E’ un appuntamento di rilevanza per la città di Cerignola, soprattutto per sensibilizzare i cittadini di ogni estrazione, ragazzi compresi, a donare sangue per salvare una vita umana. Questo il senso di “Dona il sangue a scuola”, l’iniziativa della Fidas Cerignola diretta da Antonietta Lorusso, e giunta al suo terzo anno di vita, in programma domani mattina a partire dalle ore 10 nell’aula consiliare del comune: insieme ai ragazzi delle scuole, saranno presenti esperti del settore nutrizionistico per affrontare questi importanti argomenti e sollecitare i giovani ad una maggiore propensione nel donare il proprio sangue a chi ne necessita. Il convegno sarà introdotto dalla presidente dell’associazione Lorusso: vi prenderanno parte il Sindaco Antonio Giannatempo; i presidenti della sede dauna Michele Tenace e Vincenzo Mastrolilli; tre sanitari dell’ospedale “Casa Sollievo della Sofferenza”, Gaetano Pepe, Antonio Milanese e Gaetano Saracino; il padre spirituale della Fidas, Don Leonardo Torraco. Ecco cosa dichiarò sul tema al nostro giornale, il 6 marzo 2013, il dottor Francesco Distefano, responsabile del centro trasfusionale del “Tatarella”, fra gli ospiti della seconda edizione: «E’ fondamentale fare questa opera di bene: a Cerignola la media dei donatori è molto bassa ed i ragazzi devono comprendere l’entità del loro impegno. Se i giovani si presentassero a donare più spesso, sarebbe un bel segnale per la città».

CONDIVIDI