Nel comunicato ufficiale della Figc Puglia di ieri, il n° 45 del 10/12/2015, era stata riportata la sconfitta 3-0 a tavolino dell’Audace Cerignola in casa dello Sporting Ordona nell’andata dei quarti di finale di coppa Italia di Promozione, sovvertendo il risultato conseguito sul campo (1-2), a causa della mancata osservanza dell’impiego degli under.

Si tratta di una svista da parte della stessa Federcalcio regionale, perché la formazione di Massimo Gallo ha schierato regolarmente e per tutta la durata del match i tre under, come da regolamento: in distinta fra i titolari c’erano infatti Monopoli (classe ’96), Daniele Amoruso e Grimaldi (classe ’97); nella ripresa poi ha fatto il suo ingresso Fiorino.

Un abbaglio che ha sorpreso un po’ tutti in società, tant’è vero che il tutto è partito autonomamente dalla sede di via Nicola Pende a Bari: per giunta, lo Sporting Ordona non ha presentato ricorso, avvalorando la assoluta regolarità delle azioni gialloblu. E’ l’Audace stessa invece ad aver presentato un ricorso d’urgenza alla Figc, che sarà discusso al più presto, poiché giovedì prossimo al “Monterisi” è in programma la gara di ritorno. Un palese errore burocratico “al contrario” che sarà certamente sanato tra qualche giorno, ripristinando l’esito sancito dal campo.

CONDIVIDI