I Carabinieri della Compagnia di Cerignola hanno dato esecuzione ad una misura cautelare della custodia in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Avezzano (AQ) su richiesta di quella Procura della Repubblica nei confronti di PELLEGRINO Domenico, 22enne di Cerignola, ritenuto responsabile del reato di rapina in concorso.

Il 4 luglio scorso, insieme al complice DE PALMA Vincenzo, 24 anni cerignolano anch’egli, già arrestato qualche giorno dopo il fatto, entrava con il volto travisato da una calza nell’istituto bancario TERCAS di Carsoli (AQ) e scavalcata la postazione di un impiegato, gli stringeva il collo con le mani. I due rapinatori, quindi, si impossessavano della somma contante di 9.615 euro e si davano alla fuga a bordo di una Fiat Croma.

Nella circostanza i Carabinieri della Compagnia di Tagliacozzo (AQ) riuscivano ad individuare la vettura dei rapinatori e risalire al DE PALMA Vincenzo quale utilizzatore che, rendendosi irreperibile, veniva arrestato dai Carabinieri di Cerignola qualche giorno dopo la rapina. Rimaneva, quindi, ancora in libertà il secondo rapinatore.

L’incessante attività investigativa dei Carabinieri portava a sospettare che il PELLEGRINO, arrestato il 17 agosto scorso per detenzione di armi e stupefacenti, fosse l’autore ancora ignoto della rapina.

Acquisita l’immagine del soggetto, veniva sottoposta all’attenzione dei presenti nell’istituto di credito ed alcuni avevano modo di riconoscerlo, poiché lo stesso, durante l’aggressione, si era scostato il passamontagna utilizzato per travisarsi.

Gli elementi di prova raccolti hanno permesso all’Autorità Giudiziaria l’emissione del provvedimento restrittivo. L’arrestato è stato associato al Carcere di Foggia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

2 COMMENTI

  1. bravi continuate così, sarete felicissimi!!!!!! ma andate a trovarvi un lavoro in america, sicuramnete farete fortuna.

    • xk andare in america a cercare fortuna? basterebbe edificare un bel muro vicino piazza duomo ed eseguire una bella fucilazione… altro ke lavoro x questi luridi, ci vuole la pena di morte

Comments are closed.