Tanta buona volontà e voglia di donare amore. Questa la ricetta per chi opera nel terzo settore e a maggior ragione con persone disabili e/o ammalate, questo il percorso guida dell’UNITALSI (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali). A Cerignola, sotto del Presidente Rosa Camerino, tanto ha fatto in questo 2015 il gruppo. Dalla festa della pentolaccia regionale “cocci di gioia” per i bambini disabili di tutta la Puglia a cui hanno partecipato circa 500 persone tra bambini normodotati, disabili e accompagnatori volontari, ai consueti pellegrinaggi a Lourdes, San Giovanni Rotondo e Pompei.

Un percorso di aiuto che intreccia con i percorsi di vita degli operatori e quelli dei fruitori. «Ogni settimana durante tutto l’anno ci si incontra lunedì, giovedì, sabato in sede – racconta a lanotiziaweb.it il segretario di Sottosezione Milena Berardi -, e la domenica per la Santa Messa. Una intensa attività che coinvolge tutti e permette di realizzare una gran mole di eventi durante tutto l’anno. Il nostro impegno dura tutto l’anno e non conosce festività. In estate ad esempio organizziamo una colonia estiva di 15 giorni al mare. Anche a Natale e a San Silvestro stiamo tutti insieme a festeggiare con i nostri amici ammalati».

E per concludere l’anno in bellezza, oltre alle consuete festività con gli ammalati, l’Unitalsi sarà presente domenica prossima allo Stadio Monterisi, in occasione dell’ultimo match casalingo pre-natalizio dell’Audace Cerignola. Saranno disposti alcuni gazebo per la sensibilizzazione e la raccolta fondi a sostegno del gruppo di Cerignola.

Un 2015 di solidarietà da incorniciare? «Ogni successo credo sia sempre un punto di partenza – conclude la Berardi -. Ma al di là di questo, per noi ogni sorriso dei nostri amici è un momento da incorniciare. In questo 2015 abbiamo fatto tanto e per questo dico grazie a tutti coloro che hanno dedicato del tempo a questa nobile opera».