Sente dei rumori sospetti nel suo podere e, preso il fucile, esce dalla sua abitazione, fa fuoco e uccide il presunto ladro, Antonio Di Ciomma, di 67 anni. E’ accaduto la notte scorsa verso l’una, in una campagna sulla strada provinciale 125 tra Troia e Faeto, dove Michele Marchese, di 52 anni, ha detto ai carabinieri di aver sparato a scopo intimidatorio contro una persona che si era introdotta nella sua campagna, uccidendola. La vittima è stata colpita alla schiena da un colpo di fucile che il proprietario del fondo deteneva regolarmente. E’ stato lui stesso a denunciare l’accaduto ai carabinieri del Comando provinciale di Foggia che dovranno far luce sull’episodio.

I carabinieri stanno cercando di ricostruire quanto avvenuto la notte scorsa. Marchese, dopo aver sentito dei rumori sospetti nel suo fondo, ha imbracciato il fucile facendo fuoco, a scopo intimidatorio, contro il presunto ladro, uccidendo Di Ciomma. Il podere si trova in località ‘Case Rotte’ in agro di Troia, sulla strada provinciale 125, tra Troia e Faeto. Sarebbe stato lo stesso agricoltore ad accompagnare la vittima al pronto soccorso degli Ospedali Riuniti di Foggia, dove però è giunto già cadavere. (ANSA)

CONDIVIDI
  • Miki

    Presunto??con passamontagna e guanti mah!!