Dell’Olimpica spumeggiante ammirata a sprazzi nell’inizio di questo impegnativo torneo, si è visto pochissimo nella partita contro la Libertas Altamura. La squadra ospite è arrivata con la consapevolezza delle quattro vittorie su cinque ottenute in precedenza e soprattutto con la voglia giusta per vendere cara la pelle. L’Olimpica è apparsa lenta, macchinosa e poco reattiva. Ciò nonostante è stata sempre in partita agguantando e superando gli avversari nel terzo quarto che si concludeva 43 pari. Ma è mancata la convinzione per dare la spallata decisiva lasciando ad Altamura, sempre presente e determinata, lo spazio e l’opportunità di portare a casa la partita. La squadra Cerignolana veniva dalla sconfitta di Castellaneta, sconfitta digerita bene per lo splendido gioco che aveva mostrato in gran parte della gara e ci si aspettatava una certa continuità che invece non ci è stata.

Un passaggio a vuoto su cui si deve lavorare per affrontare un torneo che non concede né pause né partite facili per cui bisogna immediatamente compattarsi per andare a Ruvo già Mercoledi prossimo, Ruvo che con gli innesti dei due americani sarà sicuramente un banco di prova difficile ma determinante per capire la forza di reazione di questi ragazzi. Torneo difficile, molto competitivo come ampiamente preventivato, che mentre in alto ha già più o meno definito le gerarchie, per il resto è tutto ancora da delineare, per tanto, come sempre tanto lavoro in palestra con disciplina e determinazione. Appuntamento a Ruvo Mercoledi 28 Ottobre ore 20,30.

CLASSIFICA ALLA SESTA GIORNATA

Diamond Foggia 12; Nuova Pallacanestro Nardò, Libertas Altamura, Sunshine Bk Vieste, Adria Bari 10; Webbin Angel Manfredonia, Cestistica Ostuni 8; JuveTrani, Allianz Udas Cerignola 6; Valentino Castellaneta, Olimpica Bk Cerignola 4; Virtus Ruvo di Puglia, Invicta Brindisi, Action Now! Monopoli 2; Bk Fasano, Francavilla, New Basket Lecce 0.

CONDIVIDI