In occasione delle festività Pasquali, lanotiziaweb.it come ogni anno regala ai propri lettori un racconto breve frutto della penna di Nunzio Di Giulio, già vincitore del Premio Letterario Internazionale  Cavalieri  di San Valentino Poesia della Vita (Poesia  e Narrativa) – 1995 Città di Terni, e del Premio Letterario Nazionale “ Nicola Zingarelli V Edizione- 2013 Cerignola, nonché protagonista al Premio Dea Ebe Canosa di  Puglia -2014. L’autore, ancora una volta, dopo i successi di “La Collana di Turchese”, “Mio Nome Marinela” e “Mirta”, raccoglie e rielabora una storia molto toccante, dai contorni delicati e rischiosi, circa il vivere di una ragazza tra dignità e accettazione, abbandono e coraggio. Scene toccanti che il lettore può disegnare nella propria mente scorrendo le righe dello scritto senza lasciarsi intimidire dal tema, come quello della vita e delle emozioni di una persona disabile, assai scottante nella società d’oggi, provando le stesse sensazioni di chi, come Nina, vorrebbe volare… resta a voi scoprire se ci riuscirà!

Prefazione

In questo  racconto di Nunzio Di Giulio, raccoglie la voce di una straordinaria ragazza.

Essa parla anche a nome di tutte quelle persone che con coraggio raccontano la loro esistenza, il modo in cui vengono trattate  da tutti coloro che incontrano sul loro cammino.

Una sopravvivenza alla pietà più  totale, per un rientro più totale nella società e insieme a tutti costruire La Società.

E’ un racconto corale, anche se da solista di un pezzo di vita, una vita dignitosa.

In un primo momento straziata, perseguitata, abbandonata ma che con coraggio, Nina, ha trovato la forza di ricostruire alla grande.

Questa voce ci costringe a riflettere sul significato di “minoranza” di “tolleranza” di “convivenza” di civiltà”.

Se si è disabili si comincia presto ad essere discriminati. Si inizia da bambini. E si prosegue da adulti. Ma guai a mollare. Bisogna combattere per i propri diritti. Sempre.

Una storia davvero speciale quella di Nina, che ha realizzato il sogno di vivere un proseguo di un’esistenza di una principessa. Di superare quelle barriere che si impongono quotidianamente nella vita di una persona disabile.         

Nina, ci ha fatto capire che quelle persone definite normodotati,.. sono solo persone immature e piccole.. la normalità non significa nulla.. è quella che si ha nel  cuore e la passione di combattere per ciò in cui si crede.

Dobbiamo riuscire a cogliere la profondità e la densità  dei sentimenti. Delle emozioni di creare valori che muovono il nostro animo… come un dolce vento che increspa le onde del mare..

Questo è un racconto di un uomo che sa raccontare. Che riesce ad usare la parola e la frase con una musicalità da incantatore.

Egli ha avuto molteplici motivazioni che lo hanno spinto a scrivere questa storia, ma in lui. si trova anche la capacita di incuriosire e di affascinare i lettori, di riuscire  a prenderli sottobraccio e convincerli , in poche righe, a compiere insieme a lui il viaggio dentro una straordinaria storia che ci vuole donare.

Questa storia non deve essere percepita come un viaggio verso il dolore o verso l’angoscia, ma questo percorso deve trasformarsi in una esplorazione verso la ricerca della bellezza e della forza vitale espressa dallo spazio e dal tempo dei diversamente abili.

E’ una storia senza pietismo ma affrontata con grande freschezza , con grande civiltà che ci impone il rispetto e l’attenzione verso chi, da una posizione diversa e “inferiore”,  e capace di dimostrarci che è in grado di insegnare a noi…”normali”, volontà e forza vitale.

A cura di Amanda (Poetessa)

Nina vuole volare 

(Ogni riferimento a fatti,persone,luoghi  o cose è puramente casuale)

Nina, questo  è  il nome dell’unico personaggio del racconto, si sentiva ingabbiata sulla “sedia”. Senza via d’uscita e la sola aspettativa era quella non entusiasmante delle attenzioni forzate che  le venivano elargite dagli altri. Attenzioni che si riducevano a liberarla, in qualche modo,dai suoi bisogni primari. Si sentiva il prodotto del condizionamento psicologico esercitato dalla famiglia e dalla società. I loro atteggiamenti e comportamenti avevano provocato in lei quel carattere diffidente, ribelle, egoista ed egocentrico che, innescando un circolo vizioso, favoriva ancor più la sua emarginazione. In famiglia si sentiva  un  peso da portare qua e là  senza che mai nessuno tenesse in conto quello che in realtà voleva. Si comportavano come fosse una persona senza affetti, senza sentimenti, senza emozioni. Nella società si sentiva estranea, non in consonanza con ciò che andava fatto. Per tale motivo le relazioni sociali si esaurivano in nulla di fatto: a casa, a scuola, in Chiesa.

Frequentava la chiesa carica di  “ legittime”  aspettative : sperava di incontrare sguardi sinceri ed affettuosi e non ipocriti e sorrisi tendenziosi.

Lì, nella casa del Signore, sperava di vedere materializzarsi gli ideali di fratellanza, carità e solidarietà conclamati dal Signore. Le persone che la circondavano li sentiva,prima di essere amaramente delusa, coerentemente cristiani e, dunque, capaci di accoglierla con amorevole dedizione e non  di essere discriminata, offesa. Di essere accolta come la Maddalena, con amore, da Gesù Invece, Nina, si sentiva diversa anche nella casa di Dio.

La Chiesa, gli Uomini di Chiesa, già: quelli i cui esempi, non  le parole,avrebbero potuta sollevarla. Molto può una carezza, un sorriso di intesa, un’attenzione. Quelle piccole cose che  si fanno gigantesche quando una diversamente abile se le sente piovere nel cuore e nell’anima. Una persona così, una Persona a immagine di Dio, questo afferma la  Chiesa ed è una verità sacrosanta, non può essere ridotta all’ubbidienza remissiva.

Questo vogliono alcuni, ma anche non pochi; degli uomini che accettano la Parola di Cristo ma la disattendono nella pratica quotidiana a contatto con  il prossimo. Il BENE si fa, non si predica.  L’Evangelista Giovanni nel suo Vangelo, al versetto 21 del capitolo  Terzo lo dice esplicitamente: è nella verità di Cristo chi <<le opere sue le fa secondo Dio>>.

La  famiglia, la Scuola, la Chiesa avevano ridotto la vita di Nina a un inutile peso:il suo solo dovere era obbedienza e asservimento. A tanto, Nina  non ci stava! L’anima si sentiva stimolata a vivere invece, a  venire fuori. E l’atto liberatorio non tardò a manifestarsi:un imperativo! Ribellarsi, reagire, affermare le qualità e i diritti del proprio Io, della propria Personalità. Ma come fare, da dove cominciare? Respingendo gli “idoli” o i “miti” decantati ma non praticati dagli indifferenti: la fede, la speranza,la carità. Solo così,diceva a se stessa Nina, poteva  vivere la sua vita terrena: lottare per avere tutto quanto le era stato negato fino ad allora.  Cominciò in famiglia attraverso un dialogo convinto e sostenuto dalla certezza delle sue ragioni.

Poi la ricerca, in campo sociale, di amici ed amicizie. E poi la rapida commossa maturazione di tutto l’essere la visse così, come un miracolo quando scopri di essere amata .L’amore. Quello che sale dalle viscere, dal cuore, dall’anima, nell’incontro con lui: un Amico, l’Amore.

Furono Luca e l’amore a rigenerarla, a  trasfigurarla, perché  l’amore è fatto di questo:di bellezza, di vita, di altruismo di dedizione perché di intima comprensione .Un contatto mai avuto e accaduto per la prima volta: L’Amore, Il Bacio, un Duo che si fa una cosa sola.<<Allora può succedere pure a me, anzi: è successo pure a me, quello che succede ad altri, a tutti?>>E così pensando si sentiva perdere nello sguardo intenso di Luca. Una Prima Volta,ripetibile nel tempo!

Luca fu il suo principe azzurro. La favola di Cenerentola le scivolava addosso e nell’anima fiorirono lentamente gli affetti e i sentimenti, tutti intrisi di nuova forza, così che la sua diversità diventava particolarità e non totalità.

Furono necessari anni e anni e poi  quell’incontro  favoloso con l’Amore. E quindi veniva afferrata da Nina la certezza che, a tutto quel bene, non avrebbe mai più rinunciato.

Ma Luca non fu  l’unico uomo. Conobbe altri e tutti riuscirono a farla sentire a proprio agio, non più diversa.

Era cambiata anche fra gli amici,il rapporto sociale e amicale. Gestiva bene le modalità dello stare assieme e riusciva altresì a instaurare nuove amicizie.

Camminando per strada non mancava di imbattersi negli sguardi di sorrisi falsamente compiacenti, ma ormai non gli dolevano più di tanto sorretta dalla sopravvenuta maturità di vita. Semmai, pensava, erano loro adesso a fargli pena perché li reputava vittime della loro stessa viziata mentalità, gretta ed egoistica.

Nina ora camminava  a  testa alta ed era lei che decideva (in sé) sul valore di quei sguardi, di quel loro modo di sorridere  o di salutare.

Si rendeva conto, ora, che quelli, diversamente abili nella mente, non potevano capire quanto succedeva   a lei : il corpo non era fisicamente perfetto, ma aveva ormai raggiunto, con l’amore, serenità e successo nella vita lavorativa. Era lei, ora, insegnare qualcosa.

Altro cambiamento avvenne in Nina in campo scolastico. Si sentiva ESSERE, si sentiva VALERE, si sentiva OPERATIVA. E tanto era e fu molto per lei. Liberandosi dalla gravità fisica di una volta era cambiata anche la sua esteriorità:nel volto le raggiava la certezza di ESSERE.

Grazie alla scoperta della ricchezza spirituale Nina imponeva la sua personalità sino a non nascondere più la sua diversità.

Tanto può la  rigenerazione per virtù di  Eros.

Nina sapeva bene che <<di vita ce n’è  una sola e la bottiglia non si getta mai piena>>. Perciò dalla scoperta dell’amore e  dall’accadimento miracoloso di quel  bacio, giurò a se stessa che non avrebbe buttato nulla di quanto stava nella bottiglia prima di gettarla via.

Nella sterminata esistenza umana nessuno è un atomo senza volontà e perciò non  doveva mai  mollare perché solo chi prova a volare sa che prima o poi può toccare il cielo. E l’amore permette a tutti di toccarlo!

L’avvenire  poteva ancora arricchirsi, si trattava di attendere con qualche  fiducia il domani.

E l’arricchimento  arrivò quando Nina incontrò Viola, che portò in lei una ventata di rinnovamento  di fiducia nell’esistenza. Viola era una ragazza decisa a concretizzare le idee che si affacciavano nella sua mente. Difatti unitamente a quelle la soccorreva una forte volontà che la spingeva ad operare, ad agire. Era riuscita con il suo sereno ottimismo a crearsi una famiglia E Nina, a contatto con Viola e  a nuovi amici richiamati dalla presenza di Viola si chiedeva, meravigliata: <<Sta cambiando qualcosa nella  mentalità comune??

O  è proprio vero che bisogna aiutarsi per essere poi    ulteriormente aiutata ?>> Da questa faticosa acquisita coscienza che le permetteva di guardare il futuro con  rinnovata fiducia capì e sperò che  davvero i suoi sogni potevano  avverarsi.

La diversità è senza alcun  dubbio un limite alla vita, è un far morire, dopo che viene fiaccato, il desiderio di vivere. E’ meglio morire! Ma poi accadono fatti imprevisti, primo fra tutti il bacio, l’amore e l’amicizia che modificano l’atteggiamento da tenere nei confronti dell’esistenza.

Quando poi si constata che nessuna donna, nessun uomo, l’umanità  tutta è messa di fronte ad  ostacoli di varia natura, la diversità viene intesa come un’avversità che, in vari modi colpisce tutti. Così questo vissuto di Nina si  muta in ragionato ottimismo e perciò lei pure incoraggiava gli altri quando le giornate si prospettavano nere. La fiducia nella vita, di qualunque colore sia, è un BENE da tenere presente; è un BENE da rinnovare giorno dopo giorno. Mai mollare. Tutti viviamo sotto lo stesso cielo. Fra sé e sé NINA  esclamava: Coraggio, Coraggio!

Nunzio Di GiulioNunzio Di Giulio (L)