Foggia, eseguita O.C.C. in carcere per evasione fiscale

Un imprenditore ha simulato la cessione di quote societarie per sottrarsi fraudolentemente al pagamento di imposte evase per oltre 5 milioni di euro

Guardia di Finanza 4Nella mattinata odierna, militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Foggia hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare – emessa dal G.I.P. di Foggia su richiesta della locale Procura della Repubblica – nei confronti di un imprenditore che avrebbe distratto fraudolentemente le quote delle sue società per evitarne il sequestro per un valore equivalente alle imposte evase pari ad oltre 5 milioni di euro.

In particolare, i Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria avevano svolto tre verifiche fiscali nei confronti di società riconducibili all’imprenditore foggiano LO MUZIO Ernesto, nel corso delle quali erano state accertate presunte fatturazioni false per operazioni inesistenti relative a fittizie prestazioni pubblicitarie, utilizzate da 13 aziende riconducibili ad un Gruppo societario operante in Puglia ed in altre regioni del centro-sud, nel settore del commercio degli elettrodomestici e dei prodotti informatici.

A seguito di ulteriori indagini, il Reparto ha appurato che l’imprenditore, poco prima dell’esecuzione del provvedimento di sequestro cautelare patrimoniale, al fine di vanificarne gli effetti, aveva simulato la cessione delle quote di partecipazione delle società verificate a favore di una nuova società fittiziamente amministrata da un cittadino albanese, suo dipendente, che, a seguito delle indagini, è risultato essere un mero prestanome.


  • mario

    finalmente un pò di giustizia sociale!!! chi deve lavorare tanto per vivere e chi invece guadagna senza lavorare! peccato che si sono svegliati solo ora.

I contenuti dei commenti rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità. La redazione si riserva il diritto di conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. La Corte di Cassazione, Sezione V, con sentenza n. 44126 del 29.11.2011, nega la possibilità di estendere alle pubblicazioni on-line la disciplina penale prevista per le pubblicazioni cartacee. Nello specifico le testate giornalistiche online (e i rispettivi direttori) non sono responsabili per i commenti diffamatori pubblicati dai lettori poiché è “impossibile impedire preventivamente la pubblicazione di commenti diffamatori…”. Ciò premesso, la redazione comunque si riserva il diritto di rimuovere, senza preavviso, commenti diffamatori e/o calunniosi, volgari e/o lesivi, che contengano messaggi promozionali politici e/o pubblicitari, che utilizzino un linguaggio scurrile.
© Riproduzione Riservata.

PUBBLICITA'

Per la tua pubblicità clicca qui sotto e consulta il listino

PUBBLICITA'