A Potenza arriva la prima sconfitta stagionale per la Cav Libera Virtus: il Centro Kos, sotto di due set, la spunta al tiebreak (18-25; 19-25; 25-17; 25-16; 16-14 i parziali). Partita da dottor Jekyll e mister Hyde per le ofantine, prima quasi perfette, poi assai involute: l’arcigna reazione nel quinto set non basta ad evitare lo stop. Il coach Drago lascia immutato il 6+1 di partenza: Altomonte in regia e Carlozzi fuorimano; Martilotti e De Toma laterali; Tralli e Piemontese centrali, più Tribuzio libero. De Rosa, tecnico di casa, risponde con: Sinisi alzatrice e Vecchietti opposto; Nolè ed Angelova di banda; Carbone e Muscillo in posto 3 e Ligrani in difesa. Gli attacchi si fronteggiano fin da subito e si procede all’insegna dei cambipalla: Carlozzi (tre punti sui primi otto delle ospiti) sancisce il primo timeout tecnico. Potenza chiama in causa le sue centrali, dall’altra parte (gran muro di Altomonte su Nolè) si prova ad aumentare il divario (9-12); Angelova però firma il pareggio, con le padrone di casa attivissime con Carbone. Il Centro Kos sbaglia e le virtussine filano sul 14-19, grazie ad un buon turno di Carlozzi dai nove metri: Valecce subentra a De Toma in ricezione e le ragazze di Drago sono a +6 (16-22) e, dopo una breve pausa per un controllo al referto, la Cav solidamente si porta in vantaggio, in virtù di un attacco out di Angelova. La sfida è appassionante, le due squadre si affrontano a viso aperto, non risparmiandosi in lunghi scambi. E’ un gran lavoro quello delle virtussine a muro: Tralli e Martilotti stoppano le avversarie, col capitano che ne stampa due consecutivi accompagnati da due schiacciate vincenti (6-11). De Toma piega le mani al muro locale per l’11-16 e Cerignola corre ad altissimi giri, posizionata ottimamente in difesa e dal grande rendimento in prima linea (ancora De Toma in diagonale stretta, 12-19); arriva un break positivo delle rossoblu (17-21) che provano a rientrare con Nolé e le offensive sballate delle rivali, ma Martilotti e Carlozzi ristabiliscono le distanze per una Libera Virtus a tratti magistrale.

Continua la striscia di muri punto cerignolani, eppure Potenza resta incollata e va in vantaggio di misura alla prima interruzione della terza frazione (8-7): De Rosa inverte Vecchietti ed Angelova, spostando la bulgara in posto 2; le ofantine non mantengono le alte percentuali in attacco e sembrano aver perso qualche sicurezza: le lucane sornione approfittano e ringraziano (16-11). Sale Angelova, che si unisce a Nolè e Carbone, mentre Tralli infila punti in fast: ciononostante, la Cav stacca la spina e regala, con molti errori, la possibilità di riaprire il match. Nolé trova sempre più varchi, la formazione foggiana è scomposta e non riesce a ritrovare ordine nella sua metà campo (8-5): l’inerzia della gara si è ribaltata, perché le giocatrici di De Rosa (ora concrete e precise) mandano in affanno quelle di Drago, il quale inserisce Albanese per De Toma. Persistono le difficoltà al cospetto di un Centro Kos di netto galvanizzato, che scappa via beneficiando anche delle realizzazioni di Vecchietti (21-12), ferma restando l’assoluta pericolosità di Nolè ed Angelova. L’allenatore molfettese fa rifiatare un po’ Altomonte facendo subentrare Minervini, le lucane si conquistano con merito la propria chance di vittoria al tiebreak.

Non era semplice resettare tutto, dopo due set in cui c’era poco da salvare: al rientro in campo, la Cav stringe i denti e l’equilibrio non si schioda, fin quando un cartellino rosso a Martilotti porta al cambio di campo (8-6). Il sestetto di casa tiene il distacco minimo, poi un attacco lungo di Nolè riconsegna la parità a quota 10: Carlozzi sprigiona la forza del suo braccio firmando il sorpasso in un quinto set intensissimo (11-12); Angelova sullo stesso numero sette cerignolano per il nuovo ribaltone, con la bulgara che dà il primo match point alle compagne. E’ De Toma ad allungare la contesa ai vantaggi, ma Vecchietti chiude nel festante baccano della palestra “Caizzo”. Una sconfitta che brucia tantissimo per la Libera Virtus, che fare i conti con alcuni cali di concentrazione che puntualmente si presentano ad un certo punto delle partite: spetta ai tecnici lavorare sulla mentalità di una squadra che, per diventare davvero una corazzata, deve imparare a gestire e superare tali momenti di impasse. Le gialloblu sono ora seconde in classifica, distanziate di due lunghezze da Altino: domenica prossima si torna al “Dileo”, per incrociare la Fiamma Torrese.

Ecco il tabellino della Cav Libera Virtus Cerignola, con le giocatrici andate a referto ed i relativi punti realizzati:

Altomonte 2, Carlozzi 18, Martilotti 20, De Toma 7, Tralli 10, Piemontese 4, Valecce, Minervini 1, Albanese, Tribuzio (libero).

CLASSIFICA ALLA QUARTA GIORNATA

Costruzioni Papa Altino 12; Cav Libera Virtus Cerignola 10; Assitec 2000 Sant’Elia 9; Pallavolo Minturno 8; Centro Kos Potenza, Accademia Benevento 6; Due Principati Baronissi, Fiamma Torrese 4; Givova Scafati 3; La Mimosa Teatina Chieti 1; Severiana Montescaglioso, Volare Olimpia Benevento 0.

CONDIVIDI