Inizia nel migliore dei modi l’avventura playoff per l’Iposea Udas in C maschile, con la vittoria 3-1 sul Toma Carburanti Ruffano al pala “Dileo”, nella gara secca valida per gli ottavi di finale. Mister Ferraro schiera la migliore formazione possibile: Tartaglia al palleggio e Vincenzo Petruzzelli opposto; Squeo e Francesco Petruzzelli laterali; Lanzone e Mancini centrali, Panunzio libero. Il primo set scorre via nel segno dell’equilibrio, con entrambe le squadre che incappano però in numerosi errori: gli ospiti si portano avanti nel punteggio, affidandosi alla buona vena del proprio opposto, regolarmente a segno. Più difficoltà invece fra gli udassini, ancora non ben entrati in partita: la svolta arriva dal centro, con Lanzone e Mancini che prima azzerano lo svantaggio, poi creano il break che rompe la situazione di stallo (21-17). Ruffano non si perde d’animo e torna in gioco (23-22), ma ancora Mancini ed un ace chiudono il periodo 25-22. Il punto a punto prosegue nel successivo parziale: i leccesi ora spingono anche dalle bande, Petruzzelli da parte cerignolana fa il suo dovere in prima linea, solo che non si schioda la sostanziale parità. Serve un nuovo spunto nel finale, ancora ad opera di Mancini (20-16), a segno con due servizi vincenti: l’assalto salentino per la rimonta viene respinto dai due Petruzzelli, ed un muro di Vincenzo regala il doppio vantaggio (25-21).

Il copione non muta (almeno inizialmente) nella terza frazione: Ferraro opera due sostituzioni (Allegretta e Dellorco per Tartaglia e Vincenzo Petruzzelli) e l’Udas appare più decisa e concentrata, allungando fino al 16-12. Alcune imprecisioni costano l’aggancio dei leccesi, ma subito il muro di Dellorco fa tornare a condurre i biancazzurri; arriva però il sorpasso del Toma Carburanti e, nonostante il ritorno alla diagonale titolare, i biancorossi scappano via (19-22) e riducono le distanze, approfittando anche di un po’ di stanchezza nel sestetto di casa (21-25). Il quarto set parte con un leggero infortunio a Panunzio, temporaneamente sostituito da Raffaele: l’Iposea è trascinata da Squeo (7-1): Ruffano sbaglia molto e concede numerose offensive agli ofantini, i quali conducono largamente (12-6). Lanzone e Mancini continuano a scaraventare palloni nella metà campo avversaria, malgrado tanti servizi a rete da ambo le parti. Sul 17-10 i padroni di casa sembrano ormai avviati verso il successo: Ferraro modifica come in precedenza la diagonale, tornando dopo poco sui suoi passi, in ragione di un lieve calo di concentrazione che, comunque, non pregiudica il risultato. Il 25-17 determina la qualificazione ai quarti di finale: il prossimo ostacolo sarà, mercoledì ed ancora davanti al pubblico amico, la Matervolley Castellana Grotte.

CONDIVIDI