Le denunce di quest’oggi sono forti e meritano per questo una visone prospettica più ampia. Chi non ha mai visto un topo di fogna? Qualche anno fa furono numerose le denunce di tale fenomeno riguardante l’ex-mulino Tamma, dal quale secondo molti, fuoriuscivano a tute le ore del giorno e della notte roditori di ogni tipo. Anche nelle periferie (zona Cimitero e San Samuele, ndr) il fenomeno non risulta nuovo. Ma questa volto parliamo del centro, del corso cittadino, e precisamente della Chiesa del Carmine.

CARO DIRETTORE VORREI CHE ATTRAVERSO IL VOSTRO QUOTIDIANO, CHE SEGUO CON ASSIDUITA’, SI FACCIA LUCE SU UN PROBLEMA CHE AFFLIGGE LA STORICA ZONA DI CORSO GRAMSCI. SI TRATTA DELLA PRESENZA DI RODITORI, CREDO RATTI, CONSIDERATE LE DIMENSIONI.

NON HO MAI VISTO CON TANTA FREQUENZA TOPI IN QUELLA ZONA. CI VIVO DA TRENT’ANNI E NON RICORDO NULLA DI SIMILE. LA PIAZZA DI FRUTTA E VERDURA POCO DISTANTE C’E’ SEMPRE STATA,QUINDI NON POTREBBE ESSERE QUELLA LA CAUSA. NON RIESCO PROPRIO A CAPIRE PERCHE’ OGNI TANTO QUALCHE TOPO ATTRAVERSA IL TRAFFICATO CORSO GRAMSCI NEI PRESSI DEL CARMINE.

HO SENTITO DIRE CHE DI RECENTE E’ STATA ANCHE FATTA LA CONSUETA DISINFESTAZIONE DALLA SIA. SONO NONNO DI DUE NIPOTI E PENSO A QUANTO POTREBBE ESSERE PERICOLOSO PER UN BAMBINO IMBATTERSI IN SIMILI ANIMALI. INOLTRE E’ ANCHE UNA QUESTIONE SANITARIA, DI PULIZIA E DI PUBBLICA IGIENE.

Ma la parte più antica del Corso cittadino non è l’unica zona in cui il problema si avverte. «Dopo aver trovato sul balcone di casa mia, in pieno centro, al secondo piano, un ratto che rovistava nella busta dell’immondizia, posso dire con certezza che siamo invasi dai topi». racconta Maria. Se un roditore riesce a giungere anche ai piani alti di un palazzo vuol dire che probabilmente non vengono messe in capo le profilassi più adeguate. E nello specifico si tratta di un abitazione sita a non più di 50 metri dalla Chiesa del Convento.

Alle istituzioni la voce di questi cittadini e il dovere,si spera, di fornire risposte.

2 COMMENTI

  1. Notizie false e pretestuose, innescate ad arte da chi con il mestiere di politicucolo da strapazzo, vuole a tutti i costi cavalcare una “problematica straordinaria” già spesa e sempre dagli stessi, risolta oltre un mese fa, la cui causa è da imputare alle incessanti piogge e bambe d’acqua di agosto, che hanno trasportato dalle campagne colonie intere di piccoli roditori i quali hanno stazionato per un brevissimo lasso di tempo e sono stare immediatamente debellate da attività straordinarie operate gratuitamente, per la contingenza dell’evento, da organismi deputati quali la SIA e l’AQP.

Comments are closed.