La prima edizione del Cerignola Rockfestival, evento svoltosi ieri sera presso il piazzale dell’Itis “Righi”, patrocinato dal Comune ofantino, ha richiamato l’attenzione non solo della città ma anche dei paesi limitrofi; davanti al pubblico, abbastanza numeroso, infatti, si sono esibite quattro band rock locali: The Butterfly Effekt, Redja, Off Topic, Viperium ed in ultimo The Strigas. Francesco Carrano, insieme al suo Staff che ha dato vita a questo evento, racconta a lanotiziaweb.it la propria soddisfazione: “Si è trattato di un evento musicale molto bello, in cui si è vista viva la forza di questo genere con le band che hanno partecipato; vogliamo rendere positiva la nostra città anche sotto l’aspetto musicale per farla crescere sempre di più e non essere etichettata solo per fattori negativi. Lo spirito giusto ci sarà anche per la seconda edizione”.

Parole che aprono scenari positivi, nelle intenzioni, delineando un’idea di una città che vuole risollevarsi culturalmente. Non sono mancate note stonate, come spesso accade in questi eventi, non tanto per gli inconvenienti tecnici figli delle tante band che dovevano esibirsi, ma anche per una parte di malcontento caratterizzato dai residenti del quartiere fornaci, zona adiacente alla location dell’evento. Infatti, in tarda serata, molti cittadini hanno espresso il proprio disappunto, attraverso facebook, per i volumi elevati del live e perché, dopo la mezzanotte, la manifestazione era ancora in pieno svolgimento, nonostante il giorno successivo (oggi per chi legge, ndr.) fosse lavorativo. Nonostante tutto, però, sia da parte degli organizzatori che dei cittadini accorsi all’evento, traspare una certa soddisfazione per la buona riuscita della kermesse musicale.

  • Al

    “Non sono mancate note stonate” ????
    Prima di poter giudicare si dovrebbero vivere certe situazioni. Se questo evento significa migliorare la città, forse non si è capito nulla. Non ho nulla contro la musica, ma certi eventi vanno organizzati nel rispetto di tutti. Nel rione fornaci è concentrato tutto: scuole, mercato, giostre, ecc… senza mai fornire veri e propri servizi per migliorare la qualità del quartiere. La musica ad alto volume è iniziata con le prove, alle 16.00 circa, per terminare all’ 1.15. Ci vuole molto a comprendere che ci sono famiglie, anziani e bambini che forse vorrebbero vivere serenamente nelle loro case? E poi….Rock ????? Quello era rock??? Urla stonate!!!! Fra un po’ arriveranno le giostre e non si dormirà fino alle tre di notte per almeno tre o quattro giorni. Gli organizzatori hanno pensato che forse ci sono delle persone malate che hanno bisogno di riposare???? E non è stato lo stesso sindaco Metta a voler regolamentare la musica nei vari locali notturni? Ed ora permette questo? Ma spostate tutto nella zona industriale, dove non si dà fastidio a nessuno. Spero che questi eventi non proseguano più. Non è questo il modo!

    • V

      Ma statte zitto!

    • ciccio

      “per il far di tutta l’erba un fascio, il personcino finì col romper ca**o”. la gente ha sempre una scusa per lamentarsi… non solo era tutto autorizzato e nella norma (ho notato anche le forze dell’ordine fare l’opportuno servizio d’ordine), ma i volumi sono stati anche bassi… ti aspetto al brucomela tra 2 settimane ahahahah ma per favore…

    • Al

      Complimenti per le risposte. Avete mai provato ad assistere una persona malata che cerca di riposare poche ore perchè il dolore non glielo permette? Il volume era altassimo, sembrava di avere la musica sul balcone. Qui si chiede di organizzare certi eventi in luoghi diversi e non di non organizzarli. Proviamo a mettere una cicca sul citofono di casa tua per tutta la notte e guai a chi si lamenta. Si sta parlando di rispetto. Ma qui a Cerignola è un termine che non si conosce.

      • ciccio

        ringrazia di abitare in una zona tranquilla sempre (tranne per un paio di settimane all’anno) poi ne riparliamo… a ciascuno il suo

        • Al

          Evidentemente non hai compreso il problema….va beh….pazienza!

  • Giuseppe delle fornaci

    E’ vergognoso che tutto debba essere organizzato nel nostro quartiere. Bastaaaaaaaaa non ce la facciamo più. Il mercato, le scorribande notturne, se vince la partita la squadra del cuore dove si fa casino?????? alle fornaci. Dove si butta l’amianto ????? alle fornci. Mortacci vostri. Siamo stanchi

  • master

    il rock non piace a tutti ma non polemizziamo ogni volta

    • Al

      Non si tratta della tipologia di musica, anche se una buona parte non era rock, ma heavy metal di quello più squallido, ma questi sono gusti. Si tratta di rispetto. La musica ad altissimo volume è iniziata alle 16.00 con le prove, per terminare all’ 1.15. Immaginate chi lavora, chi fa turni a lavoro ed ha necessità di riposare oppure chi è malato e normalmente ha difficoltà a riposare per il dolore (bisogna passarci per capirlo, perchè assistere un genitore con tumore non lo auguro a nessuno), non è possibile organizzare certi eventi in questo modo. E siamo d’estate e le finestre non possono essere chiuse perchè i climatizzatori non possono restare accesi tante ore. La musica piace a tutti, ma le cose vanno fatte diversamente. Perchè il sindaco non organizza nella zona industriale o altrove non so, un bel capannone dove ospitare questi eventi? In modo tale che chi vuole può gustarsi la musica che preferisce e gli altri restano a casa sereni senza essere disturbati. Questo è il vero rispetto e la vera capacità di far crescere un paese. E poi lo stesso Metta ha detto che la musica nei locali va regolamentata. Ma come???? E poi…il sindaco ha avuto il coraggio di fare nome e cognome di una cittadina che si è lamentata della musica di ieri 27 agosto, mi riferisco al jazz. L’ha ridicolizzata in pubblico su facebook. Questa è una vera delusione nei confronti del sindaco, perchè non ha ridicolizzato solo una singola cittadina, ma tutti coloro che hanno subito questa mancanza di rispetto. Vergogna!

  • john

    Premetto che non abito nel rione fornaci, ma posso immaginare cosa significa vivere li’ nel periodo festa patronale…….anche se succede con cadenza annuale. Organizzare pure una serata rock e’ troppo…….ieri mattina ho fatto una corsetta, parcheggio come al solito l’auto davanti lo scientifico dopo aver fatto lo slalom alle centinaia di bottiglie di birra (rotte e sane) buttate li’ nel parcheggio……Uno schifo!!!! Manco le bestie!!!!