La Cav Libera Virtus vince la seconda partita consecutiva in trasferta: così come in casa del Centro Ester, arriva un successo al tie break (27-25; 13-25; 25-23; 12-25; 9-15 i parziali) con la Volare Onlus Benevento. Due ore esatte di gioco per due punti sui quali c’è anche un pizzico di rammarico, perché con maggiore attenzione le gialloblu potevano incassare il bottino pieno. Solito 6+1 adottato da Drago: Alfieri alzatrice e Di Carlo sulla diagonale; Martilotti ed Annese laterali; Tralli e Piemontese centrali, più Tribuzio libero. Il tecnico Della Balda schiera invece Izzo al palleggio e l’ex D’Ercole opposto; Giovino e Lanza di banda; Giancane e Lamparelli in posto 3 e Guido in difesa. Le ospiti ci mettono un po’ per ambientarsi ad un campo ostico e piuttosto buio: beneventane che vanno sull’8-5, trovando scoperto un paio di volte la zona 1, con Giovino parecchio attiva; la Cav torna in parità, sorpassa con un ace di Alfieri ed un buon turno al servizio di Annese vale il +3 (10-13). Sul 13-16 tutte le giocatrici ofantine sono andate a punti e si segnala una Piemontese molto attenta sottorete, con un deciso senso della posizione, denotando una costante e continua crescita per una classe ’97. Tribuzio ottima in difesa, la Volare manda diversi palloni fuori misura ed è 17-23: entra Ulay fra le padrone di casa e tutto torna in gioco, poiché la Libera Virtus si spegne letteralmente. Per le sannite aggancio a 24 e vittoria ai vantaggi, ii un set che sembrava ormai perso. Di Carlo firma il 3-6 in avvio di seconda frazione: le cerignolane tornano compatte ed allungano sul 5-13, con Martilotti più incisiva ed Annese sempre presente. Al secondo timeout tecnico punteggio sul 7-16: Alfieri serve le centrali che si destreggiano a dovere e stavolta, con un margine notevole, la questione si risolve immediatamente, grazie ad una battuta vincente di Martilotti. Nel terzo periodo tra le campane torna Ulay, mentre Tralli porta Cerignola sul 2-5: le giallorosse ribaltano (7-6) beneficiando di errori avversari; la Cav si riporta avanti (9-12) esibendo trame di bella fattura ed efficaci, pur tuttavia arriva il secondo ritorno locale, tanto che al secondo stop tecnico la Volare conduce di misura (16-15), sospinte dalla solita Giovino e Lanza. Le due squadre si danno battaglia punto a punto: De Meo per Di Carlo e di nuovo D’Ercole i cambi effettuati; la spuntano le ragazze di Della Balda, in virtù di due sbavature virtussine.

Non sempre c’è ordine nella metà campo gialloblu, ma comunque si va sul 5-9 nel quarto parziale, sfruttando anche un cartellino rosso al coach beneventano: il divario si dilata (6-12), solo che l’incostante attenzione della Cav consente un recupero (11-15) dovuto anche agli avvicendamenti in regia ed in posto 2 della Volare, che resta nonostante ciò molto nervosa ed il nuovo break (11-19) è perfezionato da Di Carlo, i cui punti sono capitali per portare il match al quinto set. Il tie break non ha sostanzialmente storia: si cambia campo sul 3-8 con Tralli in evidenza ed il sestetto ofantino non concede granché, impostandosi su una possente Martilotti ed una Di Carlo implacabile che certifica il sesto successo stagionale. Una Libera Virtus a due facce quella vista in questa nona giornata: capace di costruire e concretizzare anche in bello stile, ma che a volte sembra lottare più contro sé stessa e le sue zone d’ombra, incappando in passaggi a vuoto. Domenica prossima si torna al “Dileo” per affrontare l’Acqua Amata Turi, fanalino di coda del girone H, reduce però dal 3-2 con Montescaglioso.

Ecco il tabellino della Cav Libera Virtus Cerignola, con le giocatrici andate a referto ed i relativi punti realizzati:

Alfieri 5, Di Carlo 18, Martilotti 21, Annese 14, Tralli 11, Piemontese 14, De Meo, Tribuzio (libero).

CLASSIFICA ALLA NONA GIORNATA

Megaride Napoli, Europea 92 Isernia 24; Ale&Gio Volley Ugento 18; Cav Libera Virtus Cerignola 16; Fiamma Torrese 15; Comes Taranto TdG, Accademia Benevento 14; Orakom Royal Salerno 13; Volare Onlus Benevento 12; Centro Ester Napoli 11; Gsi Sepim Potenza 10; Ingest Montescaglioso 9; Asem Bari 5; Acqua Amata Turi 4.

CONDIVIDI