Davanti ad un nutrito pubblico, in una Piazza Matteotti vestita di gialloblu, si è tenuta ieri sera la presentazione alla città dell’Audace Cerignola, ad una settimana esatta dall’avvio del campionato di Promozione, fissato per domenica 13 settembre. La serata, condotta da Veronica Pellegrino, ha visto passare in rassegna l’intero staff gialloblu, dalle giovanili fino alla prima squadra: si è partiti proprio dalle giovanili, con la presenza sul palco della formazione Juniores e di tutti i tecnici delle varie categorie, più il responsabile del vivaio, Lorenzo Mancàno. «Ho passato dieci anni a Cerignola da calciatore, cercando di divertirmi: ora sono tornato con nuove vesti ed è sempre un piacere tornare qui, per me è come una seconda casa -dice Michelangelo Palladino, fra i responsabili della scuola calcio-. Le nostre intenzioni sono quelle di far crescere i bambini locali con la nostra collaborazione». Un progetto sulle nuove leve ambizioso e certamente intraprendente, che potrà contare su una unica struttura (il “Michele Cianci”) nella quale ruoterà tutto il settore giovanile ofantino. E’ la volta poi della dirigenza, con in primis il presidente Nicola Grieco, il vice Luca Amoruso ed il ds Piero Castellano, più il resto dell’entourage. «Abbiamo deciso di rinfoltire la società, puntando decisamente sui giovani e su uno staff tecnico competente e preparato. Sto cercando di continuare sulla strada della “cerignolanità” per quanto riguarda la prima squadra, un gruppo che lo scorso anno ci ha dato grandissime soddisfazioni -commenta Grieco-. Nonostante campi non all’altezza, l’Audace ha vinto quasi tutte le partite ed anzi, quest’anno ci divertiremo maggiormente, perché i ragazzi potranno esprimere al meglio ciò di cui sono capaci. L’obiettivo resta sempre lo stesso: arrivare in Lega Pro».

Dopo il ringraziamento del patron agli sponsor ed agli imprenditori che lo accompagnano nella sua avventura, è il momento della prima squadra: snocciolati tutti i 25 nomi della rosa, scanditi dai cori di approvazione degli ultras. Il mister Massimo Gallo è chiaro: «Dobbiamo ripetere la marcia trionfale della passata stagione ed avere in mente una sola parola: vincere! Dimostrando in campo di essere i più forti e tenendo fede alle nostre ambizioni». Poco dopo un simpatico siparietto proprio col presidente, che “avverte” il suo allenatore: «Mister, anche in questo torneo non dobbiamo perdere nemmeno una partita, altrimenti sono guai!». Consegnata una maglia ufficiale da gara al capo ultras Potito Diglio, a dimostrazione dell’attaccamento dei supporters ai colori gialloblu, interviene il sindaco di Cerignola, Franco Metta, il quale a sua volta riceve una casacca da gioco personalizzata.

«Il mio grande amore per la squadra della città parte da lontano –afferma il primo cittadino-: da quando mio padre mi accompagnava mano nella mano al “Monterisi”; dal ricordo dell’olio canforato utilizzato per i massaggi; dal rumore dei tacchetti nel tunnel che conduceva al prato verde; la carezza che mi regalava prima di ogni partita il più grande centravanti che abbia mai visto giocare, Angelo Bellapianta». Collaborazione e sinergia fra Amministrazione e società, che riguarda proprio lo stadio comunale: «Non andremo in serie C per tornarci, ma per rimanerci -sostiene Metta-. Lavoreremo col presidente, i rispettivi staff ed i consulenti per preparare un progetto (convenzione decennale sull’uso, ndr) a lunghissima scadenza, affinché il “Monterisi” si renda consono alle categorie che l’Audace scalerà e che sia la casa del calcio cittadino». Poi, un invito ai ragazzi della rosa, quello di amare ed onorare i colori che porteranno addosso.

Chiusura affidata al capitano Gigi Dipasquale ed al vice Gigi Lasalandra: «Ringrazio innanzitutto i tifosi e le famiglie Grieco ed Amoruso per aver permesso tutto questo. Sappiamo che dovremo replicare la passata annata e con tutti i miei compagni daremo il massimo per l’obiettivo, seppure possa essere leggermente più dura». Le parole del bomber ex Brescia e Perugia chiudono una serata di sogni e grandi intenzioni, da tramutare in gol e punti tra una settimana sui terreni di Promozione.

CONDIVIDI