Primo esame dalla moderata difficoltà per l’Audace Cerignola, che domani al “Monterisi” affronta il Real Noci, nella terza giornata di Promozione. A punteggio pieno dopo due turni, i ragazzi guidati dal tecnico Massimo Gallo cercano già di imprimere il loro ritmo al torneo. Giovedì poi è arrivato anche il successo in coppa Italia con il Canosa nell’andata dei sedicesimi di finale di coppa Italia: il bilancio è di sei gol fatti e nessuno subito al momento, segno che i gialloblu sono partiti anche in questa stagione col piede giusto. Gli ofantini, che possono vantare una difesa difficilmente perforabile, creano tantissimo gioco, eppure in questi primi appuntamenti stanno concretizzando poco, in rapporto alla manovra espressa. Se si eccettua la larga affermazione di domenica scorsa a Bari, l’attuale mancanza di cinismo sottoporta lascia col fiato sospeso i tifosi, perché non si chiudono le partite con ampio anticipo. Difetti comunque marginali per un organico che offre assolute ed ampie garanzie e che certamente, quando troverà con più regolarità la via della rete, terrà fede al ruolo di candidata numero uno alla vittoria finale. Dopo la robusta turnazione effettuata in coppa, torneranno tutti i titolari lasciati riposare due giorni fa: la migliore formazione possibile (a parte Giuseppe Grieco, in recupero da un infortunio muscolare) per centrare il tris in campionato.

Il Real Noci -avendo completato in estate il cambio di denominazione dovuto alla acquisizione del titolo della Virtus Putignano, col quale giocava la passata stagione- cerca una posizione playoff anche in questa edizione della Promozione, traguardo raggiunto in teoria col quarto posto a maggio, poi vanificato dalla distanza di punti con le altre concorrenti. Una vittoria ed una sconfitta il bilancio dei baresi finora: esordio positivo ad Ordona, ko interno con la Rutiglianese, in un match che ha lasciato in eredità le squalifiche di Palasciano e Vito Mangini. Una rosa piuttosto competitiva quella biancoverde, che si basa su elementi di esperienza quali il portiere Netti, il difensore Faccitondo e l’attaccante Salvati, in aggiunta alle conferme dei principali protagonisti del precedente torneo, in primis quella dell’allenatore Dalena. Diversi i precedenti fra Cerignola e Noci, per una sfida che manca da sette anni (allora in Eccellenza, annata 2007/2008) e che ha rivestito nel tempo anche una certa importanza. Calcio d’inizio alle ore 15.30, con direzione di gara affidata al sig.Carrer, della sezione di Barletta.

CONDIVIDI