Cade ad Isernia la Cav Libera Virtus, nella 25ma giornata del girone H di B2: l’Europea 92 infligge un 3-0 (25-19; 25-16; 25-18 i parziali) che complica e non poco la missione playoff delle virtussine. Due defezioni dell’ultim’ora per mister Drago, che privo di Di Carlo e Lupo, manda in campo: Alfieri regista e De Meo opposto; Martilotti ed Annese (al ritorno fra le titolari) laterali; Tralli e Piemontese centrali, più Tribuzio libero. Coach Montemurro risponde con: Giroldi alzatrice e Morone fuorimano; Monitillo e Muzzo martelli; Taddei e Tomassetti sottorete e Boffa in difesa. Il primo punto è ospite, poi le padrone di casa scappano via, piazzando un tremendo break (10-1) attraverso l’insidiosissimo servizio di Muzzo e gli attacchi di Monitillo: la Libera Virtus è stordita, Piemontese interrompe la serie mettendo a terra due palloni, eppure in prima linea le biancorosablu sono quasi infallibili. Provano a rientrare le gialloblu, solo che Monitillo è inarrestabile (16-8); scontando la partenza lanciatissima delle avversarie, la Cav è imprecisa nelle offensive, anche se opera un nuovo riavvicinamento con Piemontese efficace dai nove metri (22-18, con l’ingresso di Valecce), costringendo Montemurro ad interrompere il gioco. L’Europea 92 trova in seguito il guizzo determinante per chiudere il set: la fast di Tomassetti porta le formazioni al cambio di campo. E’ sempre Monitillo la più pericolosa delle molisane, però Cerignola resta a contatto, giungendo alla parità (6-6), ed alla prima pausa tecnica lo scarto è di misura (8-7); due volte Taddei ed un attacco out ofantino e le pentre allungano (11-7), tuttavia la squadra di Drago se la gioca a viso aperto nonostante le assenze, pur con qualche situazione favorevole e fortunosa alle locali. Le offensive cerignolane troppo a fasi alterne, Isernia fa ciò che deve (19-11) mettendo in mostra tutte le sue qualità: Tomassetti è presente a muro impedendo alla Cav di passare, ed arriva così il doppio vantaggio, ancora con margine ampio.

In apertura di terza frazione la Libera Virtus per la prima volta avanti (1-4), Morone e Monitillo danno l’aggancio a quota 5: la fast di Tralli manda le compagini dai rispettivi allenatori (7-8). La sfida in questo frangente è equilibrata e con scambi avvincenti: le gialloblu alzano la percentuale di difesa (Tribuzio assai positiva in ricezione), ma il sestetto isernino accelera (11-9), subendo comunque l’immediato ritorno ospite. Il punto a punto prosegue ed il set si mantiene vivo (16-15), prima del gran finale dell’Europea: al rientro dal secondo timeout tecnico, la capolista spinge decisamente -ace Tomassetti, Muzzo dalla banda, Taddei a muro- con un 21-16 che sembra far alzare bandiera bianca alle foggiane. Martilotti (ad ogni modo la miglior realizzatrice virtussina) è innescata spessissimo, ma alla lunga la generosa schiacciatrice calabrese arriva sfinita sul pallone, riducendo la sua pericolosità. La bravissima Giroldi ispira le sue attaccanti ed in particolare Taddei, l’Europea 92 è in carrozza e si aggiudica un successo che sa tanto di ipoteca sulla promozione diretta in B1. La Cav scivola al quarto posto, sorpassata come da pronostico dalla Comes Taranto: tornare in terza piazza appare molto difficile, perché sabato si riceverà la Megaride Napoli (ancora virtualmente in corsa per la vittoria finale) e le joniche giocheranno in casa con Potenza. Annese e compagne, a prescindere dal risultato conclusivo, hanno il desiderio di concludere con una buona prestazione davanti ai propri tifosi una stagione davvero soddisfacente.

Ecco il tabellino della Cav Libera Virtus Cerignola, con le giocatrici andate a referto ed i relativi punti realizzati:

Alfieri 2, De Meo 6, Martilotti 11, Annese 5, Tralli 2, Piemontese 5, Valecce, Tribuzio (libero).

CLASSIFICA ALLA VENTICINQUESIMA GIORNATA

Europea 92 Isernia 68; Megaride Napoli 66; Comes Taranto TdG 51; Cav Libera Virtus Cerignola 50; Ale&Gio Volley Ugento 44; Fiamma Torrese 40; Accademia Benevento 37; Volare Onlus Benevento 33; Centro Ester Napoli 31; Gsi Sepim Potenza 30; Ingest Montescaglioso 27; Asem Bari 20; Royal Salerno 18; Acqua Amata Turi 10.

CONDIVIDI