Una polemica scoppiata appena dopo la diffusione di un comunicato del presidio cittadino di Libera, circa l’adesione dell’attuale Sindaco Metta alla campagna anticorruzione “Riparte il Futuro”, e che non accenna a placarsi neanche oggi, con la nota di precisazione dell’associazione che sottolinea come il presidio cittadino «pur non essendovi tenuto, in data 13/05/2015 inviava ulteriore mail a tutti i candidati sindaco che ancora non avevano completato la procedura di adesione, postando nel corpo della stessa il link utile al fine di portare a termine l’operazione». Puntualizzazione che ha scatenato la replica dura di Franco Metta, il quale attraverso un post facebook, rivolgendosi a Don Pasquale Cotugno, referente cittadino di Libera, evidenzia che il prelato «ha puntualmente ricevuto la mia adesione. E mi ha anche risposto, invitandomi a formalizzare la adesione già espressa sul sito di Libera. Cosa che non mi riuscì di fare per me mie difficoltà ad orizzontarmi tra i meccanismi dei siti». 

Oggi a dire l’ultima parola è il referente scientifico nazionale della campagna di sensibilizzazione, Leonardo Ferrante, il quale contattato da lanotiziaweb.it, racconta il senso di questa campagna e, nello specifico, il caso Cerignola. «Riparte il Futuro è una campagna promossa da Libera e che abbiamo inoltrato, in modo egualitario, a tutti i candidati delle scorse amministrative 2015 con l’intento di creare delle elezioni trasparenti – spiega il responsabile del progetto -. Ci sono chiaramente alcuni punti fondamentali, dettati dalla Delibera Trasparenza a Costo Zero che si può trovare sul nostro portale, e che riguardano in particolare il curriculum vitae, la situazione patrimoniale e reddituale, eventuali conflitti d’interesse e lo stato giuridico, ovvero il non aver riportato condanne di alcun tipo, anche solo nel primo grado di giudizio».

«Nel vostro caso specifico, su Cerignola – precisa Ferrante –, posso confermare che non ci risulta pervenuta l’iscrizione da parte di Franco Metta, né una mail di comunicazione né contatti di alcun tipo; la mancanza di questi elementi conferma, di fatto, la non adesione del Sindaco, quando era ancora candidato, alla campagna da noi promossa. Riguardo poi alla polemica col presidio cittadino di Libera vorrei chiarire che noi non siamo Stato ma società civile e, in quanto tale, vigiliamo; abbiamo il diritto-dovere di farlo così come sancito dalla legge 190 del 2012 contro la corruzione. Ad oggi, quindi, non è più possibile aderire alla campagna, poiché riferita esclusivamente al periodo elettorale; ma una soluzione c’è e sta nella possibilità, per l’oggi amministratore Metta, di poter acquisire nella sua governance la Delibera Trasparenza a Costo Zero, con tutti i dettagli in essa contenuti. Questo permetterà una gestione trasparente della cosa pubblica poiché dovrà rispettare, di fronte ai cittadini, delle linee dettate dal documento. E Libera, col proprio presidio cittadino, sarà lì incaricata di vigilare che l’amministrazione proceda in questo senso. Se il Sindaco vorrà, saremo noi i primi a dare seguito e a pubblicizzare l’adozione della Delibera».

«E’ bene che la politica accolga gli strumenti di monitoraggio civico – conclude il rappresentante nazionale -, perché la legge riconosce alla società civile il diritto/dovere di monitorare e cooperare al buon funzionamento della macchina pubblica. Pertanto, sarebbe adeguato avere non intenti generici o cedere ad offese, quanto mettere in atto politiche anticorruzione evidenti e verificabili a livello diffuso, come da prassi democratiche. Per completezza d’informazione dei candidati cerignolani, aderì Tommaso Sgarro, mentre Francesco Paolo  Vitullo ci mandò solo informazioni incomplete, e non ha mai concluso l’adesione quindi il suo nome non è stato pubblicato».

  • angii

    vogliamo le dimissioni di Don Pasquale solo cosi Libera sarà di tutti…finora si è distinta come un piccolo circolo di amici e compagni

    • FumoNegliOcchi

      Curioso che si chieda a Don Pasquale di dimettersi. Io sono genitore, che faccio mi dimetto ogni qualvolta i miei figli sono in dissenso con le regole che intendo irrinunciabili come lo studio, l’educazione ed il rispetto? Poi, chi conosce Dompa sa esattamente quanto buone siano le idee che aiuta far circolare. Certo potrebbe limitarsi al catechismo pizzoco ma è un prete a cui la laicità dell’onestà sta veramente a cuore. Libera non è di Don Pasquale ma è di quanti come Don Pasquale ogni giorno si adoperano per valori imprendiscibili da una società civile.

  • stato giuridico

    inviate lo stato giuridico

  • SventraPapere

    Ma davvero? Ancora co ste boiate? Don Pasquale è un falso, Don Pasquale pensa ai ca**i propri, aprite gli occhi, guardatevi attorno, voi e Donpa, nella vostra cerchia manco fosse una setta..

  • Totò

    E te pareva che sulla notizia web l’unico ad essere ligio al dovere è stato Tommaso Sgarro. Ma mi faccia il piacere ……… Ridicoli

    • Precisiamo che quello a cui lei fa riferimento non lo dice lanotiziaweb ma Leonardo Ferrante, responsabile scientifico nazionale del progetto.
      Redazione

  • Abbiamo provveduto alla rimozione di alcuni commenti offensivi; chiediamo cortesemente agli utenti di adottare un linguaggio consono, senza trascendere in offese, altrimenti ci vedremo costretti a chiudere, ancora una volta, la discussione.
    Grazie per la collaborazione.
    Redazione

  • fufilla

    Non penso che possa essere un braccialetto a determinare l onestà di un individuo. Non posso neanche biasimare chi vi accusa di toni faziosi, dato che tale polemica si regge su una sciocchezza. Anche io avrei preferito Tommaso al comune, ma ora “sfottere” Metta per queste mancanze, non proprio prioritarie, è come adottare lo stile giornalistico di Emilio Fede… ho detto tutto.
    Siete migliori
    Siamo migliori
    Lo dimostremo
    Ciao