Impegnativo quinto turno di Promozione per l’Audace Cerignola, che attende la Fortis Altamura, attuale terza forza del campionato, in compagnia della Madre Pietra Apricena. Acquisita la qualificazione agli ottavi di coppa Italia con il tennistico 0-6 rifilato al Canosa, gli ofantini mettono nel mirino la quinta vittoria, dovendo fare i conti con un avversario ostico. La partita di giovedì ha confermato lo stato di salute che attraversa la formazione di Massimo Gallo, il quale sta saggiamente dosando le energie, ricorrendo ad un turnover scientifico nella competizione infrasettimanale: le risposte ottenute sono ampiamente soddisfacenti e si è dimostrato che le alternative a disposizione offrono piene garanzie. Non solo per ciò che riguarda gli uomini, ma anche a proposito di schemi e soluzioni tattiche: il 4-4-2 con cui la squadra si è esibita a Canosa si è rivelato equilibrato e ricco di spunti per l’allenatore, che potrà ricorrere a tale modulo qualora le situazioni lo richiedano. Duttilità ed intercambiabilità con un unico comune denominatore, imporre il proprio gioco e liberare il notevole potenziale offensivo che, di certo, non manca ai cerignolani. Pochi potrebbero essere i dubbi per l’undici titolare, con la probabile staffetta Monopoli-Russo fra gli under e l’incognita del terzo attaccante, ferma restando l’intenzione di proporre il classico 3-4-3 domani. Morra e Lasalandra sembrano abbastanza sicuri di una maglia, mentre il riposo per Flavio Amoruso pare un segnale sulla volontà di mantenere l’odierno capocannoniere gialloblu dal primo minuto. Tuttavia, non è da sottovalutare il fattore “Monterisi”: è pacifico che il manto erboso non sia esattamente ai massimi livelli, e le previsioni meteo sfavorevoli potrebbero alzare l’asticella delle difficoltà del match. Intanto, in settimana l’Audace ha salutato Paolo Fiore: il preparatore atletico, fedelissimo di Pasquale Padalino, ha seguito nella sua nuova avventura a Matera il mister foggiano. Con un ‘gentlemen agreement’, Fiore aveva ad inizio stagione posto la questione di una possibile chiamata a stagione in corso, puntualmente arrivata, e quindi la società ha ringraziato il trainer per il lavoro fin qui svolto, augurandogli le migliori fortune professionali.

La Fortis Altamura è senz’altro fra le sorprese di queste prime giornate: otto punti ed un bilancio di due vittorie ed altrettanti pareggi, sei gol fatti e tre subiti. Alla terza stagione consecutiva in Promozione, la compagine murgiana proviene dal sesto posto dello scorso anno ed in trasferta, finora, ha bloccato sul pareggio Reali Siti e Sporting Ordona, non proprio due team materasso. La truppa guidata da Piero Moramarco (squalificato domani, così come il difensore Tancredi) è reduce dal successo ottenuto domenica in rimonta sulla Rutiglianese, che ha dato ulteriore morale e convinzione, con l’auspicio di portare via dal Tavoliere un risultato positivo. Un organico dall’età media poco sopra i 22 anni ed un parco under interessante e di prospettiva: l’esterno Cappiello miglior marcatore (due reti) ed occhio al duo di punte Difonzo (in dubbio)-Calderoni. Calcio d’inizio alle ore 15.30, la direzione di gara è stata affidata al sig.Leone, della sezione di Barletta.

CONDIVIDI