Corteo protesta cerignola 2Un fiume di persone ha invaso le strade cittadine di Cerignola per protestare contro una crisi globale che attanaglia i piccoli imprenditori, le attività commerciali locali e buona parte delle famiglie italiane. Alle ore 9.30 il corteo, che contava circa 1000 persone secondo i primi dati della Questura, è partito da Piazza Duomo e, percorrendo le principali vie cittadine del centro è giunto fino alla Zona Industriale. Dopo tre ore circa il corteo, che nel contempo ha perso fisiologicamente unità, riducendosi a circa 500 persone, si è fermato davanti al Palazzo di Città per fare il punto della situazione, con un breve comizio, per poi darsi appuntamento tutti nuovamente in Piazza Duomo e proseguire senza sosta la protesta. «Il nostro grido, forte e pacifico, deve arrivare a Roma, ai nostri governanti che non hanno capito il dramma delle famiglie italiane. Dobbiamo coinvolgere più persone possibili perché più saremo qui e più importante sarà il nostro apporto per una protesta nazionale di popolo, senza colore di partito», hanno affermato alla conclusione della mattinata gli organizzatori.

Grande dispiegamento di Polizia e Carabinieri per vigilare su un corteo che, in verità, si è dimostrato composto e pacifico. Nota di colore finale, a margine del comizio: una commerciante ha mostrato la propria contrarietà a proseguire nel pomeriggio la protesta perché le attività chiuse fanno male all’economia familiare; ovviamente gli organizzatori hanno ricordato l’importanza del contributo di tutti, ognuno per le proprie forze e con i propri mezzi. La protesta proseguirà ad oltranza e si prevede un’affluenza maggiore di commercianti e semplici cittadini nelle prossime ore. Tutte le attività, o quasi, hanno mantenuto la promessa non aprendo al pubblico.

Questo slideshow richiede JavaScript.

6 COMMENTI

  1. Condivido l’articolo, con la sola eccezione relativa alla stima dei partecipanti, effettuata dalla Polizia di Stato. A mio pare, un corteo che occupava interamente tutta la via 24 Maggio ( la strada dell’Addolorata che
    porta per Manfredonia), era formato da 4-5000 partecipanti.

    Tutta gente formata da persone semplici, senza puzza sotto il naso. Tra i presenti , è stato difficile notare un amministratore;
    un politico di rilievo; un sindacalista;
    un professionista.
    Questi ultimi, li vediamo presenti solo nelle varie liste elettorali,in campagna elettorale, per accaparrarsi un posto in Consiglio Comunale. Chissà, perché?

    Non credo, perché
    sono in grado di saper “leggere le carte”.

    • Hanno portato cerignola allo sfascio politica solo x i loro interessi ,cimitero ,s.barbara inceneritore ,gare d’appalto fasulle ,Gema se amministravate un azienda privata vi licenziavano immediatamente siete dei nulla facenti.

  2. Secondo me, facevano bene ad aprire, vendere e nn fare scontrini.. Così fino a quando lo stato nn si accorge che la gente ormai si mette la corda alla gola x pagare ste maledette tasse.. X nn parlare degli aumenti dell’iva…

  3. Benissimo, anche la sonnolenta Cerignola si é svegliata, bene, sono contento!!!! Apprezzo molto, contento di questa notizia!!!! Siate uniti, lottate tutti.

  4. Il problema principale non è la politica ma i cittadini che formano un paese. MI dispiace dire che purtroppo la protesta principale viene da un paese dove la gente vive da molti anni sui sussidi di disoccupazione agricola (falsi), raggiri assicurativi e continue truffe a discapito di tantissima gente onesta. E quanti di noi nell’occasione hanno sfruttato l’evento per avere dei soldi facile. Come mai tanto lamento (forse perché il sistema ha stretto la cinghia) quando in città si vede tanto lusso, macchinoni, ristoranti e pizzerie sempre piene di gente. Se uno non lavora come fa a permettersi tutto questo!!!!!

Comments are closed.