Per oltre cinque anni il gruppo civico guidato dall’oggi Sindaco Franco Metta ha posto l’accento su alcuni temi fondamentali e propedeutici alla rinascita della città, tra cui particolare attenzione al tema sicurezza e ambiente; anche nel primo Consiglio comunale, inoltre, lo stesso cicognino ha evidenziato tra le linee programmatiche queste due priorità per Cerignola. I buoni propositi, però, non sembrano, al netto del breve periodo di governo, essere sufficienti per la buona riuscita: ad oggi, infatti, pare siano proprio questi i temi che stanno minando la solidità e le certezze della governance mettiana a Palazzo di Città.

Sicurezza – Nell’agenda del Sindaco della città di Cerignola, tra le priorità, non può mancare il tema sicurezza; a quasi sessanta giorni dall’insediamento, infatti, anche la neonata amministrazione ha messo al centro del programma la questione, e con la delega mantenuta dal Sindaco, il tema diventa responsabilità diretta del Primo cittadino. Nelle ultime settimane, in paese, furti e rapine sono aumentati in modo considerevole rispetto allo stesso periodo del 2014 e al momento sembra non essere bastato l’intervento in prima persona di Metta, quando incontrando il Prefetto a Foggia ha esposto le criticità di Cerignola. Le Forze dell’Ordine in città sono, dal punto di vista delle risorse umane, sotto organico e oggettivamente insufficienti a ricoprire un territorio tanto vasto come quello cerignolano; inoltre, scarseggiano anche i mezzi a disposizione degli Agenti. Il passaggio a Commissariato di Primo Livello, ad esempio, potrebbe essere un primo passo utile alla città. In più, la politica della protesta, che tanti benefici ha portato proprio al movimento civico di stampo mettiano, oggi sembra non bastare almeno per due ragioni: in primis perché i dati, numeri alla mano, stanno dando momentaneamente torto alla strategia dell’attuale amministrazione; e, cosa ancor più importante, il passaggio da esser forza politica ad amministrazione di una città comporta il naturale, quanto complicato, cambiamento della denuncia in soluzione. 

Ambiente – Capitolo ancor più complesso, per diversi motivi non tutti ascrivibili a chi governa da meno di due mesi, è quello dell’ambiente, inteso soprattutto come pulizia della città. Pur accolta positivamente la manovra operata nella prima settimana di mandato, che ha contribuito a ridare un’immagine migliore della città, oggi i cerignolani guardano strade sporche e cassonetti ricolmi di immondizia con colonie di ratti a fare incetta di cibo. Le parole del Primo cittadino, preoccupato per il futuro di Sia, alimentano il vento di apparente dissenso, sempre più crescente anche in alcuni sostenitori dell’attuale amministrazione. Quelle che in campagna elettorale apparivano soluzioni pronte e finite per ripulire la città oggi sembrano svanite nel nulla; il leitmotiv della dialettica elettorale, la questione rifiuti, trattata magistralmente, in parole, da Metta & co., alla luce di quanto si sta verificando oggi sembra essersi trasformata nell’arma a doppio taglio per il Primo cittadino. Le soluzioni, infatti, fino a questo momento non hanno avuto oggettivo riscontro e la preoccupazione mostrata alla città, più volte rimarcata dal Sindaco, non lascia tranquilli i cittadini; potrebbe essere la questione ambiente, quindi, cavallo di battaglia dell’intera marcia verso la vittoria, a far scricchiolare per la prima volta il governo di Metta.

  • Citizen

    Rs