«Maria Dettori dirigente! Non dovevo favorire il mio amico Marcello Colopi? […] Semplicemente la migliore professionista a disposizione. Il merito unico criterio». Questo l’annuncio social del Sindaco Franco Metta, che aggiunge: «firmerò il decreto di nomina a dirigente della dott.ssa Maria Dettori per i settori Cultura, Pubblica Istruzione, Servuzi Sociali, Sport e politiche giovanili. Un altro obbiettivo annunciato e raggiunto».

Maria Dettori, stimata professionista, già dirigente all’epoca di Tatarella Sindaco, ha vinto il bando emanato in estate dall’ente comunale, ma il Sindaco Metta l’aveva già annunciata. Nel comizio di ringraziamento del 18.06.2015 in Piazza Duomo Metta afferma inequivocabilmente «il nuovo dirigente dei servizi sociali di Cerignola sarà la dottoressa Maria Dettori». Un bando, il cui esito quindi era già scritto, già da giugno scorso, e sul quale l’opposizione ma anche i partecipanti al concorso hanno manifestato più volte le proprie perplessità.

QUANDO FU NOMINATA MONICA ABENANTE – Correva l’anno 2012, Giannatempo Sindaco, Metta seduto tra i banchi dell’opposizione. Direttore dell’ATO fu nominata la dottoressa Monica Abenante, nome che già era circolato nei mesi precedenti come certa vincitrice dell’avviso. All’epoca il caso divise i Giannatempiani, convinti della bontà della procedura, dalle opposizioni, convinte dell’inutilità di un bando pilotato, ennesima presa in giro per i cittadini.

Tra i partecipanti al bando numerosi sono stati gli scontenti della procedura e non per l’esito finale in se, che in ogni caso premia una persona titolata e qualificata, ma per il modus operandi del Primo cittadino e dei silenti supporters che hanno lasciato operare secondo una procedura che per cinque anni di opposizione, dal 2010 al 2015, è stata aspramente criticata e denunciata, e oggi diviene naturale evoluzione di un – apparentemente sbandierato – civismo.