Una macchina perfetta, senza avarie al motore e con una velocità elevatissima, nonostante i tornanti e le insidie che potevano presentarsi sul Gargano. L’Audace Cerignola dà spettacolo a Monte Sant’Angelo, sommergendo 0-7 i generosi e volenterosi padroni di casa di D’Arienzo, imbattuti sul campo amico finora: l’ennesimo successo permette di allungare ancora in vetta sul San Marco, costretto al pari dall’Apricena. Out Matera e Dipasquale, Gallo sceglie Grimaldi in difesa e schiera Giuseppe Grieco in tandem con Schiavone in mediana; il tridente è formato da Morra, Lasalandra e Flavio Amoruso. Prima del fischio d’inizio, le due squadre partecipano al toccante omaggio a Francesco Sansone, giovane calciatore del Monte Sant’Angelo, prematuramente scomparso una decina di giorni fa. Subito in vantaggio l’Audace: illuminante lancio di Giuseppe Grieco a scavalcare la difesa, Lasalandra si invola in area, salta il portiere in uscita e deposita in rete a porta vuota (7′). Lo stesso numero dieci sventaglia per Russo, che si fa ipnotizzare da Palma, e poco più tardi Marinaro sicuro su una botta dalla distanza dei padroni di casa. E’ un incontro piacevole e frenetico, senza pause: al 25′ Lasalandra in azione solitaria finta l’apertura a destra, si gira sul sinistro e scarica un sinistro imprendibile per il raddoppio da oltre venti metri: a stretto giro di posta, Morra in diagonale sfiora il tris. Manovra ariosa, avvolgente e di grande qualità: la ricetta di un Cerignola sontuoso con un Giuseppe Grieco in grande spolvero; da un nuovo servizio calibrato per Lasalandra, lanciato verso la porta, nasce l’espulsione di Cantarale (fallo da ultimo uomo). I garganici (fra i quali emergono gli esperti D’Ambrosio e Scarano) soffrono terribilmente le scorribande degli esterni, salvandosi una volta sull’eccesso di altruismo di Russo assistito ancora da Grieco: nella seconda circostanza, Colucci è steso in area da Manzella: calcio di rigore che Lasalandra trasforma, a suggello della sua straordinaria prestazione nella prima frazione.

Gallo fin dagli inizi della ripresa preserva alcuni suoi uomini per l’impegno di giovedì in coppa Italia: fuori Schiavone e Colucci, dentro Pensa e Monopoli -più in là avvicendamento fra i fratelli Grieco-, con i cerignolani che proseguono il match con quattro under. Il Monte Sant’Angelo è costretto ad alzare definitivamente bandiera bianca al 55′, quando Lupoli viene mandato sotto la doccia anzitempo per doppia ammonizione (secondo giallo apparso ai più eccessivo). Dalla conseguente punizione, Morra calibra un missile terra-aria che termina la sua corsa nel sette, ed è poker: si torna nel cerchio di centrocampo e quasi istantaneamente Monopoli fugge via nella sguarnita difesa bianconera per la cinquina. Nella restante mezzora, le emozioni non mancano di certo: Russo centra l’incrocio dei pali, Ciano invece commette fallo da rigore su Valentino. L’avanti locale si fa neutralizzare il tiro dagli undici metri da Marinaro, che salva l’inviolabilità odierna della sua porta. Amoruso fa fare bella figura a Palma, dal conseguente corner la palla arriva a Pensa, il quale si inventa di sinistro una parabola perfetta “alla Del Piero” che bacia il palo e si insacca. Nel finale, sfortunato Amoruso nel cogliere il secondo palo ofantino di giornata, mentre all’ultimo secondo Monopoli fissa il risultato segnando la settima marcatura. I gialloblu comandano ora con tredici lunghezze sul San Marco, numeri astronomici se si considera che mancano ancora tre turni al giro di boa: giovedì intanto, sfida esterna ad Ordona per l’andata dei quarti di coppa Italia.

MONTE SANT’ANGELO-AUDACE CERIGNOLA 0-7

Monte Sant’Angelo: Palma, Manzella, Santoro, D’Ambrosio, Quitadamo, Cantarale, Valentino, Lauriola, Lupoli, Scarano, Simone (41′ Ciullo). A disposizione: Rignanese, Gatta, Altavilla, Frattarulo, De Fabritis. Allenatore: Matteo D’Arienzo.

Audace Cerignola: Marinaro, Grimaldi, Colucci S. (52′ Monopoli), Ciano, Colangione, Grieco Giuseppe (66′ Grieco Gabriele), Russo, Schiavone (49′ Pensa), Morra, Lasalandra, Amoruso F.. A disposizione: Vurchio, Amoruso D., Borrelli, Conte. Allenatore: Massimo Gallo.

Reti: 7′, 25′ e 44′ (rig.) Lasalandra, 56′ Morra, 57′ Monopoli, 81′ Pensa, 91′ Monopoli.

Ammoniti: Manzella, Lupoli (MSA); Ciano (AC). Espulsi: Cantarale (MSA) al 27′ per fallo da ultimo uomo e Lupoli (MSA) al 55′ per doppia ammonizione.

Angoli: 4-5. Fuorigioco: 4-5. Recuperi: 1’pt, 1′ st.

Note: Marinaro (AC) para al 74′ un rigore a Valentino (MSA).

Arbitro: Spina (Barletta). Assistenti: Lacerenza-Azzariti (Barletta).

CLASSIFICA ALLA DODICESIMA GIORNATA

Audace Cerignola 34; San Marco 21; Fortis Altamura, Modugno (ex Nuova Molfetta) 20; Real Noci, Reali Siti 19; Rinascita Rutiglianese 18; Sporting Ordona 17; Canosa, Madre Pietra Apricena, Ascoli Satriano 16; Monte Sant’Angelo, Virtus Bitritto 15; Giovinazzo 9; Polimnia 7; Quartieri Uniti Bari 0.

CONDIVIDI