polizia-cerignola-ps-commissariato

Rizzo Gennaro nato Cerignoa il 22.10.1986Brutta avventura per una giovane donna di 32 anni, da poco trasferitasi a Cerignola, dove, oltre ad aver rilevato l’azienda agricola del padre, ha avviato una nuova cantina vinicola, creando nuovi posti di lavoro per i giovani del basso tavoliere.

La giovane imprenditrice, prese in mano le redini dell’attività, non avendo amici o conoscenti che potessero darle sostegno, sia morale che lavorativo, aveva pensato bene di utilizzare le conoscenze che man mano faceva in campo lavorativo, anche per trascorrere qualche ora del suo tempo libero in serenità.

Ed è stato proprio in questo modo che la stessa, ha conosciuto RIZZO Gennaro, il quale, fin da subito, si è dimostrato molto disponibile con la donna, aiutandola anche nei lavori manuali dell’azienda, ma soprattutto facendole trascorrere un po’ di tempo in compagnia di alcuni amici o facendo con lei qualche uscita fuori porta. E’ stato in questo modo che l’uomo, giorno dopo giorno, si è “infatuato” della giovane imprenditrice, la quale, fin da subito, aveva messo le cose in chiaro, facendo capire al RIZZO che non ci sarebbe stato nulla al di fuori di una semplice amicizia e collaborazione.  L’uomo, pur di continuare a frequentare la donna, fingeva  di accettare le condizioni “dettate” dalla stessa, fino a quando la giovane non gli confidava di avere conosciuto un ragazzo che  le piaceva e con il quale aveva intenzione di instaurare una relazione che andasse al di fuori della semplice amicizia. L’uomo, a questo punto, ha continuato a fingere, dandole informazioni sulla famiglia del ragazzo e  sul comportamento da tenere.

Tutta è andato per il meglio fino a quando, l’otto dicembre scorso, la donna non ha comunicato al RIZZO di aver deciso di uscire sola con il ragazzo che le interessava. Da quella sera sono cominciati una serie di avvenimenti “strani” contro la donna e la sua famiglia. Proprio quella sera, subito dopo che la ragazza aveva lasciato la sua abitazione, il padre aveva udito dei rumori provenire dal vicino terreno, coltivato a vigneto. Uscito di casa per controllare cosa stesse accadendo, non riusciva a scorgere nessuno, anche se, suo malgrado, si è visto precipitare sulla testa alcune pietre e zolle di terreno, accompagnate da strane urla provenire dalla medesima direzione. Impaurito per quanto stava accadendo, allertava immediatamente la sala operativa del locale Commissariato di Polizia, che faceva intervenire sul posto una Volante, che non poteva far altro che constatare la presenza dei sassi e delle zolle di terra lanciate.

Successivamente a questo avvenimento, la donna ha subìto il danneggiamento dei tiranti di un suo terreno coltivato a vigneto e dell’autovettura di proprietà del proprio padre, tutti regolarmente denunciati. Impaurita per quanto le stesse accadendo, la donna si confidava nuovamente con il RIZZO Gennaro, il quale, nell’occasione, oltre ad esternarle la sua gelosia nei confronti del suo nuovo fidanzato, tentava di far ricadere sullo stesso le colpe dei danneggiamenti subìti. La donna, a questo punto, comprendendo che con il RIZZO Gennaro non ci poteva più essere nulla, decideva di troncare qualsiasi tipo di rapporto. Questo mandava su tutte le furie il giovane innamorato che  cominciava a molestare la donna tramite SMS o con l’utilizzo dei moderni sistemi di comunicazione.

Il tutto è andato avanti in questo modo fino al giorno di San Silvestro, quando, all’ora di pranzo, sia la giovane donna che il padre, ricevevano due SMS anonimi, dove venivano apostrofati entrambi con parole volgari e nei quali vi era anche una richiesta di 100 mila euro da pagare entro 10 giorni, altrimenti ci sarebbe stata un’esplosione. Durante la notte sia la donna che il padre ricevevano delle telefonate anonime, alle quali non rispondevano; il giorno di capodanno, invece, intorno all’ora di pranzo, ricevevano ulteriore SMS con la scritta “MENO 9 POI BOOM”. La stessa cosa si ripeteva nei giorni a seguire, fino al 4 gennaio scorso, quando gli uomini della Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato di Polizia di Cerignola, agli ordini del Vice Questore Aggiunto Loreta COLASUONNO,  che nel frattempo avevano attivato una serie di attività tecniche per risalire al responsabile degli eventi, non hanno chiuso il cerchio intorno al RIZZO Gennaro, il quale veniva immortalato, da una telecamera del sistema di video-sorveglianza in uso alla sala operativa del Comando Polizia Municipale del Comune di Cerignola, mentre digitava gli ultimi SMS ed effettuava le ultime telefonate anonime. I Poliziotti, dopo aver visualizzato le immagini, si recavano presso il domicilio dello stesso non trovandolo in casa. Ritornavano in serata, sorprendendolo mentre chattava proprio con la mamma della sua amata, alla quale cercava di far capire quanto grande fosse l’amore che provava per la figlia e quanto gli facesse male sapere che fosse finita in mani poco sicure. Per lui si sono aperte le porte del carcere di Foggia, dove è stato messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che procede. I reati per i quali il RIZZO Gennaro è indagato sono: Tentata Estorsione, Danneggiamento aggravato e atti persecutori (Stalking).

32 COMMENTI

  1. Un sentito grazie ai miei cari amici del commissariato e alla dottoressa per avermi aiutata ad uscire da questo incubo! Ma Rizzo è già uscito…

  2. purtroppo sn notizie negative ke lasciano amarezza.e difficile trovare le parole giuste x cose dl genere ke mettono ancora sotto la lente il nostro paese.e inacettabile e penoso la condotta di fidanzati conviventi e mariti ke nn si rassegnano a storie sentimentali o come in qst caso la storia nn e affatto inziata ma e stato ttt frutto della fantasia di qst giovanotto ke e sfociata in stalking.alla vittima imprenditrice le manifesto ttt la mia solidarietà e rispetto poike mi ci metto nei suoi panni nell aver provato terrore x qst assurda vicenda di molestie gratuite.faccio un appello a ttt gli uomini qnd venite rifiutati nn insistete cn le avance nn e possibile ke una donna debba essere ricattata minacciata ecc nl 2014.ognuno ha i propri gusti e nn si puo piacere a ttt le donne.lo so ci sn donne ke vengono attratte da uomini cn coloriti pallidi magrissimi ke vestono sempre di nero ma nn possiamofarci nulla sngusti

  3. Ringraziamo sempre tutti gli uomini dell commissariato di Cerignola che opera con grande fermezza il nostro territorio.

    • La storia non fa na piega, ma prima di dare un giudizio conoscete le persone di questa vicenda ??? sbattere un persona in carcere e farlo sembrare un mostro e più facile di quanto uno può immaginare, la legge si e tenuta a quanto denunciato, qui si parla di un lupo e un agnello-a ma siamo sicuri che non sia una LUPA e un agnello che gli anno messo la pelle di lupo addosso?? meditate gente meditate prima di dare un giudizio.

      • Carissimo montecristo ! Io non ho dato nessun guidizio ,ho solo ringraziato la Poliziadi Stato per la loro costante presenza…”Gente in difetto”

      • Ragazzi, bisogna fare molta attenzione nel minimizzare certi episodi. “Montecristo” lo Stalking se ti informi un pò sull’etimologia del termine, deriva dal verbo inglese “To Stalk” che significa fare la posta, appostarsi, pedinare, ecc ed è una condotta vessatoria che rientra nella branca del Mobbing. Lo stalking è punito dalla legge perché in quanto condotta vessatoria, arreca danni alla persona che lo subisce e alla sua famiglia e non solo meri danni materiali, ma danni psicologici, che son ben più gravi dei danni materiali. E’ bene ricordare che molte sono le vittime dello stalking e molte di loro hanno anche perso la vita perché non hanno avuto il tempo di chiedere aiuto e fare una denuncia. Anche se questo episodio si è concluso per il meglio e l’individuo è stato fermato, non passiamo il messaggio che era un povero agnello perché qualsiasi atto intimidatorio e vessatorio non è giustificabile e non è giustificato dalla legge anche solo per una “fissa” come si suol dire, perché chi si impegna ad intimidire proprio un agnellino non è. Proteggiamo le generazioni future e i nostri figli portando avanti l’intelligenza di saper fermare certe condotte.

        • non incolpate gente che non conoscete….la donna imprenditrice non credo abbi detto tutta la verità,non credete?perchè altrimenti non era già fuori….non credete?la vittima è lui dell’imprenditrice…

      • Di certo non sono un agnellino, daro che arrivata all esasperazione ho denunciato tutto e messo in moto le forze dell ordine. Disponibilissima a fare due chiacchere, poi magari cambi un pó idea su uno che mi ha fatto danni solo per incolpare il ragazzo cn cui volevo uscire.. Una persona a posto arriverebbe a tanto? L ho accolto a casa mia come un fratello, mancava poco che gli davo le chiavi di casa.. Stupida io..

        • E’ l’ennesimo episodio,che l’uomo viene punito a causa di una donna (solo perchè donna viene giustificata).la donna che prima chiede aiuto al povero ragazzo lo usa,lo frequenta,poi appena conosce un’altro boyfriend mette in disparte un’amico infangando il suo nome è danneggiandolo come persone è giustificato questo?il quale lei stessa considera un onesto lavoratore….

      • Montecristo tanti con la pelle di agnello,in episodi analoghi, hanno commesso omicidi e ammazzato tante donne .Mi fermo qui per non offenderti.

        • Petar Pan analizza la cosa : non si parla di arresto ma di fermo e Rizzo non e stato arrestato ma solo fermato in base a una denuncia da verificare che sia veritiere o no, Rizzo va tranquillamente passeggiando la cosa e molto strana con accuse di stalking -estorsione come minimo buttano le chiavi, gli inquirenti non penso che sono degli sprovveduti a lasciarlo libero, la notizia e stata pubblicata dopo qualche giorno e la parte offesa la cosa la sbandierata a quattro venti da parecchi giorni, per me e tutta strumentalizzazione
          bisogna ragionare con la testa e non con le palle

          • Ecco esatto….”la parte offesa”,spera di tormentare questo giovane perchè si è agguerita contro di lui, forse lei è la gelosa,che vuol farla pagare a lui?oppure vuol far punire lui cose che compiute da altri nei suoi confronti? guardando la foto di questo ragazzo mi sembra tutt’altro ciò che viene descritto dall’imprenditrice,non vi sembra amici?

        • sei qualche amico di colei che parli a vampera di questo mio amico?se non lo conosci non infangarlo…..perchè ci esco da anni è non è per niente come ha descritto la signorina

      • la gente parla,giusto per far uscire aria dalla bocca….è una vergogna che si pubblicizzi una bugia simile su questo povero ragazzo…..
        mettere al muro chi è innocente solo perchè ha parlato una ragazza,perchè non sapete che ci sono uomini che subiscono violenza da queste donne?

      • sono allibita da certi commenti. è una persona che si è innamorata? quindi innamorarsi dà il diritto di perseguitare, molestare, inventare, danneggiare, estorcere? spero che nessuno si innamori di me

    • e’ un amico che lavora da questa scesa dal nord per rifarsela con persone sempliciotte come le definisce lei?

      • Fabiola Rizzo non lavora da questa che non e scesa dal nord e più Cerignolana di tutti noi ha solo l’accento CIAONé
        IMPRENDITRICE maaa e di cosa????

  4. ma no secondo me gennarino come ttt lo kiamano a ceri nncentra proprio un bel niente di qst vicenda.qui si parla solamente di un ragazzotto ke si e innamorato e nn credo l amore sia un reato anzi fa benissimo in qst orrenda società.e poi ma l avete visto bene in faccia e cosi pacioccone cn le sue guancioni ciotte ciotte ke si ha voglia di prenderlo a skiaffi

    • Ma chissa come mai da quando l hanno arrestato sono finite le mie persecuzioni! Mah! Che coincidenze assurde eh?

      • Brava Alessandra, dovevi solo capirlo prima e avresti evitato i danni..Gennaro non è cattivo ma non avendo mai ricevuto attenzioni dall’altro sesso si è infatuato senza motivo…gennarì torna dalle nere..non si fanno queste cose!! Vedrai che ha capito la lezione..ma il raga con cui sei uscita non ti ha protetto?

  5. Carissima per cortesia non parlarne piu’,ormai il tizio e’stato arrestato!! Basta quanti commenti tante cose nile per te ,bravo o cattivo che sia non parlarne piu’….adesso vivi la tua vita serena.!!!

  6. buonasera,evidentemente la polizia ha capito che è tutto un bluff,da parte dell’imprenditrice che ha sedotto e abbandonato il povero ragazzo!!!

Comments are closed.