E’ iniziata, in senso complessivo, quella che forse sarà ricordata come la settimana più difficile dell’amministrazione guidata da Franco Metta. Il tutto è cominciato con la delibera di nomina del Capo di Gabinetto, che ha suscitato non pochi malumori tra le fila della stessa maggioranza e che si è tramutata, poi, in un più diffuso malcontento generale dei cittadini, anche supporter del cicognino; la polemica dell’albero estirpato per far posto al palo della cuccagna, altro tema scomodo per chi ha, almeno a parole, sbandierato una certa sensibilità sulla questione ambientale e di riqualificazione dei quartieri; ancora la notizia, abbastanza imbarazzante, della querela dell’ex fedelissima Lucia Lenoci proprio all’indirizzo del Primo cittadino sul caso del bimbo non iscritto presso l’Istituto Comprensivo “Di Vittorio – Padre Pio”.

La nomina, ormai quasi certa, di Maria Dettori quale Dirigente per il settore Cultura, Teatro, Pubblica Istruzione, Servizi Sociali, Sport e Tempo Libero, che ha fatto infuriare gli altri partecipanti al bando e che ha evidenziato non poche ombre sulla valutazione dei curricula pervenuti, anche alla luce delle parole di Metta all’indomani della sua elezione, quando precisò a un network locale la questione dirigenti: «Noi ce li abbiamo, saranno di nomina sindacale, ma nomi non ne posso fare perché, ripeto, li ho contattati ma devo aspettare conferme. Per i servizi sociali, per esempio – l’ho detto pubblicamente – a Maria Dettori, ex dirigente del nostro Comune a questo settore, che ha lasciato un ricordo splendido tra assistiti, cooperative e associazioni, ho chiesto una disponibilità generica che si può dare a un candidato sindaco». La questione, poi, è ritornata prepotente sul social dove proprio Metta a più riprese ha precisato come il nome fosse già deciso – «Il nome del prossimo e ultimo dirigente l’ho già anticipato cento volte in campagna elettorale, come tutte le persone di buonafede ricordano perfettamente. I fatti, a breve, mi daranno ragione» -, e che quindi qualsiasi polemica sarebbe risultata inutile visto che a breve sarebbe stato ufficializzato il nuovo dirigente (il tutto prima della selezione che si è completata lunedì 21 settembre, ndr).

Come se non bastasse, dopo la controversa questione del finanziamento prima perso e poi, pare, recuperato sulla riqualificazione dei beni immobili comunali, giungono a sorpresa le dimissioni del Capogruppo del Gruppo Consiliare del Cambiamento, Rino Pezzano, che precisa senza mezzi termini: «Sono una persona seria. Ho condiviso un progetto politico che dovrebbe cambiare questa città. Ci credo ancora e mi batterò per questo ma sono venute meno le condizioni affinché io guidi il gruppo consiliare del Cambiamento».

Un momento assai complesso che Metta ha provato a sdrammatizzare non pronunciandosi su alcuni temi, come quello delle dimissioni di Pezzano, o lanciando numerosi post facebook (solo stamane più di dodici post in un’ora, ndr) per spostare il focus d’attenzione dagli argomenti, ironizzando sugli accaduti ed esaltando quanto si sta facendo nelle varie feste di quartiere.

In verità, ed è facilmente ravvisabile già dai commenti sul social di molti cittadini proprio sulla pagina del Sindaco, il malcontento sembra crescere in maniera esponenziale e i malumori di alcuni componenti di maggioranza (pare infatti che Pezzano non sia l’unica voce critica sull’operato fino ad ora messo in campo, ndr) sono il termometro di quanto sta accadendo e del quadro futuro che potrà delinearsi di qui a qualche settimana.

  • pietro

    c’è malcontento diffuso in città. altre dimissioni nell’aria?

  • welcome

    ma chi se ne frega delle feste di quartiere… qua si fanno 3 rapine in un ‘ora… si esce di casa per fare la spesa e piccoli delinquenti ti colpiscono con sassi l’auto o la testa mentre cammini…
    l’unica cosa che è aumentata sul fronte sicurezza sono le multe… con gli ausiliari diventati terminator intolleranti..

    • Stefano Lavoretti

      Altrimenti come li paga il capo gabinetto e il comandante?
      Ha preferito pagare 2 amici invece che pagare i debiti con la SIA

  • carlo

    è veramente assurdo tutto questo un sindaco che pensa alle fesserie e la città sempre più nella fossa. vergogna!

  • VERGOGNA

    AL SINDACO LO AVETE VOLUTO E ORA VE LO TENETE
    CHE VERGOGNAAAAAAAAAAAA

  • Di Francesco Savino

    …………………..qui si parla di una settimana nera, forse saranno anche un po’ di più!!!!!! Vi ricordate che con Giannatempo o Valentino erano anni ed anni neri, bui, tetri………!!!!!! Vediamo un po’ come evolve la faccenda…………….restiamo ottimisti!!!!!!

  • x i gufi cerignolani!

    Vi siete dimenticati già del buio e del galleggiare degli ultimi lustri? i miracoli li fanno solo i Santi ed il Signore! il risultato si vede alla fine,le rapine,l’inciviltà dei compaesani ecc.. non le può certamente debellare il Sindaco….Guarda caso chi non viene accontentato con una poltrona prestigiosa..rimane deluso…Tutti uguali…Meno male che il Signor Metta sa dire di NO! anche a chi gli è stato vicino!

    • Stefano Lavoretti

      Pure metta ha fatto miracoli, ha svuotato le casse del comune ancora prima di riempirle.