2BARI– Un commando composto da una trentina di persone ha preso d’assalto nella notte, sparando colpi di arma da fuoco in aria, il caveau dell’istituto di vigilanza Secur Service nel rione San Pio, a Bari, riuscendo a portare via una cassaforte che era nell’edificio e al cui interno c’erano valori non ancora quantificati. Sul posto una guardia che è riuscita a dare l’allarme alle forze dell’ordine mentre era in corso l’assalto. I banditi hanno bloccato diverse strade,ma sono stati inseguiti da polizia e Cc.

Per giungere all’obiettivo il gruppo criminale ha organizzato diversi blocchi stradali, in tutte le direzioni, per impedire l’intervento delle forze dell’ordine piazzando nelle vie di accesso all’istituto di vigilanza tre bus, un furgone e un autoarticolato. Per bloccare una strada è stata anche sistemata una grossa catena e sono stati piazzati chiodi che hanno bloccato la corsa a un’auto dei carabinieri. I militari hanno poi raggiunto una vettura in fuga, nel territorio di Bitonto, e sono riusciti a bloccare un uomo che era alla guida della vettura: si tratta di un 40enne cerignolano, Giuseppe Detto, già noto alle forze dell’ordine.

Era armato e guidava un’Audi A8 risultata poi rubata. Sul posto sono intervenuti anche agenti della polizia che hanno inseguito un furgone che viaggiava a forte velocità sulla tangenziale di Bari. Qui è avvenuto un conflitto a fuoco, senza feriti, tra banditi e poliziotti. I rapinatori che erano a bordo del mezzo hanno abbandonato il furgone che aveva a bordo la cassaforte portata via dall’istituto di vigilanza. Ricerche sono in corso su tutto il territorio del Nord barese da parte di polizia e carabinieri. (tratto da lagazzettadelmezzogiorno.it)

Questo slideshow richiede JavaScript.

3 COMMENTI

  1. Si tratta a quanto pare di un cerignolano 40enne..? Svegliaaaa redazione su altri giornali on line è già da un pezzo nome e cognome.. Giuseppe Detto! La catena spero ora gliela mettano al collo! Marcisca in carcere poiché è recidivo sugli stessi reati e ha sparato contro le forze dell’ordine da quanto appreso da testate baresi che sn un miglio avanti purtroppo.

Comments are closed.