Logo amici di beppe grilloRiceviamo e pubblichiamo di seguito una nota de Gli Amici di Beppe Grillo Cerignola nella quale si richiede di operare per la scelta degli scrutatori alle prossime elezioni Europee del 25 maggio 2014, secondo criteri che guardino ai disoccupati e inoccupati da più tempo iscritti comunque all’albo degli scrutatori. Ecco il documento completo.

Alla attenzione del sindaco di Cerignola

Dr. Antonio Giannatempo

e per conoscenza al

Presidente  del Consiglio Comunale

Dr.Natale Curiello

OGGETTO: Nomina degli scrutatori per le elezioni Europee del 25 maggio 2014

La crisi economica e occupazionale colpisce anche e soprattutto il nostro territorio e i concittadini, specie giovani e donne, che non riescono ad entrare nel mondo del lavoro.
Ad essi le Istituzioni dovrebbero rivolgere tutte le attenzioni possibili.

Il Comune di Cerignola, in occasione delle elezioni amministrative ed europee del 25 maggio 2014,dovrà avvalersi della collaborazione degli scrutatori di seggio, individuati ai sensi della Legge 8 marzo 1989, n. 95 ‘Norme per l’istituzione dell’albo delle persone idonee all’ufficio di scrutatore di seggio elettorale’ e successive.

Tale normativa offre ampia discrezionalità nella formazione delle graduatorie tra i cittadini che hanno espresso la loro disponibilità ad entrare nell’apposito albo.
Proprio l’ampio potere discrezionale consente, questa volta in senso positivo, di modificare la prassi consolidata di nominare gli scrutatori secondo logiche clientelari di partito o gruppo di potere, lasciando spazio, invece, allo status di inoccupato/disoccupato.

Gli attivisti 5 Stelle della città di Cerignola,aderenti al gruppo degli “ Amici di Beppe Grillo di Cerignola”, invitano, pertanto, a tenere presenti due soli requisiti per la nomina degli scrutatori, ossia la condizione di inoccupato/disoccupato e, ovviamente, l’iscrizione all’albo degli scrutatori.

Per realizzare questa semplice proposta, che va solo ed esclusivamente in direzione dei cittadini cerignolani in difficoltà, è possibile pubblicizzare un avviso con il quale invitare gli iscritti all’albo degli scrutatori a produrre autocertificazione relativa al proprio stato di disoccupato/inoccupato.

Il Comune di Cerignola effettuerà i controlli sullo stato di disoccupazione/inoccupazione incrociando i dati con quelli del Centro per l’impiego.
Se il numero degli scrutatori dichiaratisi inoccupati/disoccupati è superiore a quello necessario per i seggi elettorali, l’Amministrazione preferirà nell’ordine i disoccupati e successivamente gli inoccupati da maggior tempo. In caso contrario, invece, verranno tutti nominati di diritto.
Diamo un segnale di discontinuità. Sostituiamo il privilegio che la legge da qualche anno affida a logiche spartitorie, evitiamo di impegnare come scrutatori, dipendenti pubblici che pur assentandosi dal proprio posto di lavoro vengono pagati ugualmente e offriamo un nuovo volto della Pubblica Amministrazione e del Comune di Cerignola in particolare.

4 COMMENTI

  1. seeeee e poi i parenti e gli amici di Mennuni come devono fare? gli elettori dei consiglieri comunali che frequentano il convento? e i cumpagn d casarell. grillini mo vi svegliate?

  2. Proposta ragionevole che sento di condividere.
    La missiva in questione inviata al Sindaco, cita la Legge 95 del 1989 la quale,
    però, non detta i criteri di scelta degli scrutatori bensì le modalità di
    iscrizione all’albo. Questa lacuna, se così la si vuol definire, dà spazio alla
    politica di gestire il criterio di scelta a suo piacimento. E’ del tutto evidente che le pressioni
    esterne che la medesima riceve, la induce ad adottare il criterio non proprio
    lineare con quanto suggerito dagli Amici di Beppe Grillo.

    Pertanto, ritengo che anche in questa occasionedi nominare
    gli scrutatori, difficilmente prevarrà il senso di giustizia, ma chi
    dimostrerà di avere più santi in paradiso.

    Spero vivamente di sbagliare previsione!

    27-3-2014

  3. Ma vi riesce difficile mettere i capo famiglia disoccupati?
    Basta un po’ di buon senso…e finiamola, qui si parla di scrutatori..è d0bbligo far guadagnare il papà disoccupato o la mamma capo famiglia..per il resto certo dispiace ma devono mettersi in fila.

Comments are closed.