Udas Volley 2013/2014Nella quinta giornata del campionato di serie C maschile, l’Iposea Udas prevale 3-1 sul New Volley Son’s Torremaggiore: un derby emozionante ed in certi frangenti molto intenso, conquistato dai padroni di casa che hanno avuto più nervi saldi nei momenti decisivi. Il mister Roberto Ferraro manda in campo la solita formazione: Apollo, Del Vescovo, Tibelli, Mennuni, Mancini, Lanzone ed il libero Garinella. Le due squadre si sfidano ad armi pari, con i punti di seconda del palleggiatore ospite ai quali replica Apollo (9-4): l’Iposea sbaglia meno rispetto agli avversari ed aumenta le distanze (14-8), ma quattro punti consecutivi del Torremaggiore inducono Ferraro a richiamare i suoi in panca. I biancazzurri però sembrano aver smarrito la giusta strada, premettendo al sestetto guidato da coach Russo di sorpassare (16-17); prepotente la reazione udassina, che piazza un +3 di break e conquista il set (25-19) con grande grinta. Il New Volley Son’s torna agguerrito in campo (3-5), con difficoltà nella ricezione di casa: si procede sul filo dell’equilibrio, con Ruggiero (uno degli ex di turno) che cerca di guidare i suoi compagni. Ritrovando una certa continuità in attacco, gli ofantini tornano avanti (11-9), con l’ingresso nel reparto dei centrali di Monaco per Lanzone; Torremaggiore recupera qualche lunghezza fino ad arrivare al -2 (21-19), dando il la ad un finale di frazione teso, caratterizzato da errori da ambo le parti. Un attacco ospite fuori misura certifica il 2-0 (25-23).

Gli svevi partono meglio anche nel terzo parziale, stavolta però Mennuni e soci tengono (6-6): nell’Udas c’è meno frenesia ed ecco arrivare il break (11-9), incrementato da un Apollo sugli scudi. Una nuova pausa cerignolana è la premessa per la nuova rimonta New Volley, che prima pareggia a quota 14 e poi capovolge l’andazzo del set (14-17); segue poi una successiva parità a 18 ed un alternarsi continuo di cambipalla, tuttavia nella circostanza è Torremaggiore ad averne di più ed accorcia il divario (23-25). Molto spettacolare l’avvio del quarto periodo: i locali si ritrovano ancora ad inseguire, ma è loro il primo distacco consistente (9-6), subito rintuzzato e bilanciato dal sorpasso ospite. Sale poi in cattedra Lanzone da posto 3 (16-13), trascinando un’Iposea definitivamente padrona del gioco e costruendo l’allungo determinante per vincere l’incontro: la retroguardia sveva sbanda, colpita dagli affondi di Mennuni, Del Vescovo ed in chiusura di Mancini (25-17). Vittoria meritata complessivamente per i ragazzi di Ferraro, anche se qualche rilassamento di troppo avrebbe consentito di ottenere prima il successo: onore delle armi al Torremaggiore, che non può rimproverarsi nulla, avendo cercato (riuscendoci in alcune fasi) di mettere pressione agli avversari. Udas sempre al quarto posto in classifica: la prossima settimana insidiosa trasferta in casa del Noicattaro, che segue ad una lunghezza il team del presidente Di Giorgio.

Ecco il tabellino dell’Iposea Udas, con i giocatori andati a referto ed i relativi punti realizzati:

Apollo 17, Lanzone 10, Mancini 10, Tibelli 3, Mennuni 14, Del Vescovo 9, Lombardi 3, Monaco, Garinella (libero).

CLASSIFICA ALLA QUINTA GIORNATA

Equesnet Volley Bari 15; Pallavolo Andria 14; Modugno Volley 13; Iposea Udas Cerignola 11; Atletico Pallavolo Noicattaro 10; Isolresine Edilizie Asem Bari 8; Fides Triggiano 7; Volley Bitonto 6; Trelicium Supervolley 4; New Volley Son’s Torremaggiore, Asd Perotti 1; Pallavolo Matera 0.

CONDIVIDI
  • Ridicoli

    Piegare significa un netto 3 a 0 con parziali bassi , di certo non è in questo caso