Si è celebrato ieri il Dogma dell’Immacolata Concezione, proclamato l’8 Dicembre 1854 da Pio IX con la bolla Ineffabilis Deus.

Cento anni dopo, nel 1954, la comunità della Parrocchia “S.Antonio da Padova” di Cerignola e la Confraternita di S. Maria della Pietà decisero di solennizzare l’avvenimento con l’incoronazione della statua settecentesca dell’Immacolata, opera del Brudaglio. L’incoronazione avvenne in Cattedrale per le mani dell’Eminentissimo Cardinal Ottaviani. Il culto di Maria “Madre della Chiesa” ha  accompagnato la vita comunitaria della Parrocchia negli anni e, nel 2004, in occasione del 150°anniversario della proclamazione del Dogma e nel 50° anniversario dell’Incoronazione del simulacro, la Parrocchia  “S. Antonio da Padova”  ha festeggiato “L’anno mariano parrocchiale” che ha portato a vivere con fede adulta l’8 dicembre e la solenne processione dell’Immacolata.

Oggi, a conclusione del 60° anniversario dell’Incoronazione del simulacro dell’Immacolata, nell’anno giubilare della Misericordia indetto da Papa Francesco e inauguratosi proprio ieri, la Parrocchia di S.Antonio, guidata da don Giuseppe Russo e dal priore della Confraternita di S. Maria della Pietà, Gerardo Leone, si ritrova  solennizzarne la memoria. Giovedì 10 Dicembre, infatti, la statua della Vergine Immacolata, dopo la solenne celebrazione delle ore 18.00, si muoverà in  una fiaccolata di preghiera che la condurrà nella Basilica Cattedrale dove dimorerà fino a Domenica 20 per fare ritorno nella Parrocchia di provenienza. Il simulacro sarà uno dei segni di questo anno giubilare che, a livello diocesano, si aprirà il 13 Dicembre prossimo.

“L’anno giubilare è soprattutto l’anno di Cristo- ha dichiarato il Vescovo Felice di Molfetta– Se Cristo è il senso della vita cristiana, Maria è la via per andare a Gesù, essa è la discreta ma efficace maestra della nostra vita, è lei che ci educa a riconoscere in Gesù il Figlio di Dio, è Maria che ci invita a fare di Cristo il nostro programma”.