Erano da poco passate le 6,00 del mattino quando due individui si sono introdotti all’interno del plesso ExOpera dal retro. L’accesso al giardino retrostante l’ex-Chiostro, facilitato da un buco (più volte segnalato, ndr) presente all’interno delle ex-scuderie oggi in abbandono, ha condotto i due fino alla parta della cucina. Lì, frantumato il vetro, è stato possibile accedere ai locali e procedere con il furto.

Dopo aver staccato le telecamere e prelevato alcuni attrezzi e provviste, i due sono stati bloccati dal solerte intervento della vigilanza Argo all’interno del giardino. Uno solo è stato arrestato, un cittadino dell’est europa. L’altro pare sia poi scappato.

Un ennesimo atto vandalico e criminale che non interrompe la scia delinquenziale che attraversa ad ogni livello la città ofantina. Dopo furti a boutique, vetri rotti e danni ai commercianti viene preso di mira anche il polo culturale di Piano San Rocco.