L’Associazione Casa Di Vittorio ha organizzato il 6 dicembre un’intera giornata dedicata alla discussione sui temi dei diritti, la cultura e la legalità coinvolgendo le istituzioni, le organizzazioni sociali, gli studenti cerignolani e della provincia di Foggia.

Il primo appuntamento è ‘Giovani_Istruzione_Futuro’, in programma dalle 9.00 alle 13.00 presso l’Aula consiliare ‘Giuseppe Di Vittorio’ del Municipio. Dopo i saluti del sindaco di Cerignola Antonio Giannatempo, interverranno: Luca Anziani, dell’Associazione Casa Di Vittorio; Edmondo Montali, della Fondazione Di Vittorio; Gianni Marinaro, della CGIL Cerignola. Il dibattito coinvolgerà le studentesse e gli studenti dell’IIS ‘A. Righi’, l’ITC ‘Alighieri’, l’IISS ‘N. Zingarelli’, l’ISISS ‘G. Pavoncelli’ e del liceo artistico ‘S. Cuore’.

Nel pomeriggio, a partire dalle 18.00, la Sala convegni del Polo museale (presso Ex Opera) ospiterà l’incontro ‘Riscattare la dignità / Diritti-Lavoro-Cultura’ a cui interverranno: Antonio Giannatempo – sindaco di Cerignola; Piernicola Silvis – questore di Foggia; Daniele Calamita – segretario provinciale FLAI-CGIL; Iaia Calvio – consigliere comunale Orta Nova; Stefano Campese – associazione Oltre Babele; Pasquale Cotugno – Presidio di Libera; Giuliano Foschini – giornalista La Repubblica; Vito Antonio Leuzzi – associazione Casa Di Vittorio; Vincenzo Pugliese – coop sociale Altereco.

Alla discussione sono stati invitati a partecipare i rappresentanti delle istituzioni territoriali, sociali e gli operatori economici.

“Il tema della relazione tra lavoro, diritti, cultura e legalità è più che mai attuale – afferma Giovanna Zunino, direttrice dell’associazione Casa Di Vittorio – specie in un contesto territoriale afflitto tanto dal costante incremento della disoccupazione che dal riemergere dell’aggressione criminale al patrimonio privato e pubblico, alle imprese e alle istituzioni.

Ci rivolgiamo alle studentesse ed agli studenti per apprendere da loro come attualizzare e contestualizzare il pensiero di Giuseppe Di Vittorio rispetto alla formazione scolastica e della coscienza sociale. Ed anche per fornire loro conoscenza e consapevolezza di un percorso culturale avviato all’inizio del 900 ed ancora in itinere.

Con le istituzioni e le organizzazioni sociali, invece, vogliamo provare a costruire una visione articolata delle cause dell’illegalità diffusa, premessa al radicamento di forme ben più gravi ed organizzate di criminalità, per poi promuovere forme condivise di recupero e ripristino della legalità, anche valorizzando esperienze e prassi in atto a Cerignola.

Casa Di Vittorio vuole svolgere fino in fondo il proprio ruolo di attore civico – conclude Giovanna Zunino – e promuovere la costruzione di reti e di relazioni che fondino sulla conoscenza dei fenomeni l’articolazione di una strategia civica condivisa”.

Gli eventi hanno il patrocinio della Regione Puglia-Assessorato al Mediterraneo e del Comune di Cerignola e sono organizzati in collaborazione con: Cgil, Fondazione Di Vittorio, Centro Sociale Evangelico, Coop sociale Altereco, Associazione Oltre Babele, Libera.