Giovedì 8 ottobre due manager di bioscienze e biorisorse del Consiglio Nazionale delle Ricerche (C.N.R.) di Bari, accompagnati dal prof. Karl Hammer, docente di agrobiodiversità presso l’Universita’ tedesca di Kassel e consulente a livello mondiale di botanica, nonché scopritore del Triticum monococcum (farro piccolo), 35 anni fa, in una zona del Subappenino Dauno, hanno visitato il Polo Museale Civico Città di Cerignola. Gli ospiti hanno rivolto notevole interesse alla sala che ospita il Museo del grano e, in particolare, al settore dedicato alle varietà di grano dell’Istituto Sperimentale per la cerealicoltura di Foggia. Hanno molto apprezzato sia la sala multimediale nella quale è tracciata la storia dell’antico Piano delle fosse granarie, sia la riproduzione della fossa granaria secondo una duplice prospettiva. Il prof. Hammer ha rilevato l’ottima conservazione dell’intero piano delle fosse granarie, patrimonio unico nel Mondo. In tale circostanza, dagli stessi ospiti è stato espresso il desiderio di collaborare per la realizzazione di un Centro di germoplasma. I ricercatori si sono congratulati con quanti hanno profuso e continuano a profondere il loro costante impegno per dare lustro al Polo Museale Civico Citta di Cerignola, ormai affermatosi come centro di molteplici attività artistico – culturali che coinvolgono giovani e cittadini di ogni età.

Tra le prossime iniziative, venerdì 16 ottobre, alle ore 19,00 nella sala convegni “Nucci Ladogana” del Polo Museale ci sarà la presentazione del libro del prof. Savino Defacendis, Presidente dell’Archeoclub di San Ferdinando di Puglia, intitolato: La civiltà del grano nella Daunia: dal Neolitico ai giorni nostri. Lo scrittore è anche uno dei propugnatori del museo della civiltà contadina di San Ferdinando di Puglia con cui la Pro Loco di Cerignola ha stretto un gemellaggio e si appresta congiuntamente a varare altre iniziative.