I Carabinieri hanno tratto in arresto in flagranza di reato MARINKOPVIC Sanela, cittadina serba di 24 anni, per il reato di rapina in concorso. La donna, insieme a due complici ancora in corso di identificazione, si era introdotta, forzando la porta d’ingresso, in un’abitazione di una via centrale di Cerignola. Impossessatasi già di denaro contante e monili in oro per un valore di circa 500 euro, veniva sorpresa dalla proprietaria, che allertava i Carabinieri e tentava, nel contempo, di bloccare la giovane ladra. Quest’ultima, allora, estraeva un coltello ed aggrediva la proprietaria, cercando di garantirsi la fuga. I Carabinieri del Radiomobile, intervenuti sul posto, riuscivano a disarmare la 24enne che veniva bloccata e tratta in arresto. I militari provvedevano, quindi, a prestare soccorso alla vittima, raggiunta al braccio da alcuni fendenti della giovane serba, che, fortunatamente, non causavano gravi ferite. La refurtiva è stata restituita alla proprietaria e l’arrestata è stata associata alla casa circondariale di Foggia.

CERIGNOLA: 20ENNE ARRESTATO PER TENTATO FURTO

I Carabinieri hanno tratto in arresto in flagranza di reato SALVAGNO Mirko, 20 anni, per il reato di tentato furto. Il giovane ladro veniva sorpreso da una pattuglia dei Carabinieri mentre cercava di forzare, con un piede di porco, la saracinesca di un garage, per rubare una Nissan Micra, custodita all’interno. Alla vista dei militari, il giovane abbandonava piede di porco e spadino sul posto e tentava la fuga, ma veniva bloccato dopo un breve inseguimento a piedi per i vicoli circostanti. Il 20enne è lo stesso che nel maggio scorso fu arrestato, sempre dai Carabinieri, dopo aver tentato la “spaccata” ad un negozio di ottica in pieno centro a Cerignola. All’epoca fu sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria. A seguito di quest’ultimo arresto è stato sottoposto ai domiciliari.

Questo slideshow richiede JavaScript.

ASCOLI SATRIANO: ESEGUITA ORDINANZA DI CUSTODIA CAUTELARE PER ATTI PERSECUTORI

I Carabinieri hanno dato esecuzione ad ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP del Tribunale di Foggia su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di HARVINEANU Bogdan Iulian, rumeno, 38 anni, ritenuto responsabile del reato di atti persecutori nei confronti della ex convivente, una donna di 22 anni. Il soggetto era già stato destinatario del divieto di avvicinarsi alla vittima o ai luoghi da essa frequentati. L’uomo, a seguito dell’interruzione della relazione sentimentale con la vittima, non si è mai dato pace e dopo continui appostamenti sotto casa della stessa e persistenti telefonate notturne, pubblicava per ritorsione sulla rete fotografie intime scattate con la sua ex convivente. L’odierno provvedimento restrittivo è l’esito dell’attività d’indagine dei Carabinieri che censivano le reiterate violazioni della pregressa misura cautelare a carico del rumeno e le persistenti condotte persecutorie dello stesso. L’arrestato è stato sottoposto ai domiciliari.

CONDIVIDI
  • osservatore

    …ma nkulakitestramuurt..ma sempre in giro sta sto bartardo? ancora non lo ammazzano?

    • cilla

      le carceri sono piene e a noi rompono i coglioni