Sono state recuperate le armi lasciate dai banditi responsabili della rapina con sparatoria, dello scorso 1 settembre, all’ufficio postale di Rapino (CH) ed in cui è rimasto ferito un carabiniere. Le forze dell’ordine, dopo uno scontro a fuoco, sono però riusciti a catturare i quattro pugliesi responsabili: si tratta di Matteo Mastropietro, 46enne di Cerignola (FG),  Giuseppe Da Bellonio, 33enne di Cerignola (FG),  Giuseppe Saracino, 33enne di Cerignola (FG);, Giuseppe Marrone, 27enne di Trinitapoli (BT); si nascondevano nei boschi tra Villamagna, Fara Filiorum Petri, Casacanditella e Bucchianico. La banda di malviventi ora è rinchiusa in carcere a Chieti e deve rispondere delle pesantissime accuse di tentato omicidio, rapina a mano armata, porto abusivo di armi da fuoco e resistenza all’arresto.
ARMI DELL’EX JUGOSLAVIA Le armi ritrovate ieri pomeriggio, nel corso di un’imponente battuta in un’area boschiva nel Comune di Bucchianico (Chieti), con l’ausilio dei carabinieri del Comando Provinciale di Chieti, coadiuvati da personale di rinforzo dell’Ottavo Reggimento Carabinieri Lazio, hanno permesso di individuare la zona compresa tra i Comuni di Bucchianico e Casacanditella (Chieti) dove, presumibilmente, i quattro rapinatori si erano nascosti dopo aver abbandonato l’autocarro Iveco per dileguarsi a piedi. Le armi, un fucile d’assalto militare marca ZASTAVA M.70 (Kalashnikov), calibro 7,62×39 con due caricatori e ulteriori munizioni, in dotazione alle forze armate dell’ex Jugoslavia, una pistola revolver marca Smith & Wesson, modello 686, calibro 357 Magnum, con 7 cartucce, e un fucile automatico KFC calibro 12, sono state rinvenute in località Calcara del Comune di Bucchianico, accuratamente nascoste tra la fitta vegetazione a ridosso del fiume Foro. La modalità di occultamento delle armi fanno ritenere che era intenzione dei rapinatori tornare sul posto per recuperarle qualora fossero riusciti a guadagnare la fuga. Gli arrestati saranno ora deferiti anche per il reato di ricettazione di armi.

Questo slideshow richiede JavaScript.