A margine dello spiacevole evento (scherzo o intimidazione che sia lo chiariranno evidentemente le indagini degli Agenti di Polizia di Cerignola e la Questura di Foggia, anche grazie alla registrazione audio della telefonata, ndr.) che ha visto coinvolta l’Europarlamentare Elena Gentile, destinataria ieri, alle 6 del mattino, di un carro funebre con bara inviato direttamente a domicilio (presso la residenza cerignolana, ndr.) attraverso una telefonata anonima, giungono puntuali le parole di vicinanza e solidarietà da ogni parte politica, sia di destra che di sinistra, con un imbarazzante silenzio, ci si augura momentaneo, di molti aspiranti amministratori locali dediti al cambiamento. All’Europarlamentare, inoltre, va la solidarietà di questa testata, così come già fatto da molte testate regionali e nazionali.

Consiglio Regionale Puglia – «Grave, inaccettabile e di pessimo gusto». E’ il commento del presidente del Consiglio regionale della Puglia, Onofrio Introna, il primo ad essere intervenuto subito dopo all’episodio che ha interessato ieri mattina l’eurodeputato Elena Gentile. «Esprimo la solidarietà mia e dell’Assemblea alla già collega e assessore alla sanità. Conoscendola, la provocazione non l’avrà per niente scossa, anzi… come del resto ha prontamente  dichiarato, col tono deciso che conosciamo bene. Quanto mai apprezzabile, in questa occasione».

Paolo Vitullo e il centrodestra – «Esprimiamo tutta la nostra personale vicinanza all’europarlamentare Elena Gentile, vittima di un atto vigliacco che nulla ha a che vedere con la disputa politica». Il candidato sindaco del centrodestra, Paolo Vitullo, parla a nome dell’intera coalizione, dopo l’intimidazione subita dall’eurodeputato di Cerignola all’alba di questa mattina. «Un gesto macabro, che getta ombre inquietanti sulla campagna elettorale. Abbiamo chiesto a più riprese di abbassare i toni del confronto, richiamando alla responsabilità tutte le forze politiche impegnate nella contesa elettorale. Confidiamo nell’operato delle Forze dell’Ordine, affinché facciano luce sull’accaduto. La condanna a questo genere di episodi giunga unanime, senza distinzioni di bandiera. Siamo certi che una personalità forte come quella di Elena Gentile non si lascerà intimidire».

Raffaele Piemontese (Pd di Capitanata) – «Elena Gentile, alla quale va la solidarietà dell’intera comunità Democratica, è donna coraggiosa oltre che militante appassionata, dirigente esperta e autorevole rappresentante istituzionale con tante di quelle battaglie politiche sulle spalle da non farsi certo intimidire da gesti come quello di stamane. Ciò che mi preoccupa seriamente è l’imbarbarimento della dialettica elettorale. Tra l’antipolitica di chi propaganda odio verso le istituzioni, i tentativi di inquinamento economico e lo sfruttamento dei drammi personali vissuti da chi ha perso il lavoro si rischia di svilire il rito democratico per eccellenza: le votazioni. Il Partito Democratico è l’unica forza politica che ha assunto la responsabilità di fare argine e proporre soluzioni ragionevoli per cambiare in meglio il tempo che ci è dato di vivere. Continueremo a farlo con Elena Gentile e con le donne e gli uomini che hanno a cuore la Capitanata e la Puglia».

Tommaso Sgarro (Pd Cerignola) – Il Partito Democratico di Cerignola e la comunità del centrosinistra, impegnata in città negli ultimi giorni di una difficile e tesa campagna elettorale, sono vicini alla compagna di tante battaglie Elena Gentile. L’episodio del carro funebre fatto recapitare sotto casa del nostro europarlamentare, sul quale ci auguriamo la Digos possa fare quanto prima chiarezza, è un atto grave. L’accaduto, che sia una goliardata o un vero atto intimidatorio, non può che essere letto all’interno di un clima politico e di una campagna elettorale che trovano purtroppo linfa nell’insulto personale, nella denigrazione e nell’offesa che nulla ha a che fare con la vera politica. Elena paga ancora una volta la sua voglia di essere in prima linea, di metterci la faccia, di sentirsi parte attiva della comunità. Il PD di Cerignola si organizzerà nelle prossime ore con iniziative volte a stigmatizzare l’accaduto e rimettere sulla giusta rotta questa campagna elettorale e per esprimere la piena e convinta solidarietà a Elena Gentile. È il momento che Cerignola dimostri di essere una comunità unita. Commenta il candidato Sindaco e Segretario cittadino del PD sull’accaduto: «Se hanno pensato di intimidire Elena in questo modo, chiunque abbia avuto questa infelice idea mi sa che non la conosce affatto. Se pensano di intimorirla così non hanno capito nulla. E insieme a lei sicuramente non intimoriscono noi, anzi ci danno un motivo in più per continuare a percorrere insieme a lei con maggior forza la strada per rendere la nostra una città migliore, una città orgogliosa, una città coraggiosa. Adelante Elena!».

Grandi assenti – Sono ancora molti i protagonisti politici della scena locale, a non aver espresso alcun pensiero circa l’accaduto, né a nome personale né in rappresentanza di liste o coalizioni, eccezion fatta per Rino Pezzano, il quale a titolo personale, sul proprio profilo facebook, ha postato un pensiero solidale e l’auspicio di ritorno immediato alla politica: «Solidarietà ad Elena Gentile. Davvero uno scherzo di cattivo gusto. Torniamo alla politica».

  • cab

    Aspettiamo la dirigente moralizzatrice. O è troppo impegnata con la cacca dei cani ?

  • Pinuccio bruno

    Solo per osservare i solito vizietto o peccato veniale di FAZIOSITA’ , cui codesta gentile Redazione appena può mette in atto incurante di quel minimo di
    etica giornalistica a cui la medesima evidentemente dà scarsa rilevanza, a mio avviso
    errando, quando la differenza tra due soggetti politici nella realtà, sia abissale sul piano numerico e strategico.

    Infatti , il servizio evidenzia solo la solidarietà espressa
    da Vitullo di Forza Italia ed al paragrafo “Grandi assenti” da Rino Pezzano di Cerignola Democratica a
    titolo personale. Mentre quella del m.p. Cerignola Libera espressa ieri nel
    precedente servizio , non è stata tenuta
    in debita considerazione.

    Mi preme sottolineare, che questa mia recriminazione non è dettata da
    alcuna forma di velleitarismo o protagonismo personale né
    del Movimento, ma dettata dal diritto alla parità di informazione.

    Sono certo che questo mio intervento non verrà censurato ,
    almeno in questo, apprezzo lo stile
    della Redazione.

    Auguro, comunque, buon lavoro alla medesima, sperando essa possa fare tesoro in futuro quanto da me legittimamente segnalato.

    24.5.2015

  • Cittadino_Onesto

    E’ decisamente più imbarazzante il silenzio della Gentile riguardo al registro dei tumori.