Ventisettesimo successo per l’Audace Cerignola, che supera 1-3 al “Degli Ulivi” di Foggia lo Sporting Daunia, compiendo un altro passo verso la vittoria del campionato di Prima categoria: incontro dominato dai gialloblu, che realizzano tre gol di assoluta bellezza e tecnica. Anche in questa occasione, Gallo mette in campo un 3-4-3: oltre a Vurchio tra i pali, in difesa ci sono Colucci, Colangione e Giuseppe Matera; Schiavone e Conte a metà campo, più Auciello e Giuseppe Matera sugli esterni; Morra-Lasalandra-Flavio Amoruso in attacco. Su un rettangolo di gioco quasi più da oratorio parrocchiale che da torneo regionale (terra battuta mista ad erba selvatica sparsa agli angoli), non è semplice per i cerignolani fare calcio, soprattutto nei primi minuti. Il primo scossone alla partita lo dà Schiavone, che conquista un rigore al 13′: Lasalandra però dal dischetto prova infelicemente la soluzione del “cucchiaio”, con la sfera che si perde alta sulla traversa. Lo Sporting Daunia attua una tattica attendista, con praticamente tutti gli elementi dietro la linea della palla: alla mezzora Morra salta due difensori sul lato sinistro dell’area piccola e serve Lasalandra, il cui tiro è respinto in corner. Colucci ci prova di testa senza esito, poi al 39′ la magia di Flavio Amoruso, che, di destro e a giro, disegna una parabola imprendibile per il portiere di casa. Giusto allo scadere del primo tempo, Auciello imbastisce una interessante offensiva rifinita da Amoruso e conclusa da Giuseppe Matera, il quale trova la risposta del numero uno foggiano.

L’Audace cerca di chiudere la pratica in avvio di ripresa, senza però che sul taccuino si annotino avvenimenti salienti. E’ una nuova invenzione personale (64′) a segnare il raddoppio: Morra salta con un sombrero un avversario ed al volo scarica un destro imparabile, togliendo le ragnatele al sette. Negli ofantini sostituzioni fra under (Lombardi e Daniele Amoruso rispettivamente per Giuseppe Matera ed Auciello) ed al 71′ il tris con Flavio Amoruso, abile a girare di prima intenzione col mancino una incursione di Lasalandra. Lo stesso attaccante lascia poco più tardi il posto a Giuseppe Grieco, mentre nel recupero arriva il gol della bandiera dello Sporting, per l’1-3 finale. Domenica prossima il Cerignola osserverà il turno di riposo del girone di ritorno: il San Marco dovrebbe avere vita facile in casa con il Minervino Murge e ridurre a nove i punti di svantaggio. Se andasse così, il 17 maggio basta un punto al “Monterisi” con la Virtus Molfetta per celebrare l’accesso in Promozione.

CLASSIFICA ALLA TRENTESIMA GIORNATA

Audace Cerignola 83; San Marco 71; Reali Siti Stornarella 63; Omnia Bitonto 51; Atletico Stornara 44; Polisportiva Sammarco 41; Audace Barletta 36; Sporting Daunia Foggia, Virtus Molfetta 34; Bitetto 31; Nuova Andria 30; Ultrattivi Altamura 29; Minervino Murge 28; Rocchetta Sant’Antonio 26; Tre Torri Calcio Torremaggiore 25; Sibillano Bari 23; Margherita Terme 11.