Lavori scuole: le dieci domande di Longo all’Assessore

Michele_Longo_pd«Ennesimo pasticcio», secondo Michele Longo capogruppo del Pd in consiglio comunale, riguardo ai «lavori di ristrutturazione e adeguamento a norma di otto edifici scolastici di Cerignola».

«Otto scuole di Cerignola beneficiarie di fondi strutturali europei – spiega Longo in una lettera aperta indirizzata all’Assessore a Sicurezza e Legalità -, su indicazione del Ministero dell’Istruzione, chiedono al Comune di Cerignola e precisamente al Settore Lavori Pubblici e Manutenzione, l’elenco delle ditte qualificate regolarmente iscritte all’Ente Locale per la realizzazione dei lavori di cui al PON FESR 2007/2013 – Asse II Obiettivo C».

Ciò detto, il capogruppo pone in essere ben dieci domande all’assessora circa l’iter e lo sviluppo di tale procedura:

  1. Alla data della richiesta dell’elenco delle ditte da parte dei Dirigenti scolastici esisteva un elenco ufficiale delle ditte qualificate iscritte all’Ente locale?

  2. La Determina Dirigenziale n. 763/132 del 23/10/2013 predisposta dall’Ing. Izzillo, che ha per oggetto: “Costituzione di un elenco di Operatori Economici Qualificati da interpellare in caso di affidamento di appalti di lavori mediante procedure negoziate”, attraverso la quale si è proceduto alla costituzione delle “imprese di fiducia”, ha rispettato i criteri temporali, di pubblicità, di regolarità, di parità di trattamento,  previsti dalla normativa vigente?

  3. Perché, esattamente il giorno successivo alla Determina predetta l’Ing. Izzillo sorteggia un elenco ristretto di otto ditte? A quale norma ha fatto riferimento? Chi era presente al sorteggio oltre ai suoi collaboratori d’ufficio? E’ regolare, legittima e trasparente tale procedura adottata?

  4. Perché il 29/10/2013 il Dirigente Ing. Izzillo trasmette ai Dirigenti scolastici l’elenco ridotto ad otto ditte per otto scuole, quando invece avrebbe dovuto inviare l’elenco completo? E perché sull’atto dirigenziale di trasmissione, prot. N. 24744,  oltre alla firma dell’Ing. Izzillo è apposta la firma del Sindaco Giannatempo? A che titolo, il Sindaco, controfirma un atto di pertinenza del suo Dirigente? Forse serviva a rassicurare i Dirigenti scolastici che in tutta questa storia non ci hanno visto molta trasparenza?

  5. Perché i Dirigenti scolastici delle otto scuole ritengono opportuno sospendere congiuntamente i termini di presentazione delle offerte per l’affidamento dei lavori di ristrutturazione valutando l’opportunità di dover estendere gli inviti in gara alle altre imprese estromesse dalla competizione?

  6. Perché i Dirigenti scolastici emanano un provvedimento di sospensione della gara ricordando al Sindaco, al Dirigente Izzillo, ed alle otto ditte prescelte che in osservanza dei principi comunitari e nazionali di trasparenza, rotazione e parità di trattamento è necessario acquisire la lista ufficiale degli operatori economici qualificati da interpellare in caso di affidamento di appalti di lavoro mediante procedura negoziata?

  7. Perché l’osservanza dei principi comunitari e nazionali di trasparenza, rotazione e parità di trattamento non deve valere per l’Amministrazione che Ella ora rappresenta?

  8. Non ritiene che “i giochi di prestigio” ovvero elenchi di ditte che appaiono all’improvviso e poi scompaiono, avvio delle procedure di gara e successiva sospensione, possano causare la perdita dei finanziamenti e privare i nostri figli di scuole migliori e più efficienti ?

  9. E’ giusto e sacrosanto in un paese civile pretendere il rispetto delle regole e la giusta sanzione per chi le viola?

  10. Non ritiene che la crisi della politica dipenda anche dalla mancanza di risposte a queste domande?


  • I FATTI CONTANO

    Per risolvere una buona parte dei problemi in Italia, bisognerebbe fare le QUERELE, e dare agli organi competenti la possibilità di indagare seriamente, e solo allora seguiranno gli arresti.
    Dal giorno dopo sono sicuro che qualcosa si smuove.
    Ma se parlate, parlate nulla si risolve.

    Perchè perchè mi ricorda solamente la canzone di RITA PAVONE.
    Le pare?

    • peppuccio

      Attenzione adesso faremo sciopero x voi ,ormai il comune e incancrenito alla fine ci rimette il cittadino 10 milioni spariti nel nulla e poi tagliate i servizi incapaci pure voi opposizione solo di numero.

  • Uno di voi

    Spero che questi famosi lavori vengano svolti è ne sarei molto contento !!!!! Ma su chi li dovrebbe svolgere sicuramente si saprà ancor prima di assegnarli , vi chiederete ,xché scrivo questo ? Non tutti sanno che il caro assessore ha le mani in pasta nel consorzio di lavori e servizi , e quindi provate a indovinare chi vincerà l’appalto ?

  • Pinuccio Bruno

    Plaudo alla iniziativa del Consigliere Comunale Michele Longo. Debbo, però’ contestualmente ritenere che l’ing. Izzillo, adottando quel determinato criterio, controfirmato dal
    Sindaco, credo egli abbia agito in ossequio a
    precisi dettami di legge. Se così fosse, difficilmente il Consigliere
    avrebbe una risposta dall’Assessore alla Sicurezza. Dopo di che, cosa farebbe l’attivo
    Consigliere : si ritirerebbe nel guscio come una chiocciola, oppure darebbe ascolto alla
    opinione sopra espressa dell’anonimo “ I
    FATTI CONTANO”?

    Visto l’attivismo del Consigliere Longo, sono stimolato a
    chiedergli: perché mai non si sia posto
    il problema, in quanto Capogruppo
    Consiliare PD, di chiarire una buona
    volta “ I LAVORI AL DUOMO” nella sede opportuna? Perché mai ha ritenuto di non chiedere al
    Sindaco le ragioni per le quali è stato estrapolato di proposito dall’ordine dei lavori del Consiglio Comunale, appunto, i
    lavori testè citati?.

    Intervenire, a mio avviso, si rende più necessario anche alla luce
    di una grossa sorpresa. E’ d’obbligo da parte mia ribadire , infatti,
    l’aneddoto citato, rispondendo
    ad un articolo apparso su un’altra testata giornalistica il cui interlocutore
    era il Presidente del Partito Democratico Rocco Dalessandro.

    E cioè, domenica scorsa 15-12-2013 , in occasione
    della ufficializzazione dell’ Associazione
    Cittadinanzattiva qui a Cerignola, ero presente in Aula
    Consiliare come invitato in rappresentanza del movimento politico Cerignola
    Libera, quando l’Assessore Michele Romano, ad un cero punto
    del suo intervento, affermava che i lavori al Duomo sono a carico
    del Comune. Quindi, non più a carico
    della Curia, così come aveva tempo addietro asserito il Vescovo Mons. Felice di
    Molfetta, destando tutto il mio stupore.

    Come cittadino,infine, non
    posso non rilevare nella “ Opposizione Consiliare” e nelle rispettive dirigenze politiche del Partito Democratico, del Movimento
    politico La Cicogna e Movimento per Tonti una sorta di “fuggi- fuggi” davanti
    al fatto di dover esprimersi in Aula Consiliare: a favore o contro, il Vescovo
    o a 7110 cittadini-elettori.

    Credo che, una
    risposta da parte del Sig. Miche Longo sia dovuta. Ciò, almeno, per non emulare l’atteggiamento per nulla comprensibile messo in atto spesso
    da taluni personaggi di spicco del mondo amministrativo e/o politico locale.

    18-12-2013

  • osservatore

    Longo il tuo affanno a voler dirimere una questione che non ha alcuna valenza amministrativa ne tanto meno politica, stai pur certo, che non ti produrrà alcuna possibile candidatura a Sindaco di Cerignola per le prossime Amministrative, sei poco rappresentativo.
    Chiediti piuttosto perché il Ministero, in relazione a bandi europei per tipologie di interventi PON FESR 2007/2013 Asse II Obiettivo C, abbia indirizzato degli inadatti Dirigenti Scolastici insigniti del ruolo di RUP, che su richiesta esplicita degli stessi in relazione alle modalità di individuazione delle imprese da invitare, abbia risposto di richiedere solo all’ufficio Manutenzioni del Comune di Cerignola una short list di ditte accreditate presso l’Amministrazione Comunale e non abbia orientato gli stessi a farne richiesta anche all’Ufficio Manutenzioni della Provincia di Foggia o a quello della Regione Puglia, dove il più nutrito numero di presenze imprenditoriali avrebbe consentito ancora più concorrenzialità tra i concorrenti?

    Il tuo inutile quanto auto celebrativo decalogo, ha già soddisfatto il tuo ego, facendo accrescere la tua auto stima, ma mi spiace, senza aver reso alcun servizio utile alla cittadinanza.

  • Very Normal Citizen

    @ redazione
    moderazione ad un commento che più moderato di così… ???

    • Il professore

      Confondono la moderazione con la censura……..hanno troppa paura……

  • Il professore

    Ciao Very,
    Dal “Palazzo di Citta’” non sperare in alcuna risposta ……. Come personalmente ti feci notare la scorsa settimana, hanno avuto la capacita’ di “sabotare” anche la “Bussola della Trasparenza” …..
    L’assessore alla trasparenza, nonche’ vice sindaco, da maggio 2013 ad oggi, ha presenziato solo ad una riunione di giunta ( in data 24-09-2013)….. Con il loro ritmo forsennato di lavoro la nebbia che avvolge ogni atto amministrativo del nostro Comune non si diradera’ mai.
    Eppure, in sfregio ad ogni regola di onesta’ e buonsenso, continuano a sfornare Determine Dirigenziali e Delibere di Giunta che premiano il LORO MEDIOCRE OPERATO.
    Come un corpo devastato da un tumore, le metastasi sono innumerevoli e presenti anche nel piu’ piccolo ed insignificante componente del corpo amministrativo comunale.
    Il nostro ex interlocutore di blog, strenuo difensore dell’Amministrazione Comunale nel suo ultimo post non ha risposto ad alcuno dei dieci quesiti posti dal Capogruppo del PD, e con la solita arroganza di chi si sente inattaccabile si e’ pure permesso il lusso di fare stupida ironia sulla questione…..
    Nel 2015 si andra’ a votare e l’imbarazzo di dover scegliere ( non della scelta) e’ la loro unica risposta a noi cittadini…..
    Buona Domenica

  • Very Normal Citizen

    Ciao Prof,
    anche una non risposta è una risposta.
    Ancora di più, in questo caso, è una indicazione.
    Resto in ascolto..

I contenuti dei commenti rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità. La redazione si riserva il diritto di conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. La Corte di Cassazione, Sezione V, con sentenza n. 44126 del 29.11.2011, nega la possibilità di estendere alle pubblicazioni on-line la disciplina penale prevista per le pubblicazioni cartacee. Nello specifico le testate giornalistiche online (e i rispettivi direttori) non sono responsabili per i commenti diffamatori pubblicati dai lettori poiché è “impossibile impedire preventivamente la pubblicazione di commenti diffamatori…”. Ciò premesso, la redazione comunque si riserva il diritto di rimuovere, senza preavviso, commenti diffamatori e/o calunniosi, volgari e/o lesivi, che contengano messaggi promozionali politici e/o pubblicitari, che utilizzino un linguaggio scurrile.
© Riproduzione Riservata.

PUBBLICITA'

Per la tua pubblicità clicca qui sotto e consulta il listino

PUBBLICITA'