Si è svolta ieri presso l’Istituto Comprensivo “Don Bosco-Battisti” di Cerignola, la seconda edizione della Festa della Primavera. L’evento organizzato dall’Associazione Ambientalista Fare Ambiente, presenziato dal coordinatore provinciale Marcello Amoroso, con la presidente del laboratorio europeo ofantino Annamaria Losciale, la consigliera Loredana Rotondo e patrocinata dall’Arif Agenzia Regionale Attività irrigue-Forestali con Matteo Sellitri che ha rappresentato Luigi Frattulino (P.O.), ha visto coinvolti i bambini della scuola, guidata dalla dirigente scolastica Giustina Specchio, con l’intento di sensibilizzarli al rispetto del verde e della natura e a proteggere ciò che altri vorrebbero distruggere. Sono stati piantati i primi 20 alberelli sotto lo sguardo emozionato dei bambini, che si impegneranno a curarli con dedizione; i restanti verranno messi dopo le festività pasquali. Marcello Amoroso, oltre a ricordare l’eccezionalità dell’evento, a lanotiziaweb.it ha ribadito un concetto chiaro: “Questa Associazione non ha nulla a che vedere con la politica e ci dissociamo da associazioni fasulle che si vogliono fare pubblicità, abbiamo realizzato questo evento prima della settimana santa e l’inizio della campagna elettorale poiché siamo fra i primi movimenti ecologisti in Italia e partecipiamo ad eventi in cui facciamo conoscere le nostre tematiche”. Infine, va aggiunto che proprio qualche mese fa è nato il laboratorio europeo di Fare Ambiente nella nostra città, distintosi fin da subito per un importante convegno che si è tenuto il 5 marzo sul tema dell’alimentazione dal titolo “Prevenzione e nutrizione”, in cui sono state affrontate le dinamiche di prevenzione delle malattie oncologiche all’intestino, mammella e prostata, che ha visto la partecipazione dell’oncologo Roberto Saccozzi, la biologa nutrizionista Daniela Paolicelli, l’Agronomo Giuseppe Andreano e Nicola Palatella del Fondo Ambiente Italiano.

Questo slideshow richiede JavaScript.

2 COMMENTI

  1. dalla foto, l’albero piantumato penso trattasi di pino d’alleppo, tra qualche anno il comune si trova ad affrontare un altro problema, l’albero avrà sollevato il pavimento o diventerà pericoloso per la sua inclinazione.
    si continua sempre a piantare alberi senza conoscere l’essenza e le sue caratteristiche o difetti.

    • Sig. Pino domestico,
      penso debba rivedere la sua cultura in materia di essenze forestali. Nella foto, trattasi di cipresso comune, quindi assolutamente poco invasivo nell’apparato radicale. Cari Saluti

Comments are closed.