Cerignola_duomoPubblichiamo di seguito una nota stampa del Movimento politico Cerignola Libera, con la quale si richiede al Sindaco la convocazione di un Consiglio monotematico sulla questione Duomo, in particolare dei lavori di rifacimento della cupola e di costruzione della cripta. Ecco il documento completo.

   All’ Ill.mo  Sig. SINDACO

                                                                                                                           C E R I G N O L A

 

Oggetto:  Richiesta di convocazione Consiglio Comunale.  Lavori all’interno del Duomo.  Lavori riparazione cupola.   

Sig. Sindaco,

                         premesso che,  la Giunta Comunale in data 21-3-2013 ha deliberato,  su richiesta del Vescovo Felice di Molfetta,   “Lavori di riqualificazione funzionale del presbiterio e realizzazione del conditorio”.  E che, da fonti ufficiose,  si apprende che a completamento di tali lavori si rende necessario procedere alla riparazione della cupola del Duomo per evitare il perpetuarsi di infiltrazione di acqua piovana che,  oltre a  bagnare  i fedeli raccolti in preghiera, può determinare nel tempo  il deperimento della struttura medesima.

A fronte del citato deliberato, vi sono tre associazioni culturali che si oppongono, in maniera determinata e convinta alla realizzazione dei lavori all’interno della Cattedrale.   La più attiva fra tutte, è l’Archeoclub d’Italia con sede in  Cerignola, la quale, giustifica la sua contestazione affermando  che:  “ i lavori  previsti sono ingiustificati ed irreversibili per l’integrità di questo Monumento, cuore della religiosità e della cultura dell’intera Diocesi”.  Ed, ancora: “ per la giustificata preoccupazione, soprattutto, in considerazione dei pericoli per la staticità della struttura architettonica determinati dal violento sisma del 1980 e per le criticità della cupola…”.

In virtù di tanto, l’Archeoclub d’Italia ha già chiesto alla S.V. la revoca della delibera, allegando a sostegno  la  seconda petizione sottoscritta da 7.110 cittadini (la prima nel 2007 con 5218 firme),  senza che essa abbia ancora potuto riscontrare  alcun esito positivo,    nemmeno quello relativo alla convocazione di un apposito  Consiglio Comunale  promesso dalla S.V..

Il m.p. CERIGNOLA LIBERA, nel farsi interprete di siffatta complicata situazione,  non può non rilevare una  inadempienza istituzionale  che ha impedito un   serio e costruttivo  dibattito in Aula Consiliare sul problema, non consentendo, tra l’altro,  a tanti  cittadini di capire esattamente in cosa consistano i lavori chiesti dal Vescovo.

E’ importante sottolineare,  che la Cattedrale è proprietà del Comune di Cerignola e  quindi di tutti i suoi cittadini.   Ed è, proprio per questo, riteniamo,  che la  S.V.Ill.ma abbia  il sacrosanto dovere di tenerne conto ed agire di conseguenza.   Così, come abbia   il dovere di tener presente oltre 7.000 cittadini che, esprimendo  il loro  diniego ai lavori di cui sopra,  siano  meritevoli di rispetto ed attenzione e non, invece,  bistrattati  e/o snobbati.

Il m.p. CERIGNOLA LIBERA, nelle more di un auspicato Consiglio Comunale,   scongiurando ogni viltà politica e  fraintendimenti, con assunzione di responsabilità ritiene di esprimere parere favorevole ai lavori all’interno della Cattedrale.  In quanto,  essi consentiranno   maggiore funzionalità liturgica e  renderanno più gradevole agli occhi dei  visitatori e dei  fedeli  il futuro nuovo aspetto interno.   Tutto questo, purchè  le spese  ricadano a totale carico della Curia, così come dalla stessa   promesso,  e che i lavori  non pregiudichino la staticità del Monumento.  Mentre, per quanto riguarda le  spese per la riparazione della cupola, si resta in attesa di conoscere sia l’entità dell’importo,  sia la possibilità di poterle  sostenere.

Tanto premesso, lo scrivente Giuseppe Bruno, a nome del Movimento politico CERIGNOLA LIBERA,

C H I E D E

alla S.V. Ill.ma che venga, quanto prima,  convocato un Consiglio Comunale monografico per dibattere l’argomento di cui all’oggetto, in modo da porre finalmente  fine ad un problema che si trascina da anni con non pochi malumori.

In attesa di riscontro, si porgono distinti saluti.

13 COMMENTI

  1. ma se non ci sta la giunta come puo’ fare un consiglio? e questi poi vorrebbero candidarsi? senza nemmeno sapere le norme di base. e comunque con sto fatto del Duomo ci avete scocciato, qui non possiamo mangiare, fate fare un consiglio sul lavoro se ne siete capaci.
    w la cicogna e Franco Metta.

        • PER IL MOMENTO CI SERVE UN SINDACO, PER IL SANTO POI SI VEDRA’!!!! IL POPOLO ACCLAMA L’AVV. FRANCO METTA ALLA SUA TESTA!!!!!

          • Benissimo Francesco (non sarai per caso il Santo Padre?). Si dice a Cerignola: i Santi pregati non vanno in Paradiso!!! A Noi, Cerignola voglio dire, serve una Nuova Amministrazione Comunale, volti nuovi e meno nuovi, per un nuovo modo di gestire la Città, la cosa pubblica!!!! Una parte della Popolazione ha individuato nel M.P. La Cicogna e nella persona dell’Avv. Franco Metta chi eventualmente potrebbe avvicendarsi al tanto sospirato “cambiamento” al vertice!!!! Speriamo di aver visto bene e che questi ultimi diano veramente una scossa ed un un impulso a fare meglio e più. Staremo a vedere. Si dimetta il Sindaco e la sua Giunta, stiamo solo perdendo tempo e soldi!!!! Buona serata a tutti.

          • No, no, no, caro ninuccio nostalgico, la mia indagine sulla vita del tuo patriota, mi porta sicuramente a sottoporre al concilio, una causa di beatificazione per il presto beato guru cerignolano.
            Ti starai chiedendo, caro fratello, ma frango è ancora vivo e i beati sono di certo oltrepassati.
            Non temere, abbiamo pensato anche a questo, lo faremo beato, prima che voi possiate farlo sindaco.
            Sai come?
            Allo spiedo fra un anno e mezzo.

          • ………………ahahahahahahahhhhhhhhhh!!!!!!!!!!!! Comico il nostro Ciccillo, si dice a Cerignola chi sputa in cielo gli ricade sulla faccia!!!!!!!! Si voterà presto, vedremo chi riderà!!!!!! Buona Domenica.

    • Egregio anonimo signore, il fatto che la Giunta, pare, sia in fase di rimpasto, ciò non impedisce a chicchessia di rivolgere istanza al Sindaco. Una istanza
      è sempre valida a prescindere ed è facoltà del Sindaco accoglierla o meno. E’ del tutto evidente se non esiste il Governo
      della città, non può essere convocato alcun Consiglio Comunale.

      Lo ribadisco ancora una volta. Il m.p. CERIGNOLA LIBERA, non
      ha mai detto che muore dalla voglia di presentare una sua lista alle prossime
      elezioni amministrative. E’ un Movimento
      appena nato, come può aspirare a tanto?
      E poi sarà il tempo a decidere!

      Si ricordi: una
      politica sana, onesta, altruista, si può fare ANCHE stando fuori dal Consiglio
      Comunale.

      Lei afferma di essere un sostenitore de La Cicogna e questo mi fa piacere. Le consiglio di rivolgersi alla medesima, affinchè
      venga convocato un Consiglio Comunale su lavoro, così come da Lei
      auspicato. Vede che fa lo convoca?

      Saluti

      19-10-2013

  2. Guarda, citare la Cicogna e l’Avv.Franco Metta non so se proprio ti conviene, in questi 3 anni e mezzo dimmi pure cosa hanno fatto di buono…qualche recita sono daccordo ma per il resto..!!!
    Abbiamo una Amministrazione e una opposizione da mandare all’inferno e nemmeno al purgatorio..quindi lascia perdere.
    Se proprio ci tieni al lavoro e a tutti gli scippi che hanno fatto in questi anni alla povera Cerignola….fatti un esame di coscienza e non guardare e sentire le cavolate..perchè alle prossime non si scherza e basta.

    • Quindi se ho ben capito dobbiamo tenerci cara cara quest’Amministrazione, é cosi???? Non si prospetta nessun cambio, opposizione all’Inferno e Giunta Comunale in Municipio a vivacchiare e “spigolare” per altri cinque anni!!!! Benissimo, son d’accordo con Te!!!! Ottima idea. Tante belle cose.

  3. oh! finalmente qualcuno che “prende in mano la situazione” Bravo Giuseppe Bruno…..va bene cosi^

    • Gentile lettrice, la ringrazio del
      complimento….ma non era il caso!
      Speriamo che, il Sindaco appena
      possibile, facendosi un esame di coscienza, voglia accogliere l’istanza. Sarà mia cura ritornare sull’argomento, in
      caso di mancato riscontro. Sempre che,
      non inizino a brevissimo i lavori al Duomo.
      Significherebbe, allora, non poter fare più nulla.

      Saluti.

      19-10-2013

Comments are closed.