Parte nel weekend la stagione 2015/2016 del volley, con due nostre formazioni ai nastri di partenza del campionato di B2: entrambe esordiranno domani, con la Cav Libera Virtus in trasferta e l’Iposea Udas al pala “Dileo”. La società gialloblu è alla seconda partecipazione nella quarta serie nazionale e, dopo l’ottimo quarto posto dello scorso anno, la dirigenza ha inteso rafforzare l’organico, con l’obiettivo di migliorare quantomeno il precedente risultato. Scorrendo la rosa messa a disposizione dei coach Michele Drago e Cosimo Dilucia, la sensazione è che sulla carta la Libera Virtus sia fra le squadre più attrezzate del girone H, un raggruppamento che a causa del ritiro di Ihf Volley Frosinone e Centro Ester Napoli avrà soltanto dodici compagini al via. Confermate Tribuzio in difesa, Martilotti (neo capitano) in posto 4 e le centrali Tralli e Piemontese -oltre al secondo libero Valecce-, gli arrivi dell’alzatrice Altomonte e delle attaccanti Carlozzi e Fantinel dimostrano, per l’eccellente caratura delle giocatrici, le ambizioni ofantine. Un gruppo che pare completo anche per gli innesti delle varie Minervini, Nuovo, De Toma ed Albanese, che costituiranno valide alternative alle “titolari”. Si comincia da Scafati (ore 18.30), in casa di una neopromossa che vorrà da subito mostrare il proprio valore: alla prima in un torneo bisogna sempre diffidare dai sestetti all’apparenza meno quotati, ed è per questo che servirà la massima concentrazione. Le campane puntano principalmente sulla laterale Lisandra Valdes e sull’ossatura che ha consentito di vincere i playoff regionali nel maggio scorso: obiettivo per la Givova Scafati centrare una salvezza tranquilla.

E’ invece all’esordio assoluto in B2 l’Iposea Udas, reduce dall’affermazione negli spareggi promozione in C ai danni dell’Asem Bari: la prima (ore 18) sarà al cospetto dell’Happy Network Gioia del Colle. Quasi totalmente rivoluzionata la formazione udassina, a partire dalla guida tecnica, ora passata nelle mani del giovane Leo Castellaneta. La continuità col recente passato è assicurata dalle conferme di Lanzone, Petruzzelli, Mancini e Raffaele; gli acquisti invece di Leone, Civita, Durante, Bisci e Garofalo (solo per citarne alcuni) indicano la buona qualità complessiva dei biancazzurri, i quali si pongono il traguardo di arrivare fra le prime nove del girone G (anche in questo caso una defezione, con 13 squadre) ed approdare nella B unica, a regime dalla prossima stagione in base alla riforma dei campionati maschili. I baresi, al terzo anno consecutivo nella categoria, dispongono di una rosa dalla spiccata linea verde, allo scopo di stazionare stabilmente nelle posizioni sicure della graduatoria, malgrado si possa pagare qualche dazio all’inesperienza. Una sfida di certo interessante e da seguire: l’Iposea si augura che il battesimo nel palcoscenico nazionale sia felice.

CONDIVIDI