E’ accaduto lo scorso 8 ottobre, nell’ambito dei mirati servizi antidroga che stanno svolgendo gli uomini del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cerignola, all’interno di un Istituto Superiore; le lezioni erano iniziate da circa tre ore, quando alcuni poliziotti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cerignola, supportati da operatori del nucleo Cinofili di Bari e da agenti del Reparto Prevenzione Crimine di Lecce, sono entrati all’interno dell’istituto, cominciando a girare negli spazi comuni, mentre gli studenti erano intenti, in quel momento, a seguire le lezioni dei loro professori. L’attenzione dei poliziotti è stata richiamata da una finestra aperta, di un laboratorio, che dava in giardino, dalla quale, una volta affacciatisi, hanno notato la presenza di una pochette  da donna che giaceva in terra, incustodita. Incuriositi dalla situazione, gli agenti si recavano nel giardino controllandone  il contenuto, rinvenendo, al suo interno, 50 dosi di hashish già confezionate e pronte per essere spacciate. I ragazzi, opportunamente interpellati, non fornivano alcuna spiegazione in merito, cosa che sicuramente sarebbe risultata più semplice se si fosse trattato di altro materiale, come ben venne ricordato nella pubblicità di una nota marca di profilattici.

La sostanza è stata sottoposta a sequestro probatorio, opportunamente repertata, ed è al vaglio della Polizia Scientifica, unitamente alla pochette, al fine di risalire al proprietario, cosa che probabilmente avverrà già nei prossimi giorni.

Continueranno anche nelle prossime settimane i servizi antidroga predisposti dal Commissariato P.S. di Cerignola che interesseranno i vari istituti scolastici, associazioni e gran parte dei luoghi di aggregazione, in modo da porre un freno al dilagante fenomeno dello spaccio e del consumo di sostanze stupefacenti fra ragazzi pressoché adolescenti.

CONDIVIDI