamo in 4, oggi in 12 (tra collaboratori, promoter pubblicitari e gestori). Allora eravamo un blog, oggi un quotidiano online (il più letto). Da allora sono stati moltissimi gli episodi che hanno ‘animato’ la quotidianità de lanotiziaweb.it. Ne parliamo con il direttore, Daniela Giordano, guida preziosa, capace di orientare le scelte (non solo giornalistiche ed editoriali), importante minuto dopo minuto.

Direttore come sei arrivata a lanotiziaweb.it? «Ho seguito fin dai primi vagiti l’esperienza de lanotiziaweb.it condividendo con il nucleo iniziale un’amicizia decennale. Agli inizi del 2011 poi fui contattata da loro per realizzare un momento di formazione. Da lì l’idea di cominciare a far sul serio, registrando la testata giornalistica, cosa che avvenne ad aprile 2011».

Che aria si respirava in redazione quando sei arrivata e che aria si respira oggi? «Era ed è un ambiente molto sereno, dove esistono rapporti amicali che precedono quelli professionali. Non esistono capi e non ci sono subalterni. Tutti lavorano per la crescita del progetto. A tutti si chiede lo stesso impegno e la stessa professionalità».

Nel 2011 lanotiziaweb.it cominciò ad acquisire popolarità, complice anche una buona campagna pubblicitaria massiva. Come nacque la cosa? «Era maggio 2011 e capimmo che bisognava fare uno scatto in avanti, ma non avevamo cifre da investire.; Ci rivolgemmo ad una agenzia pubblicitaria che già conoscevamo, la Adventa, Spiegammo il progetto al responsabile, Mimmo Tomacelli, specificando che bisognava fare tutto con costi ridotti. L’agenzia studiò per noi una campagna davvero efficace, con particolare attenzione ai costi. Gli slogan erano tutti basati sull’idea che il giornale cartaceo non poteva essere più l’unica fonte di informazione. L’idea piacque e fece presa sulla cittadinanza, i visitatori cominciarono ad aumentare e da allora questo trend positivo non ha avuto, per fortuna, nessuna battuta d’arresto. Con oltre 6000 articoli pubblicati e 36000 commenti, oggi vantiamo in media 8.000 letture al giorno con picchi anche di 20.000, numeri che per noi sono importanti ma fanno anche da stimolo per il futuro».

Entriamo nel vivo dell’attività quotidiana del giornale. Hanno mai offerto dei soldi a lanotiziaweb.it per scrivere a favore di questa o quella persona? «Si, diverse volte, e quasi sempre si è trattato di politici che mi hanno proposto la direzione di giornali “di partito”. Non ho mai accettato, ne’ io ne’ le persone che con me collaborano. Non ci interessano questo tipo di accordi. E comunque è successo anche di peggio: diverse volte hanno proposto a me e all’editore di acquistare la testata giornalistica. Un noto politico locale è arrivato ad offrire anche una cifra considerevole, ma ha beccato un secco no. Credo che ora abbiano capito che la risposta non cambia».

Ti sono mai giunte minacce? «Non parlerei di vere e proprie minacce, almeno per me, visto che ad altri della Redazione questo è accaduto. Certamente ho ricevuto mail minacciose e telefonate al limite della decenza e del decoro. Sono i cosiddetti rischi del mestiere, ma non ci sia abitua mai a determinate cose».

Ci racconti l’aneddoto più divertente della tua direzione a lanotiziaweb.it? «In tre anni ne sono successe di cose, anche molto divertenti. Sceglierne un aneddoto, Così su due piedi, e’ davvero dura! devo dire che le riunioni di redazione sono sempre dei momenti divertenti, a differenza di quelle delle testate giornalistiche per cui ho collaborato in precedenza. L’elemento amicizia e’ il valore aggiunto che permette di trasformare un noiosissimo incontro di lavoro in un momento di confronto e crescita tra battute e risate. Più che aneddoti mi vengono in mente tante situazioni divertenti in cui mi sono venuta a trovare da sola o con tutti i ragazzi della redazione, seguendo un evento per lanotiziaweb.it: ci vorrebbe un’intera pagina per raccontarle tutte!».

Il complimento più bello che hanno fatto al giornale «C’è una cosa che la gente dice spesso e credo sia il complimento più bello. Ti incontrano e ti chiedono: “ho sentito che… ma è vero?”. Prima ancora di rispondere ti dicono: “io ho visto che non avete scritto niente e ho pensato che non era vero; sicuramente è un fesseria”. Sembrerà una stupidaggine ma per me questo significa molto: i nostri lettori giorno dopo giorno hanno testato l’affidabilità de lanotiziaweb.it, tanto da fidarsi. Sapere che una persona legge in maniera costante quello che scriviamo e’ davvero una grande soddisfazione».

L’offesa più brutta fatta al giornale «Nessuno ha mai offeso il giornale, anche perché l’inconsistenza argomentativa di chi ci ha attaccato fino ad ora ha sempre portato la discussione dal professionale al personale. Hanno detto che siamo pagati, che siamo venduti, che siamo incompetenti e molto altro. Mai una critica al giornale sui temi, sulla scelta di uscire con una determinata notizia. Diciamo che quasi sempre gli attacchi erano alla persona e non al “pezzo”. Se parlo dopo tre anni vuol dire che alla fine, per me, le offese lasciano il tempo che trovano».

E’ capitato in passato che qualcuno si sia lamentato dei commenti, troppo ‘libertari’. Che ne pensi? «Nel tempo abbiamo modificato molto il metodo di lavoro in merito ai commenti. Oggi riusciamo ad essere più tempestivi nella moderazione. Abbiamo introdotto alcuni mesi fa il sistema DISQUS, la piattaforma di commento più utilizzata al mondo per i giornali web. Crediamo di aver risolto in parte il problema dei commenti diciamo poco ortodossi, problema dovuto maggiormente alla necessità di certi utenti di dire la propria e, purtroppo spesso, anche di insultare in anonimato. Le polemiche in passato sono state tante ma qualcuno ci ha anche marciato un po’. Hanno detto e scritto di aver visto commenti ingiuriosi mai comparsi. Esiste una tracciabilità anche dei commenti che non compaiono e di quelli cancellati. Certe cose non sono mai state scritte, infatti nessuno è mai stato in grado di fornire prove. Poi, come dice la Cassazione, le testate giornalistiche online e i rispettivi direttori non sono responsabili per i commenti diffamatori pubblicati dai lettori poiché è “impossibile impedire preventivamente la pubblicazione di commenti diffamatori…”. Ciò premesso noi ci impegniamo costantemente a rimuovere i commenti offensivi, anzi chiediamo anche ai lettori di segnalarci eventuali commenti da rimuovere e non si tratta di mancanza di democratico scambio di idee ma di tutela verso tutti. Di più non possiamo fare, ci auguriamo sempre che il buon senso abbia la meglio».

Idee per il futuro? «Idee ce ne sono tante, sentiamo la necessità di dover elevare la qualità del servizio. In autunno i lettori ne vedranno delle belle».

In ultimo, ci presenti la tua redazione? «Certo. Oltre a me che, essendo sempre in giro – adesso ad esempio mi trovo in Olanda – coordino il lavoro dall’esterno, c’è Vito Balzano che svolge il ruolo di CapoRedattore, lavorando gomito a gomito con tutti gli altri; Emanuele Parlati, coordinatore della parte sportiva, coadiuvato dal preziosissimo Mimmo Siena, sempre presente, inoltre, ai diversi eventi cittadini; Gennaro Balzano, che, oltre a svolgere il normale lavoro di redattore, cura il comparto multimediale e promozionale della testata; Stefano Campese, proveniente come me dalla carta stampata, che cura l’approfondimento; Raffaella Gisario e Cinzia Leonardis, le preziose “quote rosa” per il comparto cultura e attualità. A tutti loro si aggiungono il nostro editore (Enter) e l’agenzia pubblicitaria (Adventa)».

Null’altro da dire, se non “Buona lettura” per 100 di questi anni.

8 COMMENTI

  1. aggiungerei che tramite i commenti, sono nate vere e proprie amicizie.
    personalmente ho avuto modo di conoscere, incontrare e frequentare bellissime persone. (tranne Biancardi)

    • Bravissimi e capaci i ragazzi della redazione,continuate cosi.
      Potrei solo denunciarvi per avermi fatto conoscere Ciro…

  2. Che dire, continuate sempre così, e un grazie sincero per il lavoro che svolgete con garbo e Professionalità.

  3. Grazie a VOI possiamo sfogarci, confrontarci, confidarci e tenere sempre alta la TESTA verso una politica sempre più BUFFONA.
    Grazie di esistere.

  4. Mi associo ai complimenti piu’ che meritati. Chi accetta i complimenti qualche volta faccia tesoro di qualche critica, e’ momento di crescita e di analisi.
    —Lancio un sasso in uno stagno… Prossimo step magari la creazione di uno strumento di ricezione ‘ufficiale’ di disagi, inefficienze, disservizi, ecc…??? – sul come poi si puo’ /potete discutere ampiamente.. —-
    🙂 Cosi poi posso lamentarmi di Ciro e Michele ;-)))
    Un caro saluto a tutti

  5. Questo è quando gli hobby nati come semplice spirito di servizio, si trasformano in giornalismo professionale. Auguro alla vostra testata e a voi tutti sempre più successi e di continuare a mantenere alta l’attenzione sulle attività di governo cittadino. Al Direttore Daniela Giordano vanno i mie particolari complimenti per l’Editoriale del 26/03/2013.

  6. Nonostante non vivo più a cerignola da diversi anni(quasi 10!)ilfatto di leggere ciò che succede nel mio paese per mezzo di La notizia web mi fa sentire a casa…anche se non va proprio come nel resto d’italia!avanti così!

Comments are closed.