Si è tenuta ieri sera, con la cerimonia di premiazione nella Sala Consiliare, la tappa conclusiva del 1° Concorso Fotografico “Il dono”,  indetto da Fidas Cerignola.

Fidas Cerignola (Federazione Italiana Donatori Associazione Sangue) nasce, grazie alla presidente Antonietta Lorusso, nell’ottobre 2010,  con lo scopo di promuovere e diffondere attraverso le attività di volontariato la pratica della Donazione anonima, volontaria, gratuita e periodica del sangue e dei suoi componenti, quale atto di umana solidarietà.

Dopo tante manifestazioni, campagne di sensibilizzazione e progetti, negli scorsi mesi,  la locale associazione Fidas ha indetto anche  un concorso fotografico per avvicinare alla propria causa. La partecipazione è stata gratuita e aperta a tutti i cittadini di età compresa tra i 18 e i 65 anni. 

«L’idea del concorso-spiega la Presidente Antonietta Lorusso– nasce dalla voglia di sensibilizzare giovani e non alla periodica donazione di sangue immortalando scene di vita quotidiana che possano ricondurre allo scopo dell’associazione stessa: il dono. La donazione di sangue è un gesto d’amore e di solidarietà verso il prossimo, un gesto semplice, ma importantissimo, che può e deve produrre un effetto domino, sensibilizzando quante più persone  verso un problema, quello della donazione, ancora oggi non sufficientemente  compreso e spesso sottovalutato».

A rispondere all’appello  di Fidas, tanti giovanissimi, e non solo, che hanno inviato le loro foto presso la sede dell’associazione,  in Via V Addolorata n° 2.   Originalità, tecnica ed attinenza al tema. Questi i tre criteri di valutazione adottati dalla giuria esterna, presieduta dal fotografo Enzo Quinto.

Tre le istantanee vincitrici: “Fratelli  di sangue” di Antonio Monopoli; “Insieme ogni giorno” di Michele Braschi e “Un dono d’amore” di Rocco Schiavone.  Ai vincitori, rispettivamente premi€ 250,00; € 150,00 e  € 100,00.  Le tre gigantografie verranno affisse rispettivamente nel Centro Trasfusionale e nei reparti di Ginecologia e Medicina dell’Ospedale “G. Tatarella”. La stessa giuria ha selezionato le 30 foto migliori, che sono state esposte  in una mostra fotografica allestita nella Sala Consiliare in concomitanza alla cerimonia di premiazione. Agli autori delle istantanee in mostra è stato consegnato un attestato di partecipazione. 

«Parafrasando il nome stesso scelto per questo concorso- dichiara il neo Vice Sindaco,  Franco Reddavide– noi amministratori dobbiamo essere ogni giorno predisposti al dono verso il cittadino. Una cultura, quella del dono, che Fidas ha incarnato benissimo in questi anni promuovendo opere di sensibilizzazione preziose che come Amministrazione Comunale ci impegniamo a sostenere».

Tra i giurati anche il Consigliere Comunale, Franco Conte, che ha precisato come «Fidas sia un esempio virtuoso da seguire». «Come funzionario della direzione sanitaria di Cerignola-aggiunge- ho visto operare da vicino questa associazione che reinveste i propri utili al servizio della nostra comunità, sopperendo, spesso, alle carenze della direzione sanitaria, ad esempio quando lo scorso anno ha donato televisori a tutte le stanze di degenza del reparto di Pediatria».

Questo slideshow richiede JavaScript.

4 COMMENTI

  1. Quando mi soffermo a guardarvi…bè in quel preciso istante sicuramente sto facendo un brutto sogno.
    Quanto è strana la vita.

    • Se tu vedi i donatori di sangue come un brutto sogno ti dico che tu non meriti di vivere in mezzo a persone civili

  2. Sulla foto del vincitore al primo posto…..fratelli di sangue e non figli di sangue…….firmato…..

    • vice sindaco fai qualcosa per il lavoro che questa volta non passa avanti vedete che dovete fare seno esco a rai 1 la faro grande ma qualcuno se ne va chi tiene testa capisce

Comments are closed.