Nella cornice di Piazza Matteotti, in una serata non eccessivamente afosa, si è svolto domenica sera l’appuntamento di fine anno con la sfilata di abiti, preparata dalle ragazze del settore abbigliamento e moda dell’Istituto Tecnico Agrario “Pavoncelli”, guidato dal dirigente scolastico Pio Mirra. Sotto l’attenta guida di Angelica Lasalvia, che ha coordinato il lavoro di colleghi ed alunne, l’evento ha visto protagonista l’Oriente: l’ispirazione è stata data dalla lettura de “Il Milione” di Marco Polo; le ragazze con i loro abiti e le musiche, hanno portato gli spettatori presenti in un viaggio virtuale attraverso le terre percorse dal viaggiatore veneziano nel suo lungo cammino. «Anche quest’anno la scelta del tema è stata particolarmente impegnativa -così ha spiegato in esclusiva al nostro giornale Lucia Pepe, responsabile relazioni esterne della Lucas di Foggia, che ha attivamente collaborato con l’Istituto per la manifestazione-. Abbiamo rappresentato tutta l’Asia al completo, con stili ed accessori diversi, curati nei minimi particolari. Siamo felici per come è andata». La serata, condotta da Luisa Migliaccio, ha visto anche momenti musicali molto interessanti: dalla Rudra Ballet di Ernesto Valenzano al flamenco di Teresa Maiorino, senza dimenticare un doveroso spazio ad un interessante progetto contro la dispersione scolastica, “La classe non è acqua”. Presenti anche alcune ex allieve, che hanno intrapreso la strada della moda, puntando sulle proprie forze: di certo per la nostra città un segnale di speranza, di fronte ai tanti problemi che attanagliano la nostra comunità.