foto 1 (1)Ancora un incidente stradale colora le cronache nelle tarde serate cerignolane. Domenica 30 marzo, a pochi minuti dalla mezzanotte, l’ultimo evento in senso cronologico: due auto scure, entrambe Audi, si sono scontrate nei pressi dell’incrocio tra via XXV aprile e viale di Levante. Secondo le prime ricostruzioni pare che una A6, con quattro ragazzi a bordo, procedesse ad alta velocità sull’arteria cittadina principale quando, dall’incrocio di via XXV aprile è sbucata un’Audi A3 di colore scuro, con a bordo una coppia. L’autovettura più grande, nonostante il tentativo di frenata, impatta lateralmente l’A3, lato autista, provocando un testa coda con conseguente esplosione degli airbag. Entrambe le autovetture hanno subito danni ingenti (come si vede in foto, ndr.), così come le persone a bordo. Sul posto sono giunte due pattuglie, una dei Carabinieri e una della Polizia, insieme a due Ambulanze. I quattro a bordo dell’A6 sono stati trasferiti in Ospedale per accertamenti mentre la ragazza alla guida dell’A3 ha riportato diverse contusioni tanto che, gli operatori del 118, hanno optato per il trasporto presso il locale Nosocomio. Il ragazzo, seduto sul sedile lato passeggero dell’A3, è stato trattato in loco con l’applicazione di un collare rigido.

Tutta da ricostruire la dinamica, che per il momento trova poche conferme e tantissimi dubbi, soprattutto sui fattori scatenanti quali l’alta velocità e l’imprudenza. La viabilità resta ancora chiusa anche se le forze dell’ordine fanno sapere che il ripristino avverrà in poche ore. Finite le rilevazioni si procederà alla rimozione delle due auto e alla pulizia della strada, interessata dallo sversamento dei liquidi dei motori. Torna, quindi, di stretta attualità il tema sicurezza e prudenza stradale, specie in città dove in molti, soprattutto ragazzi, pensano di poter trasformare le vie cittadine, in alcune ore del giorno, in veri e propri circuiti automobilistici. Solo pochi giorni fa, l’Assessore alla Sicurezza Lapiccirella informava la città, attraverso le parole rilasciate in una intervista a lanotiziaweb, della riattivazione delle telecamere di video sorveglianza, utili certamente come ausilio per prevenire i crimini, ma anche all’occorrenza deterrente per molti aspiranti piloti di formula uno.

Questo slideshow richiede JavaScript.

16 COMMENTI

  1. Tutto organizzato malissimo!! Semafori spenti la sera (di mattina chi vuoi che corra??) non servono solo a gestire il traffico. Installate i dossi!… vabè.. tanto sono chiacchiere al vento…

      • …nel senso che è un errore della redazione o che la signora senza patente dopo l’incidente è diventata improvvisamente paseggero?

      • audi a 3 non e sbucata!!!! ha rispettato lo stop dopo di ke ha impegnato incrocio un mio parente ha visto impatto in pieno e stato superato da audi a6…e poi nell a6 il ragazzo era solo ora invece sono 4??..ma xke pubblicate le cose a ca….??o pubblicate cosi come sono oppure meglio non pubblicare niente??

  2. Sono la signor a di Audi a 3 mi sono fermata allo stop dando precedenza a destra e sinistra una Volta impegnato incrocio Audi a6 e uscita al improviso dal lamia sinistra sorpassando auto ke era no almeno a 50 metri di distanza e mi ha sbattuto pero dal unto so capisce ke velocity era….. Sono explosion air bag. Non e una velocity x paese

    • massima solidarietà nei suoi confronti ormai tra buche e queste persone che credono di poter fare quello che gli pare nemmeno 4 occhi potrebbero bastare

  3. E’ solo una questione di tempo; prima o poi ci scapperà il morto. Cerignola, nel primo pomeriggio o nelle ore serali, diventa una terra di nessuno. Una massa di deficienti che vaga per il paese in macchina a velocità sostenuta, mettendo a repentaglio la propria e la altrui incolumità. Certe strade come viale di levante, ponente, maria ss ausiliatrice, via puglie diventano vere e proprie piste; il sottoscritto, proprio in quest’ultima via, ha rischiato per ben due volte di essere investito, per la barbara abitudine di tanti automobilisti di superare le altre auto, magari quando queste ( è il mio caso) rallentavano per permettere ai pedoni di attraversare la strada.
    Mi domando: quanto tempo dobbiamo aspettare prima di vedere qualcuno ammazzato da questi dementi ? Visto che appellarsi alla intelligenza della gente è purtroppo tempo perso,quando, in nome di una sacrosanta prevenzione, si provvederà a disseminare in questo benedetto paese dissuasori della velocità come rotatorie ( dove possibile), dossi e quant’altro ?
    Che Dio ce la mandi buona !!

  4. ..e la domenica pomeriggio,quando la maggior parte delle persone sono alterate per varie ragioni??? ieri pomeriggio,via Plebiscito, ore 16 circa,una astra station wagon da sola a folle velocità,si è fermata dopo una frenata di 20 metri e passa contro il cancello di una cantiere .risultato: macchina distrutta….se ci fosse stato qualcuno sul marciapiede non avrebbe avuto scampo! Fortunatamente quel marciapiede è impraticabile a causa delle piante che non vengono da secoli curate…La civiltà passa anche da questo,non bastano solo i controlli,servono le sanzioni SEVERISSIME!!!Pedalare poi in bicicletta è PERICOLOSISSIMO…che fine ha fatto la zona a traffico limitato??..aspettiamo le prossime elezioni ,e Cerignola,nel frattempo,muore sempre di più…Grazie amministratori ve ne saremo grati…INCAPACI!!!!

      • Sn il ragazzo audi a6 secondo voi si può impegnare l’incrocio dando sl la precedenza a destra? Allora le patenti se le studiassero nn che se le comprano

        • sono d’accordo con te pero da come si vede tu non andavi a una velocita del paese xke le 2 auto si travano a una distanza………
          se invece andavi 50 60 km non succedeva questo si rompevano auto senza far scoppiare air bag senza ambulanze ecc si faceva denuncia e finita li…ho sbaglio???inoltre hai il lato sinistro della tua macchina incidentato significa ke rientravi dal sorpasso??

  5. Precedentemente è stata imputata la responsabilità di certi avvenimenti a droghe e alcol. Non sono alcol e droga (quali demoni oscuri questi ?!) che guidano le auto, ma persone che dopo averne fatto uso, non scadiamo nei più tristi moralismi a stampo proibizionista, l’uomo è dotato di una coscienza che risponde ai dettami dell’esperienza ovvero dell’educazione, altrimenti andrebbe proibito ogni singolo oggetto che può portare a nefaste conseguenze come un banale coltello da cucina realizzando di fatto un tipo di controllo simile a quello che si attua nei confronti di bambini in età prescolare. Non so voi ma io preferirei essere trattato da persona adulta e si spera civile e non essere estremamente condizionato come un bambino. Per rispondere al principio newtoniano di causa ed effetto la relazione diretta droghe-incidenti è sbagliata e fuorviante in quanto la causa generatrice dell’effetto (negativo, l’incidente) non è la droga in se (così come non lo sarebbe il coltello da cucina) bensì la persona, che in tutta la sua ineducazione, assume delle droghe o dell’alcol poco prima di compiere un’azione che richiede un certo grado di lucidità. Queste persone vanno educate ad un comportamento razionale e civile così come tutti noi siamo stati educati a non fare un uso offensivo del coltello da cucina nei confronti di un qualunque soggetto che ci rechi disturbo, per quanto spesso e volentieri se lo meritino.

Comments are closed.